Tag Archives: avidità

Pensieri luddisti

Per tutta la sua pretenziosità, La cucina francese è davvero incredibile. Sicuro, Io non sono un intenditore di degustazione, ma i francesi sanno davvero come mangiare bene. Non c'è da stupirsi che i migliori ristoranti del mondo sono per lo più francesi. L'aspetto più cruciale di un piatto francese di solito è la sua delicata salsa, insieme con tagli a scelta, e, naturalmente, presentazione ispirato (AKA piatti enormi e porzioni minuscole). Gli chef, quegli artisti nei loro cappelli bianchi alti, mostrare il loro talento soprattutto nelle sottigliezze della salsa, per i quali patroni saperla felicemente consegnare ingenti somme di denaro in tali stabilimenti, metà dei quali sono chiamati “Cafe de Paris” o avere la parola “piccolo” nei loro nomi.

Gravemente, salsa è re (utilizzare Bollywood gergo) in cucina francese, così ho trovato scioccante quando ho visto questo su BBC che sempre più chef francesi sono stati ricorrono alle salse fabbrica fabbricati. Anche le fettine di uova sode guarnire le loro insalate costosissime sono disponibili in una forma cilindrica avvolto in plastica. Come potrebbe questo essere? Come potevano usare garbage-produzione di massa e fingere di essere servendo le migliori esperienze gastronomiche?

Sicuro, possiamo vedere l'avidità aziendale e personale guida le politiche di tagliare gli angoli e utilizzare il più economico degli ingredienti. Ma c'è una storia di successo delle piccole tecnologia qui. Qualche anno fa, Ho letto sul giornale che hanno trovato uova di gallina falsi in alcuni supermercati cinesi. Li avevamo “fresco” uova, con conchiglie, tuorli, bianchi e tutto. Si potrebbe anche fare frittate con loro. Immagina che — un vero e proprio uovo di gallina, probabilmente costa solo pochi centesimi per produrre. Ma qualcuno potrebbe impostare un processo di fabbricazione che potrebbero sfornare uova finte più conveniente di quello. Bisogna ammirare l'ingegnosità coinvolti — meno, naturalmente, devi mangiare le uova.

Il problema con i nostri tempi è che questa ingenuità sgradevole è tutto pervasivo. È la norma, non l'eccezione. Lo vediamo nelle vernici contaminato sui giocattoli, rifiuti nocivi trasformato in fast food (o anche fine-pranzo, apparentemente), veleno nel cibo per bambini, fine-stampa fantasiosa su documenti finanziari e “EULA”, componenti declassati e raffazzonature in macchinari critica — su ogni aspetto della nostra vita moderna. Dato un tale contesto, come facciamo a sapere che il “organico” produrre, se paghiamo quattro volte di più per esso, è diverso dalla produzione normale? Per dirla tutta fino alla avidità aziendale senza volto, come la maggior parte di noi tendono a fare, è un po 'semplicistico. Andando un passo avanti per vedere la nostra avidità collettiva nel comportamento aziendale (come ho orgogliosamente fatto un paio di volte) è forse anche banale. Quali sono imprese in questi giorni, se non collezioni di persone come te e me?

C'è qualcosa di più profondo e più preoccupante in tutto questo. Ho alcuni pensieri sconnessi, e cercherà di scrivere in una serie in corso. Ho il sospetto che questi miei pensieri vanno al suono simile a quelli luddisti non-popolare da il famigerato Unabomber. La sua idea era che i nostri istinti animaleschi normali del tipo cacciatori-raccoglitori sono stati soffocati dalle società moderne che abbiamo sviluppato in. E, a suo avviso, questa trasformazione sgradito e la conseguente tensione e lo stress possono essere contrastati solo da una distruzione anarchica dei propagatori del nostro cosiddetto sviluppo — cioè, università e altri generatori di tecnologia. Quindi il bombardamento di professori innocenti e tali.

Chiaramente, Non sono d'accordo con questo luddista ideologia, per se ho fatto, Avrei dovuto prima bomba me stesso! Sto allattando una linea molto meno distruttiva del pensiero. I nostri progressi tecnologici e le loro contraccolpi indesiderate, con sempre maggiore frequenza e ampiezza, mi ricordano qualcosa che ha affascinato la mia mente geniale — la transizione di fase tra strutturata (laminare) e caotico (turbolento) Stati in sistemi fisici (quando portate attraversano una certa soglia, per esempio). Stiamo avvicinando a una tale soglia di transizione di fase nei nostri sistemi sociali e strutture sociali? Nei miei momenti luddisti moody, Sono certo che siamo.

Systems and People

One of my friends found my post on Bill Gates and his philanthropic efforts less than persuasive. He said Bill just couldn’t be a good guy. It may be true, I just have no way of knowing it. I am in a benevolent and optimistic mood in the last few years, so I tend to see the rosy side of things. My friend’s objection was that Gates would squeeze blood out of a stone, if he could, while what he probably meant was that Microsoft was as ruthless a corporation as they came. Therein lies the crux of the problem with our modern era of greed and excess. We see the figureheads standing in front of the soulless corporate entities and attribute the evils of the latter to them. Vero, the figureheads may not all be innocent of greed and excesses, but the true evil lies in the social structure that came with the mega corporates, which is what I wanted to talk about in this note. What is this “sistema”?

It is a complex and uneasy topic. And this little analysis of mine is likely to draw flak because it is going to point right back at us. Because we are all part of the system. So let me spell it out right away. It is our greed (sì, yours and mine) that fuels the paychecks of those fat cats at the helm of large companies because they can and do exploit our unreasonable dreams of riches and creature comforts. It is our little unkindnesses and indifferences that snowball into the unstoppable soullessness of giant corporations. We all had our little roles to play, and nobody is innocent. Ci, I have said it.

Before I accuse you and me of being part of the system (a possibly evil one), I have to clarify what I mean by “the system.” Let’s start with an example. We buy a coffee from Starbucks, per, say five bucks. We know that only a couple of cents of the money we pay will actually go to the farmer in Africa who produced the most important ingredient — the coffee. Ora, Starbucks would tell you that it is not just the coffee that they are selling, it is the experience, the location, and of course, high-quality coffee. All true. But where does the rest of the money go? A large part of it will end up in the top executives’ compensation. And why do we find it normal and tolerate it? Of the many reasons, the primary one is simple — we do it because we can afford to. And because we want to feel and show that we can pay five bucks for a cup of coffee. A bit of vanity, a bit of extravagance — some of the vices we don’t like to see in ourselves, but the soulless giants cynically manipulate.

The trouble with the system, come molte altre cose nella vita, is that it is not all white or black. Look at Starbucks again. Its top brass is likely to be enjoying obscene levels of rewards from our foibles and the remote coffee farmers’ helplessness. But they also employ local kids, pay rent to local landlords, and generally contribute to the local economy. Local benefits at the expense of remote pains and personal failings that we’d rather not see. But the remote pains that we distance ourselves from are real, and we unwittingly add to them.

The system that brings about such inequities is much more pervasive that you can imagine. If you are a banking professional, you might see that at least part of the blame for the coffee farmers’ unhappiness lies with the commodities trading system. But it is not something that stands on its own, with no relation to anything else. When you get your salary through a bank, the money in the account may be used for proprietary trading, resulting in huge profits and price volatilities (in food prices in the third world, per esempio). But you prefer to leave it in the bank because of the conveniences of credit/debit cards, automatic bill payments etc., and perhaps for the half a percent interest you get. You certainly don’t want to harm the poor farmers. But does the purity of your intentions absolve you of the hardships caused on your behalf?

The thing is, even you see this involvement of yours, decide to pull all your money out of the bank, and keep it under your mattress, it doesn’t make a goddamn difference. The system is so big that your participation or lack thereof makes no difference at all, which is why it is called a system. I feel that the only way you can make a difference is to use the system to your advantage, and then share the benefits later on. This is why I appreciated Bill Gates’s efforts. Nobody took more advantage of the system than he did, but nobody has more to share either.