Anti-relatività e Superluminality

Leo e CCC,,en,state entrambi pensando allo spazio come reale,,en,mentre sto cercando di intrufolarmi nella nozione che non lo è,,en,Occhiolino,,en,Lasciami iniziare con il suono,,en,È reale,,en,Non si può rispondere a questa domanda senza prima definire,,en,che suono è,,en,Quando cade un albero,,en,come nell'enigma sovrasfruttato,,en,crea delle onde di pressione nell'aria,,en,Se c'è qualcuno in giro,,en,poi le onde di pressione colpiscono le loro orecchie,,en,Le orecchie eseguono un'analisi dello spettro e inviano i segnali elettrici corrispondenti al cervello,,en,E nel cervello,,en,alcuni neuroni sparano in alcune aree specializzate,,en,Questa è l'intera catena,,en,non c'è nient'altro,,en,Abbiamo un albero che cade,,en,onde di pressione,,en,segnali elettrici che mappano le frequenze,,en,alcuni neuroni sparano,,en,Dov'è il suono,,en,Suono,,en,è la magia che il cervello esegue,,en,È vero,,en, you are both thinking of space as real, while I’m trying to sneak in the notion that it is not. :wink:

Let me start with sound. Is sound real? One cannot answer that question without first defining, in un certo senso, what sound is. When a tree falls (as in the over-used conundrum), it creates some pressure waves in the air. If there is somebody around, then the pressure waves hit their ears. The ears perform a spectrum analysis and send the corresponding electrical signals to the brains. And in the brains, some neurons fire in some specialized areas. This is the whole chain. Fisicamente, there is nothing more. We have a falling tree, pressure waves, electrical signals mapping frequencies, some neurons firing. Where is sound? Sound, a mio parere, is the magic that the brain performs. Is it real? A mio parere, non; è solo un quadro cognitivo che il particolare processo evolutivo di cui siamo parte ha scelto di equipaggiarci,,en,È una mappatura dei nostri segnali uditivi,,en,dovremmo pensare allo spazio come a una mappatura cognitiva che il nostro cervello crea dai nostri input visivi,,en,il nostro tocco e i nostri sensi uditivi forniscono alcune prove corroboranti a questa immagine,,en,Proprio come le onde di pressione create da un albero che cade sono solide solo se siamo lì per ascoltarlo,,en,i fotoni casuali che fluttuano sono lo spazio e un universo con stelle e galassie solo se siamo qui per elaborarli,,en,So che questo argomento potrebbe sembrare un po 'brusco,,en,Ho scritto un intero libro che tratta di questa nozione,,en,e non sono sicuro di aver ancora convinto nessuno,,en,Ora la vera domanda interessante è,,en,ci sono i fotoni o le onde di pressione per cominciare,,en. It is a mapping of our auditory signals.

In un esatto parallelo, we should think of space as a cognitive mapping our brain creates out of our visual inputs. Vero, our touch and auditory senses provide some corroborating evidence to this picture. Just as the pressure waves created by a falling tree are sound only if we are there to hear it, the random photons floating around are space and a universe with stars and galaxies only if we are here to process them.

I know this argument may sound a bit abrupt. Dopotutto, I wrote a whole book dealing with this notion, and I’m not sure I convinced anybody yet! Now the real interesting question is, are there photons or pressure waves to begin with? Sono parte del quadro cognitivo che abbiamo creato per noi stessi,,en,qualcosa che Leo ha giustamente sottolineato prima,,en,tornando alla questione dello spazio tridimensionale,,en,Credo che la nostra visione binoculare abbia davvero portato il nostro cervello a creare questa particolare rappresentazione dello spazio tridimensionale,,en,Se avessimo un solo occhio,,en,probabilmente il cervello avrebbe evoluto un'immagine in cui le dimensioni di un predatore rappresentavano il livello del pericolo corrispondente,,en,Proprio come l'intensità del suono ci dà un indizio sulla distanza della sua fonte,,en,questa è tutta la mia speculazione,,en,Leo,,en,scrivi programmi di simulazione,,en,Mi chiedo se potessi capire come i pipistrelli percepirebbero il movimento usando l'ecolocalizzazione,,en,La mia ipotesi è che sarebbe esattamente come la relatività speciale con la velocità della luce sostituita dalla velocità del suono,,en – something Leo rightly pointed out earlier.

Ora, coming back to the question of 3-D space, I believe that our binocular vision really resulted in our brain creating this particular representation of 3-D space. If we had only one eye, the brain probably would’ve evolved a picture where the size of a predator representing the level of the corresponding danger (per esempio). Just like the intensity of sound gives us a clue as to the distance of its source. Naturalmente, this is all my speculation…

Leo, you write simulation programs? Wonder if you could figure out how bats would perceive motion using echolocation? My guess is that it would be exactly like special relativity with the speed of light replaced with the speed of sound.

Commenti