Vedere e Credere

Quando apriamo gli occhi e guardiamo a qualche cosa, vediamo che cosa maledetta. Che cosa potrebbe essere più evidente di quello, diritto? Diciamo che si sta guardando il tuo cane. Quello che vedete è davvero il vostro cane, perché, se vuoi, è possibile raggiungere e toccare. Abbaia, e si può sentire la trama. Se puzza un po ', si può sentire l'odore. Tutti questi indizi percettivi supplementari confermano la tua convinzione che ciò che state vedendo è il tuo cane. Direttamente. Senza fare domande.

Naturalmente, il mio lavoro su questo blog è di porre domande, e dubbi del cast. Prima di tutto, vedere e toccare sembrano essere un po 'diverso dal sentire e odorare. Non si sente assolutamente il vostro cane abbaiare, si sente il suono. Allo stesso modo, non è l'odore direttamente, si sente odore l'odore, la scia chimica il cane ha lasciato in aria. Audizione e odore sono tre posto percezioni — il cane genera il suono / odore, il suono / odore viaggia per voi, si percepisce il suono / odore.

Ma vedendo (o toccare) è una cosa a due posto — il cane si, e qui percepire direttamente. Perché? Perché riteniamo che quando vediamo o tocchiamo qualcosa, sentiamo direttamente? Questa fede nella veridicità percettiva di ciò che vediamo si chiama realismo ingenuo. Noi, naturalmente, sappiamo che coinvolge vedere la luce (così fa toccare, ma in modo molto più complicato), quello che stiamo vedendo è la luce riflessa da un oggetto e così via. È, infatti, non è diverso da sentire qualcosa. Ma questa conoscenza del meccanismo di vedere non altera la nostra naturale, vista del senso comune che ciò che vediamo è ciò che è là fuori. Vedere per credere.

Estrapolato dalla versione ingenuo è il realismo scientifico, che afferma che i nostri concetti scientifici sono anche reale, vedevamo noi non li possiamo percepire direttamente. Così gli atomi sono reali. Gli elettroni sono reali. Quark sono reali. La maggior parte dei nostri scienziati migliori là fuori sono stato scettico su questo extraploation alla nostra idea di ciò che è reale. Einstein, probabilmente il meglio di loro, sospettavano che anche lo spazio e il tempo potrebbero non essere reali. Feynman e Gell-Mann, dopo lo sviluppo di teorie sulla elettroni e quark, espresso l'opinione che gli elettroni e quark potrebbero essere costrutti matematici piuttosto che entità reali.

What I am inviting you to do here is to go beyond the skepticism of Feynman and Gell-Mann, and delve into Einstein’s words — space and time are modes by which we think, not conditions in which we live. The sense of space is so real to us that we think of everything else as interactions taking place in the arena of space (and time). But space itself is the experience corresponding to the electrical signals generated by the light hitting your retina. It is a perceptual construct, much like the tonality of the sound you hear when air pressure waves hit your ear drums. Our adoption of naive realism results in our complete trust in the three dimensional space view. And since the world is created (in our brain as perceptual constructs) based on light, its speed becomes an all important constant in our world. And since speed mixes space and time, a better description is found in a four dimensional Minkowski geometry. But all these descriptions are based on perceptual experiences and therefore unreal in some sense.

I know the description above is highly circular — I talked about space being a mental construct created by light traveling through, get this, space. And when I speak of its speed, naturally, I’m talking about distance in space divided by time, and positing as the basis for the space-time mixing. This circularity makes my description less than clear and convincing. But the difficulty goes deeper than that. You see, all we have is this cognitive construct of space and time. We can describe objects and events only in terms of these constructs even when we know that they are only cognitive representations of sensory signals. Our language doesn’t go beyond that. Well, it does, but then we will be talking the language, for instance, of Advaita, calling the constructs Maya and the causes behind them Brahman, which stays unknowable. Or, we will be using some other parallel descriptions. These descriptions may be profound, wise and accurate. But ultimately, they are also useless.

But if philosophy is your thing, the discussions of cognitive constructs and unknown causations are not at all useless. Philosophy of physics happens to be my thing, and so I ask myself — what if I assume the unknown physical causes exist in a world similar to our perceptual construct? I could then propagate the causes through the process of perception and figure out what the construct should look like. I know, it sounds a bit complex, but it is something that we do all the time. We know, for instance, that the stars that we see in the night sky are not really there — we are seeing them the way they were a few (or a few million or billion) years ago because the light from them takes a long time to reach us. Physicists also know that the perceived motion of celestial objects also need to be corrected for these light-travel-time effects.

In fact, Einstein used the light travel time effects as the basis for deriving his special theory of relativity. He then stipulated that space and time behave the way we perceive them, derived using the said light-travel-time effects. This, of course, is based on his deep understanding that space and time are “the modes by which we think,” but also based on the assumption that the the causes behind the modes also are similar to the modes themselves. This depth of thinking is lost on the lesser scientists that came after him. The distinction between the modes of thinking and their causation is also lost, so that space and time have become entities that obey strange rules. Like bent spoons.

Photo by General Press1

Comments