Come evitare le importazioni duplicati in iPhoto

Per il fotografo in erba in te, iPhoto è una manna dal cielo. E 'il programma di organizzazione iLife foto che viene pre-installato sul vostro sciccoso nuovo iMac o Mac Book Air. Infatti, Mi spingerei a dire che iPhoto è uno dei principali motivi per passare a un Mac. Lo so, ci sono alternative, ma per una perfetta integrazione e liscio-seta del flusso di lavoro, iPhoto regna sovrana.

iPhotoTaggerMa (di, c'è sempre un “ma”), il flusso di lavoro in iPhoto può creare un problema per alcuni. Si aspetta di riprendere le immagini, collegare la fotocamera al vostro Mac, spostare le foto dalla fotocamera al Mac, migliorare / modificare e condividere (Facebook, flickr) o di stampa o fare libri fotografici. Questo flusso (con qualche riconoscimento facciale, rimozione effetto occhi rossi, creazione di eventi / album, ecc) funziona come un fascino — Se si sono appena agli inizi con la vostra nuova macchina fotografica digitale. Che cosa succede se si dispone già di 20,000 vecchie foto e scansioni sul vostro vecchio computer (in “My Pictures”)?

Questo è il problema ho dovuto affrontare quando ho iniziato a giocare con iPhoto. Mi vanto di anticipare tali problemi. Così, Ho deciso di importare la mia vecchia biblioteca con molta attenzione. Durante l'importazione “My Pictures” (che è stato abbastanza organizzata per cominciare), Sono andato attraverso di essa cartella per cartella, trascinandoli-and-drop su iPhoto e, contemporaneamente, etichettarle (e le foto in esso) con quello che ho pensato fossero colori appropriati. (Ho usato il “Ottieni informazioni” funzione nel Finder per etichette a colori.) Ho pensato che stavo essendo intelligente, ma ho finito con una multa (ma colorato) pasticcio, con le mie cartelle e le foto sportive colori casuali. Sembrava impossibile confrontare e capire e dove il mio 20,000 foto GOT importati in iPhoto; così ho deciso di scrivere il mio primo Mac App — iPhotoTagger. Mi ci sono voluti circa una settimana per scrivere, ma risolto le mie preoccupazioni foto. Ora voglio venderlo e fare qualche soldo.

Ecco ciò che fa. E prima passa attraverso la vostra libreria di iPhoto e cataloghi quello che hai lì. E poi esegue la scansione della cartella specificata e confronta le foto in là con quelli presenti nella libreria. Se una foto viene trovato esattamente una volta, otterrà una etichetta verde, in modo che si distingue quando si passa a esso nel Finder (che è Mac-talk per Windows Explorer). Allo stesso modo, se la foto appare più di una volta nella tua libreria iPhoto, sarà contrassegnata in giallo. E, andare il miglio supplementare-, iPhotoTagger colorerà la cartella verde se tutte le foto all'interno sono stati importati nella libreria iPhoto. Quelle cartelle che sono state in parte importati verranno marcate Giallo.

Il confronto foto è fatto usando i dati Exif, ed è abbastanza accurato. Si noti che iPhotoTagger non modifica nulla nella vostra libreria iPhoto. In questo modo sarebbe saggio. Essa si limita a leggere in biblioteca per raccogliere informazioni.

Questa prima versione (V1.0) viene rilasciato per testare le acque, per così dire, ed è al prezzo di $1.99. Se c'è abbastanza interesse, Lavorerò sulla V2.0 con prestazioni migliorate (utilizzando Perl e SQLite, se si deve sapere). Io prezzo su $2.99. E, se l'interesse non diminuisca, un V3.0 (per $3.99) apparirà con un file di aiuto corretta, riquadro prestazioni, opzioni per scegliere la propria combinazione di colori, Commenti SpotLight (e, se si deve sapere, probabilmente riscritto in Objective-C). Prima di correre a mandarmi i soldi, sappiate che iPhotoTagger richiede Snow Leopard e Lion (OS-X 10.6 e 10.7). In caso di dubbio, puoi scaricare la versione lite e giocare con lui. E 'completamente funzionale, e creerà liste di foto / cartelle da essere marcati in verde e giallo, ma non sarà effettivamente tag.

Commenti