Ciò che è reale? Le discussioni con Ranga.

mar, Maggio 22, 2007 a 6:23 PM
Hi Ranga:I disagree with a lot of your comments in the last mail, so let me try to voice my views properly.

Sound is important to a bat, but is not the only way it perceives the external world let alone its own body. So is light for humans. To focus on light as a research strategy is different from saying that light is fundamentally special to us. Così, in terms of AR or even R, light has no special place as such.

Questa affermazione sulla luce non ha un posto speciale nel nostro PR non sembra seguire dalle frasi precedenti. La mia tesi è questa: Lo spazio è una rappresentazione cognitiva della luce che cade nei nostri occhi, proprio come il suono è una rappresentazione delle onde di pressione dell'aria che rientrano nelle nostre orecchie. Quindi, nel nostro spazio, luce ha un posto speciale. Più specificamente, la sua velocità ha un posto speciale nel modo in cui percepiamo il movimento nel nostro spazio.

Anche, R deve essere definito più chiaramente applicabile a tutti gli esseri, o solo per gli esseri umani, o solo a te. Questo è di per sé un labirinto concettuale- se avete pensato.

PR non deve essere la stessa per diverse modalità sensoriali, molto simile spazio e suono non devono essere uguali. Lasciatemi illustrare con un esempio. Si supponga che vi viene chiesto di calcolare come colpire un bersaglio in movimento con un proiettile. Dire, un oggetto si muove lontano da voi e si misura la velocità per essere la metà della velocità del suono, hai una pistola che spara un guscio ad una costante velocità orizzontale di 0.75 Mach. Qual è l'angolo del muso pistola? È possibile utilizzare la meccanica classica e risolvere abbastanza facilmente. Diciamo che l'angolo è A. Ora supponiamo che si pongono lo stesso problema di un ipotetico, bat intelligente (che è cieco). Si può dimostrare che l'utilizzo echolocation, la mazza misurerà una velocità diversa per l'oggetto e il guscio. Infatti, egli sarebbe utilizzando qualcosa di molto simile alla meccanica relativistica (con la velocità della luce sostituita dalla velocità del suono) perché la sua echolocated “spazio” obbediranno che la meccanica. Ma la risposta finale per l'angolo che esce con sarà ancora un. Ora, solo perché tu e la mazza venire con lo stesso angolo non significa che lo spazio come si sia vedere (la PR) è uguale. Lo spazio può essere molto diversa in diverse modalità sensoriali. Lo spazio del pipistrello obbedisce relatività mentre la vostra obbedisce meccanica classica.

But your explanations of the phenomenal world (for example GRBs) are not based on any aspect of AR at all, as it is not accessible to us, by our own definition. Così, starting off with a framework of AR (as in your block diagram of AR->Percezione / Cognition->Realtà percepita- >Dell'alimentatore:>Scienza) è 1) misleading 2) not necessary as it is not used at all in the explanation of GRB.

Temo di non sono d'accordo con voi qui o. La spiegazione GRB si basa sul presupposto che AR obbedisce meccanica classica (CM) non speciale relatività (SR), mentre PR obbedisce SR. Nel mio blocco schema va come questa: AR (CM) ->Percezione / Cognition->Realtà percepita (SR) ->Dell'alimentatore:>Scienza

The critical point in the explanation of GRB is the questioning of the light barrier which was created by a previous theory and not by any aspect of this framework.

Non proprio. Il punto critico è che è il PR che obbedisce SR. Non sappiamo nulla circa la meccanica obbedito da AR. Ma possiamo certamente capire che tipo di PR che otterremmo se AR obbedito CM. Si scopre che avremmo avuto qualcosa di simile a SR (indicando che CM è un buon candidato per la meccanica di AR). Così, la fotocellula esiste solo in PR, non in AR.

This new theory has to be explained in terms of how to falsify and test it. With more perceptual observations one can then prove or disprove this theory. If one does not recognize this one gets into conceptual confusion.

La mia idea (Non so se è abbastanza profonda per essere chiamato una teoria) è solo che AR non deve obbedire SR. Non deve obbedire CM sia, ma se fatto, avremmo avuto un PR molto come lo spazio che percepiamo con le strane proprietà in movimento sensing. Sembra così ovvio per me, ma sto avendo un momento così difficile comunicarlo, qualcuno molto meno convincente.

Ulteriormente, one may mislead people into believing that science by rigorous analysis can help to see absolute reality (even if one intends not to perpetuate this notion). I think you should especially avoid this notion in your book.

Nel mio libro, Premetto che ripetutamente che AR è al di là della nostra portata, comprensione; è etc inconoscibile. Anche quando affermo che CM è un possibile candidato per AR, Prendo qualche problema di spiegare che è solo uno dei possibili candidati, ci possono essere altri. PR alla mappatura AR è uno-a-molti (moltissimi, infatti).

This question is based on the assumption of a traditional notion of causation that something has to cause something else. When you are still working within this premise, you are still asking such questions. The notion of causality itself needs to be questioned. Do check J. Pearl (2000) – Causality: models, reasoning and inference and other related works. The concept of Brahman and Atman, and that of Sunyata in Buddhism, questioned causation even before Hume did it. We have to guard our scientific arrogance against taking a superiority attitudewe have yet to fathom some of these concepts.

Sono d'accordo con voi qui, non c'è una ragione a priori per la causalità da rispettare nel contesto Brahman-Maya. Mi chiedo se si fosso causalità, si finisce in un solipsismo?

Si può essere senza l'altro? Può sembrare essere senza onde di pressione dell'aria? È qui che si è messo in discussione se Maya può esistere senza Brahman o viceversa.

Certo si può avere suono senza onde di pressione dell'aria. Nei tuoi sogni, for instance 🙂

Questo è stato un po 'di tongue-in-cheek, but I have a point there. Probabilmente non esiste Maya senza Brahman. Ma Brahman può certamente esistere in assenza di un essere cosciente, e quindi in assenza di Maya. Almeno, questa è la mia comprensione del Brahman e Maya. La mia mente la causalità-bound può esprimere solo come, “Brahman crea Maya.”

There are some other comments in your mail that I didn’t respond to. I picked on the ones that I didn’t quite agree with.

Look forward to your rebuttals. 🙂

– evviva,
– Manoj

Commenti

Un pensiero su "ciò che è reale? Le discussioni con Ranga.”

I commenti sono chiusi.