Tag Archives: relatività

Debates and Discussions on http://www.anti-relativity.com/forum.
(My writings only.)

What Does it Feel Like to be a Bat?

It is a sensible question: What does it feel like to be a bat? Although we can never really know the answer (because we can never be bats), we know that there is an answer. It feels like something to be a bat. Bene, at least we think it does. We think bats have coscienza and conscious feelings. D'altronde, it is not a sensible question to ask what it feels like to be brick or a table. It doesn’t feel like anything to be an inanimate object.

Continua a leggere

Bye Bye Einstein

Starting from his miraculous year of 1905, Einstein has dominated physics with his astonishing insights on space and time, and on mass and gravity. Vero, there have been other physicists who, with their own brilliance, have shaped and moved modern physics in directions that even Einstein couldn’t have foreseen; and I don’t mean to trivialize neither their intellectual achievements nor our giant leaps in physics and technology. But all of modern physics, even the bizarre reality of quantum mechanics, which Einstein himself couldn’t quite come to terms with, is built on his insights. It is on his shoulders that those who came after him stood for over a century now.

One of the brighter ones among those who came after Einstein cautioned us to guard against our blind faith in the infallibility of old masters. Taking my cue from that insight, Io, per una, think that Einstein’s century is behind us now. Lo so, coming from a non-practicing physicist, who sold his soul to the finance industry, this declaration sounds crazy. Delusional even. But I do have my reasons to see Einstein’s ideas go.

[animation]Let’s start with this picture of a dot flying along a straight line (on the ceiling, so to speak). You are standing at the centre of the line in the bottom (on the floor, distante). If the dot was moving faster than light, how would you see it? Bene, you wouldn’t see anything at all until the first ray of light from the dot reaches you. As the animation shows, the first ray will reach you when the dot is somewhere almost directly above you. The next rays you would see actually come from two different points in the line of flight of the dot — one before the first point, and one after. Così, the way you would see it is, incredible as it may seem to you at first, as one dot appearing out of nowhere and then splitting and moving rather symmetrically away from that point. (It is just that the dot is flying so fast that by the time you get to see it, it is already gone past you, and the rays from both behind and ahead reach you at the same instant in time.Hope that statement makes it clearer, rather than more confusing.).

[animation]Why did I start with this animation of how the illusion of a symmetric object can happen? Bene, we see a lot of active symmetric structures in the universe. Per esempio, look at this picture of Cygnus A. There is a “core” from which seem to emanate “features” that float away to the “lobes.” Doesn’t it look remarkably similar to what we would see based on the animation above? There are other examples in which some feature points or knots seem to move away from the core where they first appear at. We could come up with a clever model based on superluminality and how it would create illusionary symmetric objects in the heavens. We could, but nobody would believe us — because of Einstein. I know this — I tried to get my old physicist friends to consider this model. The response is always some variant of this, “Interesting, but it cannot work. It violates Lorentz invariance, non è vero?” LV being physics talk for Einstein’s insistence that nothing should go faster than light. Now that neutrinos can violate LV, why not me?

Naturalmente, if it was only a qualitative agreement between symmetric shapes and superluminal celestial objects, my physics friends are right in ignoring me. There is much more. The lobes in Cygnus A, per esempio, emit radiation in the radio frequency range. Infatti, the sky as seen from a radio telescope looks materially different from what we see from an optical telescope. I could show that the spectral evolution of the radiation from this superluminal object fitted nicely with AGNs and another class of astrophysical phenomena, hitherto considered unrelated, called gamma ray bursts. Infatti, I managed to publish this model a while ago under the title, “Sono Radio Fonti e Gamma Ray Bursts Luminal Bracci?“.

Vedi, I need superluminality. Einstein being wrong is a pre-requisite of my being right. So it is the most respected scientist ever vs. yours faithfully, a blogger of the unreal kind. You do the math. 🙂

Such long odds, tuttavia, have never discouraged me, and I always rush in where the wiser angels fear to tread. So let me point out a couple of inconsistencies in SR. The derivation of the theory starts off by pointing out the effects of light travel time in time measurements. And later on in the theory, the distortions due to light travel time effects become part of the properties of space and time. (Infatti, light travel time effects will make it impossible to have a superluminal dot on a ceiling, as in my animation above — not even a virtual one, where you take a laser pointer and turn it fast enough that the laser dot on the ceiling would move faster than light. It won’t.) Ma, as the theory is understood and practiced now, the light travel time effects are to be applied on top of the space and time distortions (which were due to the light travel time effects to begin with)! Physicists turn a blind eye to this glaring inconstancy because SR “works” — as I made very clear in my previous post in this series.

Another philosophical problem with the theory is that it is not testable. Lo so, I alluded to a large body of proof in its favor, but fundamentally, the special theory of relativity makes predictions about a uniformly moving frame of reference in the absence of gravity. There is no such thing. Even if there was, in order to verify the predictions (that a moving clock runs slower as in the twin paradox, per esempio), you have to have acceleration somewhere in the verification process. Two clocks will have to come back to the same point to compare time. The moment you do that, at least one of the clocks has accelerated, and the proponents of the theory would say, “Ah, there is no problem here, the symmetry between the clocks is broken because of the acceleration.” People have argued back and forth about such thought experiments for an entire century, so I don’t want to get into it. I just want to point out that theory by itself is untestable, which should also mean that it is unprovable. Now that there is direct experimental evidence against the theory, may be people will take a closer look at these inconsistencies and decide that it is time to say bye-bye to Einstein.

Why not Discard Special Relativity?

Nothing would satisfy my anarchical mind more than to see the Special Theory of Relativity (SR) come tumbling down. Infatti, I believe that there are compelling reasons to consider SR inaccurate, if not actually wrong, although the physics community would have none of that. I will list my misgivings vis-a-vis SR and present my case against it as the last post in this series, but in this one, I would like to explore why it is so difficult to toss SR out the window.

The special theory of relativity is an extremely well-tested theory. Despite my personal reservations about it, the body of proof for the validity of SR is really enormous and the theory has stood the test of time — at least so far. But it is the integration of SR into the rest of modern physics that makes it all but impossible to write it off as a failed theory. In experimental high energy physics, per esempio, we compute the rest mass of a particle as its identifying statistical signature. The way it works is this: in order to discover a heavy particle, you first detect its daughter particles (decay products, distante), measure their energies and momenta, add them up (come “4-vectors”), and compute the invariant mass of the system as the modulus of the aggregate energy-momentum vector. In accordance with SR, the invariant mass is the rest mass of the parent particle. You do this for many thousands of times and make a distribution (un “histogram”) and detect any statistically significant excess at any mass. Such an excess is the signature of the parent particle at that mass.

Almost every one of the particles in the particle data book that we know and love is detected using some variant of this method. So the whole Standard Model of particle physics is built on SR. Infatti, almost all of modern physics (physics of the 20th century) is built on it. On the theory side, in the thirties, Dirac derived a framework to describe electrons. It combined SR and quantum mechanics in an elegant framework and predicted the existence of positrons, which bore out later on. Although considered incomplete because of its lack of sound physical backdrop, questo “second quantization” and its subsequent experimental verification can be rightly seen as evidence for the rightness of SR.

Feynman took it further and completed the quantum electrodynamics (QED), which has been the most rigorously tested theory ever. To digress a bit, Feynman was once being shown around at CERN, and the guide (probably a prominent physicist himself) was explaining the experiments, their objectives etc. Then the guide suddenly remembered who he was talking to; Dopotutto, most of the CERN experiments were based on Feynman’s QED. Imbarazzato, ha detto, “Naturalmente, Dr. Feynman, you know all this. These are all to verify your predictions.” Feynman quipped, “Perché, you don’t trust me?!” To get back to my point and reiterate it, the whole edifice of the standard model of particle physics is built on top of SR. Its success alone is enough to make it impossible for modern physics to discard SR.

Così, if you take away SR, you don’t have the Standard Model and QED, and you don’t know how accelerator experiments and nuclear bombs work. The fact that they do is proof enough for the validity of SR, because the alternative (that we managed to build all these things without really knowing how they work) is just too weird. It’s not just the exotic (nuclear weaponry and CERN experiments), but the mundane that should convince us. Fluorescent lighting, laser pointers, LED, computer, mobile phones, GPS navigators, iPads — in short, all of modern technology is, in some way, a confirmation of SR.

So the OPERA result on observed superluminalily has to be wrong. But I would like it to be right. And I will explain why in my next post. Why everything we accept as a verification of SR could be a case of mass delusion — almost literally. Rimanete sintonizzati!

Che cosa è Unreal Blog?

Parlaci un po 'perché hai iniziato il tuo blog, e ciò che mantiene motivati ​​a riguardo.

Come i miei scritti cominciarono ad apparire in diverse riviste e giornali come colonne regolari, Ho voluto raccogliere in un unico luogo — come un'antologia del genere internet, per così dire. Ecco come è nato il mio blog. La motivazione per continuare blogging viene dal ricordo di come il mio primo libro, L'Unreal Universe, ha preso forma dalle note casuali ho iniziato a scrivere sui libri di scarto. Credo che le idee che attraversano la mente di qualcuno spesso si dimentica e perde se non sono svalutate. Un blog è una piattaforma conveniente per mettere giù. E, dal momento che il blog è piuttosto pubblica, si prende un po 'di cura e lo sforzo di esprimere bene te stesso.

Avete piani per il blog in futuro?

Terrò blogging, all'incirca al ritmo di un post di una settimana o giù di lì. Non ho alcun grandi progetti per il blog per se, ma ho alcune altre idee di Internet che possono nascono dal mio blog.

La filosofia è generalmente visto come un concetto molto elevato, soggetto intellettuale. Pensi che possa avere un impatto maggiore nel mondo in generale?

Questa è una domanda che mi ha turbato per un po '. E ho scritto un post su di esso, che possono rispondere al meglio delle mie capacità. Per ripetermi un po ', La filosofia è semplicemente una descrizione di qualsiasi attività intellettuale che ci lasciamo andare in. E 'solo che non ci vediamo spesso in questo modo. Per esempio, se si sta facendo la fisica, si pensa che si sta ben lontano dalla filosofia. I giri filosofiche che si mette su una teoria in fisica è principalmente un ripensamento, si ritiene. Ma ci sono casi in cui si può effettivamente applicare filosofia per risolvere i problemi di fisica, e venire con nuove teorie. Questo infatti è il tema del mio libro, L'Unreal Universe. Si pone la domanda, se qualche oggetto volato più veloce della velocità della luce, cosa sarebbe simile? Con la recente scoperta che materia solida fa viaggiare più veloce della luce, Mi sento vendicato e vedo l'ora di ulteriori sviluppi della fisica.

Pensi che molti studenti universitari sono attratti filosofia? Che cosa avrebbe fatto a scegliere di laurearsi in esso?

Nel mondo di oggi, Sono filosofia paura è supremamente irrilevante. Così può essere difficile ottenere i nostri giovani interessati alla filosofia. Credo che si può sperare di migliorare la sua rilevanza indicando le interconnessioni tra qualsiasi cosa è che noi facciamo e gli aspetti intellettuali dietro. Vorrei che far loro scegliere di laurearsi in esso? In un mondo guidato da eccessi, potrebbe non essere sufficiente. Poi di nuovo, è mondo in cui l'articolazione è spesso scambiato per realizzazioni. Forse la filosofia può aiutare a meglio articolare, suono davvero cool e impressionare quella ragazza sei stato dopo — per dirla rozzamente.

Più seriamente, anche se, quello che ho detto circa l'irrilevanza della filosofia si può dire, dire, fisica come pure, nonostante il fatto che ti dà i computer e iPad. Per esempio, quando Copernico si avvicinò con l'idea che la terra sta girando intorno al sole e non viceversa, profonda anche se questa rivelazione era, In che modo cambia la nostra vita quotidiana? Avete davvero conoscere questo pezzo di informazioni per vivere la tua vita? Questa irrilevanza di tali fatti profondi e teorie scienziati come Richard Feynman infastidito.

Che tipo di consigli o raccomandazioni daresti a qualcuno che è interessato alla filosofia, e chi vorrebbe iniziare a saperne di piu '?

Ho iniziato il mio percorso verso la filosofia con la fisica. Credo che la filosofia di per sé è troppo distaccato da qualsiasi altra cosa che non si può davvero iniziare con esso. Devi trovare la tua strada verso di essa da qualunque sia il vostro lavoro comporta, e quindi espandere da lì. Almeno, è così che ho fatto, e in questo modo ha reso molto reale. Quando si chiede una domanda come ciò che è lo spazio (in modo che tu possa capire che cosa significa dire che i contratti di spazio, per esempio), le risposte che si ottengono sono molto rilevanti. Non sono un po 'senza senso filosofico. Credo che esistano percorsi simili a rilevanza in tutti i campi. Vedere per esempio come Pirsig portato la nozione di qualità nel suo lavoro, non come una definizione astratta, ma come un tutto consuma (e, infine, pericoloso) ossessione.

Secondo me, La filosofia è un wrapper più silos di sforzo umano. Ti aiuta a vedere i collegamenti tra campi apparentemente estranei, come neuroscienze cognitive e la relatività speciale. A che pratico è questa conoscenza, Non posso dirvi. Poi di nuovo, di quello che uso pratico è la vita stessa?

L'Unreal Universe

Sappiamo che il nostro universo è un po 'irreale. Le stelle che vediamo nel cielo notturno, per esempio, non sono veramente lì. Essi possono essere spostati o addirittura morti per il momento si arriva a vederli. Ci vuole tempo per viaggiare luce dalle stelle e galassie lontane per raggiungerci. Sappiamo di questo ritardo. Il sole che vediamo oggi è già otto minuti vecchio per il momento vediamo, che non è un grosso problema. Se vogliamo sapere cosa sta succedendo al sole in questo momento, tutto quello che dobbiamo fare è aspettare per otto minuti. Ciò nonostante, noi dobbiamo “corretto” per il ritardo nella nostra percezione a causa della velocità finita della luce prima che possiamo fidarci di ciò che vediamo.

Ora, questo effetto solleva una questione interessante — quello che è il “reale” cosa che noi vediamo? Se vedere per credere, la roba che si vede dovrebbe essere la cosa reale. Poi di nuovo, sappiamo che l'effetto tempo di viaggio della luce. Quindi dovremmo correggere ciò che vediamo prima di credere che. Che poi fa “vedere” dire? Quando diciamo che vediamo qualcosa, che cosa significa realmente?

Seeing coinvolge luce, ovviamente. È il finito (seppur molto elevato) velocità di influenze di luce e distorce il nostro modo di vedere le cose, come il ritardo nel vedere oggetti come le stelle. Ciò che sorprende (e raramente evidenziato) è che quando si tratta di vedere oggetti in movimento, Non siamo in grado di back-calcolare nello stesso modo prendiamo il ritardo nel vedere il sole. Se vediamo un corpo celeste si muove ad una improbabile alta velocità, Non siamo in grado di capire quanto velocemente e in quale direzione è “davvero” muoversi senza fare ulteriori ipotesi. Un modo di gestire questa difficoltà è quella di attribuire gli distorsioni nella nostra percezione delle proprietà fondamentali dell'arena della fisica — spazio e tempo. Un altro corso di azione è quello di accettare la disconnessione tra la nostra percezione e il sottostante “realtà” e trattare con esso in qualche modo.

Questo scollamento tra ciò che vediamo e ciò che è là fuori non è sconosciuto a molte scuole filosofiche di pensiero. Fenomenismo, per esempio, è dell'avviso che spazio e tempo non sono realtà oggettive. Essi sono semplicemente il mezzo della nostra percezione. Tutti i fenomeni che avvengono nello spazio e nel tempo sono solo fasci della nostra percezione. In altre parole, spazio e tempo sono costrutti cognitivi derivanti dalla percezione. Così, tutte le proprietà fisiche che noi attribuiamo allo spazio e il tempo può applicarsi solo alla realtà fenomenica (la realtà come noi percepiamo). La realtà noumenica (che detiene le cause fisiche della nostra percezione), al contrario, rimane fuori della nostra portata conoscitiva.

Uno, quasi accidentale, difficoltà di ridefinire gli effetti della velocità finita della luce come le proprietà dello spazio e del tempo è che qualsiasi effetto che noi comprendiamo viene immediatamente relegato nel regno delle illusioni ottiche. Per esempio, il ritardo di otto minuti nel vedere il sole, perché possiamo facilmente capire e dissociarsi dalla nostra percezione utilizzando semplice aritmetica, è considerato una mera illusione ottica. Tuttavia, le distorsioni nella nostra percezione di oggetti in rapido movimento, anche se provenienti dalla stessa fonte sono considerati una proprietà dello spazio e del tempo, perché sono più complessi. Ad un certo punto, dobbiamo fare i conti con il fatto che quando si tratta di vedere l'universo, non vi è alcuna cosa come un'illusione ottica, che è probabilmente quello che Goethe ha sottolineato quando ha detto, “Illusione ottica è verità ottica.”

More about The Unreal UniverseLa distinzione (o la mancanza di) tra illusione ottica e la verità è uno dei più antichi dibattiti in filosofia. Dopotutto, si tratta della distinzione tra conoscenza e realtà. La conoscenza è considerata la nostra opinione su qualcosa che, in realtà, è “effettivamente il caso.” In altre parole, la conoscenza è un riflesso, o un'immagine mentale di qualcosa di esterno. In questa immagine, la realtà esterna passa attraverso un processo di divenire nostra conoscenza, che comprende la percezione, attività cognitive, e l'esercizio della ragione pura. Questa è l'immagine che la fisica è giunta ad accettare. Pur riconoscendo che la nostra percezione può essere imperfetta, fisica presuppone che possiamo ottenere sempre più vicino alla realtà esterna attraverso la sperimentazione sempre più fine, e, ancora più importante, attraverso una migliore teorizzazione. Le teorie speciali e generale della relatività sono esempi di applicazioni brillanti di questa visione della realtà in cui semplici principi fisici stanno inesorabilmente perseguiti con la macchina formidabile della ragione pura alle loro conclusioni logicamente inevitabili.

Ma c'è un altro, vista in competizione della conoscenza e della realtà che è stato intorno per un lungo periodo. Questa è la vista che considera la realtà percepita come una rappresentazione cognitiva interna dei nostri input sensoriali. In questa visione, conoscenza e la realtà percepita sono entrambi costrutti cognitivi interni, anche se siamo arrivati ​​a pensare a loro come separati. Ciò che è esterno non è la realtà come noi la percepiamo, ma una entità inconoscibile dando origine alle cause fisiche che stanno dietro input sensoriali. In questa scuola di pensiero, costruiamo la nostra realtà in due, spesso si sovrappongono, passi. La prima fase consiste nel processo di rilevamento, e la seconda è quella di ragionamento cognitivo e logico. Possiamo applicare questa visione della realtà e della conoscenza alla scienza, ma per farlo, dobbiamo indovinare la natura della realtà assoluta, inconoscibile come è.

Le ramificazioni di queste due diverse posizioni filosofiche sopra descritte sono enormi. Dal momento che la fisica moderna ha abbracciato una visione non-fenomenistica dello spazio e del tempo, essa si trova in contrasto con quella branca della filosofia. Questo abisso tra la filosofia e la fisica è cresciuta a tal punto che il premio Nobel per la fisica vincente, Steven Weinberg, chiesti (nel suo libro “Sogni di una teoria finale”) perché il contributo dalla filosofia alla fisica sono stati così sorprendentemente piccolo. Richiede anche filosofi di fare affermazioni come, “La realtà noumenica Sia 'provoca realtà fenomenica’ o se 'la realtà noumenica è indipendente dalla nostra rilevamento esso’ o se 'noi percepiamo la realtà noumenica,’ resta il problema che il concetto di realtà noumenal è un concetto completamente ridondante per l'analisi della scienza.”

Dal punto di vista delle neuroscienze cognitive, tutto ciò che vediamo, senso, sentire e pensare è il risultato delle interconnessioni neuronali del nostro cervello e dei segnali elettrici molto piccoli in loro. Questo punto di vista deve essere giusto. Che altro c'è? Tutti i nostri pensieri e preoccupazioni, conoscenze e credenze, Io e la realtà, la vita e la morte — tutto è cotture solo neuronali in uno e mezzo kg di appiccicoso, materiale grigio che noi chiamiamo il nostro cervello. Non c'è niente altro. Niente!

Infatti, questa visione della realtà in neuroscienze è un'eco esatta di fenomenismo, che considera tutto ciò che un fascio di percezione o di costrutti mentali. Spazio e tempo sono anche costrutti cognitivi nel nostro cervello, come tutto il resto. Sono immagini mentali nostro cervello inventare fuori degli ingressi sensoriali che i nostri sensi ricevono. Generato dalla nostra percezione sensoriale e fabbricato dal nostro processo cognitivo, il continuum spazio-temporale è l'arena della fisica. Di tutti i nostri sensi, la vista è di gran lunga quella dominante. L'input sensoriale di vista è luce. In uno spazio creato dal cervello fuori della luce che cade sulla nostra retina (o sui sensori del telescopio Hubble foto), è una sorpresa che nulla può viaggiare più veloce della luce?

Questa posizione filosofica è la base del mio libro, L'Unreal Universe, che esplora i fili comuni fisica e filosofia vincolanti. Tali riflessioni filosofiche di solito ricevono una cattiva reputazione da noi fisici. Per i fisici, La filosofia è un campo completamente diverso, un altro silo di conoscenza, che detiene alcuna rilevanza per i loro sforzi. Dobbiamo cambiare questa convinzione e apprezziamo la sovrapposizione tra i diversi silos di conoscenza. E 'in questa sovrapposizione che possiamo aspettarci di trovare grandi conquiste del pensiero umano.

La torsione di questa storia di luce e la realtà è che ci sembra di aver conosciuto tutto questo per un lungo tempo. Scuole filosofiche classiche sembrano aver pensato a lungo linee molto simili a ragionamenti di Einstein. Il ruolo della luce nel creare la nostra realtà o universo è al centro del pensiero religioso occidentale. Un universo privo di luce non è semplicemente un mondo in cui avete spento le luci. Si tratta infatti di un universo privo di sé, un universo che non esiste. E 'in questo contesto che dobbiamo capire la saggezza dietro l'affermazione che “la terra era senza forma, e nulla” luce fino a che Dio fece ad essere, dicendo “Sia la luce.”

Il Corano dice anche, “Allah è la luce dei cieli e della terra,” che si rispecchia in una delle antiche scritture indù: “Conducimi dalle tenebre alla luce, conducimi dall'irreale al reale.” Il ruolo della luce nel prendere noi dal vuoto irreale (il nulla) ad una realtà stato infatti inteso per lungo, a lungo. E 'possibile che gli antichi santi e profeti sapevano cose che stiamo solo ora cominciando a scoprire con tutti i nostri progressi presunte conoscenze?

So che può affretteremo dove gli angeli hanno paura di camminare, per reinterpretare le Scritture è un gioco pericoloso. Tali interpretazioni aliene sono raramente ammessi nei circoli teologici. Ma Mi rifugio nel fatto che sto cercando concorso nelle vedute metafisiche di filosofie spirituali, senza sminuire il loro valore mistico e teologico.

I paralleli tra la distinzione noumenico-fenomenico nel fenomenismo e l' Brahman-Maya distinzione in Advaita sono difficili da ignorare. Questa saggezza time-tested sulla natura della realtà dal repertorio di spiritualità è ora reinventata in neuroscienze moderne, che tratta la realtà come una rappresentazione cognitiva creata dal cervello. Il cervello utilizza gli input sensoriali, memoria, coscienza, e anche il linguaggio come ingredienti in inventando il nostro senso della realtà. Questa visione della realtà, tuttavia, è qualcosa che la fisica è ancora a venire a patti con. Ma nella misura in cui la sua arena (spazio e tempo) è una parte della realtà, la fisica non è immune alla filosofia.

Mentre spingiamo sempre di più i confini della nostra conoscenza, stiamo cominciando a scoprire le interconnessioni finora insospettati e spesso sorprendenti tra i diversi rami di sforzi umani. In ultima analisi, come possono i diversi campi della nostra conoscenza essere indipendenti l'uno dall'altro, quando tutta la nostra conoscenza risiede nel nostro cervello? La conoscenza è una rappresentazione cognitiva delle nostre esperienze. Ma allora, così è la realtà; si tratta di una rappresentazione cognitiva dei nostri input sensoriali. E 'un errore pensare che la conoscenza è la nostra rappresentazione interna di una realtà esterna, e quindi distinta da essa. La conoscenza e la realtà sono entrambi costrutti cognitivi interni, anche se siamo arrivati ​​a pensare a loro come separati.

Riconoscere e facendo uso delle interconnessioni tra i diversi ambiti dell'attività umana può essere il catalizzatore per il prossimo passo avanti nella nostra saggezza collettiva che siamo stati in attesa per.

Half a Bucket of Water

We all see and feel space, but what is it really? Space is one of those fundamental things that a philosopher may consider an “intuition.” When philosophers look at anything, they get a bit technical. Is space relational, come in, defined in terms of relations between objects? A relational entity is like your family — you have your parents, siblings, spouse, kids etc. forming what you consider your family. But your family itself is not a physical entity, but only a collection of relationships. Is space also something like that? Or is it more like a physical container where objects reside and do their thing?

You may consider the distinction between the two just another one of those philosophical hairsplittings, but it really is not. What space is, and even what kind of entity space is, has enormous implications in physics. Per esempio, if it is relational in nature, then in the absence of matter, there is no space. Much like in the absence of any family members, you have no family. D'altronde, if it is a container-like entity, the space exists even if you take away all matter, waiting for some matter to appear.

E allora, you ask? Bene, let’s take half a bucket of water and spin it around. Once the water within catches on, its surface will form a parabolic shape — sai, centrifugal force, gravity, surface tension and all that. Ora, stop the bucket, and spin the whole universe around it instead. Lo so, it is more difficult. But imagine you are doing it. Will the water surface be parabolic? I think it will be, because there is not much difference between the bucket turning or the whole universe spinning around it.

Ora, let’s imagine that we empty the universe. There is nothing but this half-full bucket. Now it spins around. What happens to the water surface? If space is relational, in the absence of the universe, there is no space outside the bucket and there is no way to know that it is spinning. Water surface should be flat. (Infatti, it should be spherical, but ignore that for a second.) And if space is container-like, the spinning bucket should result in a parabolic surface.

Naturalmente, we have no way of knowing which way it is going to be because we have no way of emptying the universe and spinning a bucket. But that doesn’t prevent us from guessing the nature of space and building theories based on it. Newton’s space is container-like, while at their heart, Einstein’s theories have a relational notion of space.

Così, vedi, philosophy does matter.

L'Unreal Universe – Rivisto

The Straits Times

pback-cover (17K)Il quotidiano nazionale di Singapore, Straits Times, loda lo stile leggibile e la conversazione utilizzato in L'Unreal Universe e raccomanda a chiunque voglia conoscere la vita, l'universo e tutto.

Wendy Lochner

Chiamata L'Unreal Universe una buona lettura, Wendy dice, “E 'ben scritto, molto chiaro da seguire per il non specialista.”

Bobbie Natale

Descrivendo L'Unreal Universe come “un libro così perspicace e intelligente,” Bobbie dice, “Un libro per pensare laici, questo leggibile, pensiero stimolante opera offre una nuova prospettiva sulla nostra definizione di realtà.”

M. S. Chandramouli

M. S. Chandramouli graduated from the Indian Institute of Technology, Madras in 1966 and subsequently did his MBA from the Indian Institute of Management, Ahmedabad. After an executive career in India and Europe covering some 28 years he founded Surya International in Belgium through which he now offers business development and industrial marketing services.

Here is what he says about L'Unreal Universe:

“The book has a very pleasing layout, with the right size of font and line spacing and correct content density. Great effort for a self-published book!”

“The impact of the book is kaleidoscopic. The patterns in one reader’s mind (mine, distante) shifted and re-arranged themselves with a ‘rustling noise’ more than once.””The author’s writing style is remarkably equidistant from the turgid prose of Indians writing on philosophy or religion and the we-know-it-all style of Western authors on the philosophy of science.”

“There is a sort of cosmic, background ‘Eureka!’ that seems to suffuse the entire book. Its central thesis about the difference between perceived reality and absolute reality is an idea waiting to bloom in a million minds.”

“The test on the ‘Emotionality of Faith,’ Pagina 171, was remarkably prescient; it worked for me!”

“I am not sure that the first part, which is essentially descriptive and philosophical, sits comfortably with the second part with its tightly-argued physics; if and when the author is on his way to winning the argument, he may want to look at three different categories of readers – the lay but intelligent ones who need a degree of ‘translation,’ the non-physicist specialist, and the physicist philosophers. Market segmentation is the key to success.”

“I think this book needs to be read widely. I am making a small attempt at plugging it by copying this to my close friends.”

Steven Bryant

Steven is a Vice President of Consulting Services for Primitive Logic, a premier Regional Systems Integrator located in San Francisco, California. He is the author of The Relativity Challenge.

“Manoj views science as just one element in the picture of life. Science does not define life. But life colors how we understand science. He challenges all readers to rethink their believe systems, to question what they thought was real, to ask “why”? He asks us to take off our “rose colored glasses” and unlock new ways of experiencing and understanding life. This thought provoking work should be required reading to anyone embarking on a new scientific journey.”

“Manoj’s treatment of time is very thought provoking. While each of our other senses – sight, suono, smell, taste and touch – are multi-dimensional, time appears to be single dimensional. Understanding the interplay of time with our other senses is a very interesting puzzle. It also opens to door to the existence possibilities of other phenomena beyond our know sensory range.”

“Manoj’s conveys a deep understanding of the interaction of our physics, human belief systems, perceptions, experiences, and even our languages, on how we approach scientific discovery. His work will challenge you to rethink what you think you know is true.”

“Manoj offers a unique perspective on science, percezione, and reality. The realization that science does not lead to perception, but perception leads to science, is key to understanding that all scientific “facts” are open for re-exploration. This book is extremely thought provoking and challenges each reader the question their own beliefs.”

“Manoj approaches physics from a holistic perspective. Physics does not occur in isolation, but is defined in terms of our experiences – both scientific and spiritual. As you explore his book you’ll challenge your own beliefs and expand your horizons.”

Blogs and Found Online

From the Blog Through The Looking Glass

“This book is considerably different from other books in its approach to philosophy and physics. It contains numerous practical examples on the profound implications of our philosophical viewpoint on physics, specifically astrophysics and particle physics. Each demonstration comes with a mathematical appendix, which includes a more rigorous derivation and further explanation. The book even reins in diverse branches of philosophy (e.g. thinking from both the East and the West, and both the classical period and modern contemporary philosophy). And it is gratifying to know that all the mathematics and physics used in the book are very understandable, and thankfully not graduate level. That helps to make it much easier to appreciate the book.”

From the Hub Pages

Calling itself “An Honest Review of L'Unreal Universe,” this review looks like the one used in Straits Times.

I got a few reviews from my readers through email and online forums. I have compiled them as anonymous reviews in the next page of this post.

Click on the link below to visit the second page.

The Big Bang Theory – Part II

After reading a paper by Ashtekar on quantum gravity and thinking about it, I realized what my trouble with the Big Bang theory was. It is more on the fundamental assumptions than the details. I thought I would summarize my thoughts here, more for my own benefit than anybody else’s.

Classical theories (including SR and QM) treat space as continuous nothingness; hence the term space-time continuum. In questa visione, objects exist in continuous space and interact with each other in continuous time.

Although this notion of space time continuum is intuitively appealing, it is, at best, incomplete. Consider, per esempio, a spinning body in empty space. It is expected to experience centrifugal force. Now imagine that the body is stationary and the whole space is rotating around it. Will it experience any centrifugal force?

It is hard to see why there would be any centrifugal force if space is empty nothingness.

GR introduced a paradigm shift by encoding gravity into space-time thereby making it dynamic in nature, rather than empty nothingness. Così, mass gets enmeshed in space (e il tempo), space becomes synonymous with the universe, and the spinning body question becomes easy to answer. Sì, it will experience centrifugal force if it is the universe that is rotating around it because it is equivalent to the body spinning. E, non, it won’t, if it is in just empty space. Ma “empty space” doesn’t exist. In the absence of mass, there is no space-time geometry.

Così, naturalmente, before the Big Bang (if there was one), there couldn’t be any space, nor indeed could there be any “before.” Note, tuttavia, that the Ashtekar paper doesn’t clearly state why there had to be a big bang. The closest it gets is that the necessity of BB arises from the encoding of gravity in space-time in GR. Despite this encoding of gravity and thereby rendering space-time dynamic, GR still treats space-time as a smooth continuum — a flaw, according to Ashtekar, that QG will rectify.

Ora, if we accept that the universe started out with a big bang (and from a small region), we have to account for quantum effects. Space-time has to be quantized and the only right way to do it would be through quantum gravity. Through QG, we expect to avoid the Big Bang singularity of GR, the same way QM solved the unbounded ground state energy problem in the hydrogen atom.

What I described above is what I understand to be the physical arguments behind modern cosmology. The rest is a mathematical edifice built on top of this physical (or indeed philosophical) fondazione. If you have no strong views on the philosophical foundation (or if your views are consistent with it), you can accept BB with no difficulty. Sfortunatamente, I do have differing views.

My views revolve around the following questions.

These posts may sound like useless philosophical musings, but I do have some concrete (and in my opinion, important) results, listed below.

There is much more work to be done on this front. But for the next couple of years, with my new book contract and pressures from my quant career, I will not have enough time to study GR and cosmology with the seriousness they deserve. I hope to get back to them once the current phase of spreading myself too thin passes.

Light Time viaggio Effetti e caratteristiche cosmologiche

Questo articolo inedito è un sequel al mio precedente carta (anche postato qui come “Sono Radio Fonti e Gamma Ray Bursts Luminal Bracci?“). Questa versione blog contiene l'astratto, introduzione e conclusioni. La versione completa dell'articolo è disponibile in formato PDF.

.

Astratto

Effetti in tempo di viaggio della luce (LTT) sono una manifestazione ottica della velocità finita della luce. Essi possono anche essere considerati i vincoli percettivi al quadro conoscitivo dello spazio e del tempo. Sulla base di questa interpretazione degli effetti LTT, abbiamo recentemente presentato un nuovo modello ipotetico per la variazione spaziale e temporale dello spettro di Gamma Ray Bursts (GRB) e sorgenti radio. In questo articolo, prendiamo l'analisi oltre e dimostrare che gli effetti LTT possono fornire un buon quadro per descrivere tali caratteristiche cosmologiche come l'osservazione redshift di un universo in espansione, e la radiazione di fondo cosmico a microonde. L'unificazione di questi fenomeni apparentemente distinti a molto diverse scale di lunghezza e temporali, insieme con la sua semplicità concettuale, possono essere considerati come indicatori della curiosa utilità di questo quadro, se non la sua validità.

Introduzione

La velocità finita della luce gioca un ruolo importante nel modo in cui percepiamo la distanza e la velocità. Questo fatto difficilmente dovrebbe essere una sorpresa, perché sappiamo che le cose non sono come li vediamo. Il sole che vediamo, per esempio, è già otto minuti vecchio per il momento vediamo. Questo ritardo è banale; se vogliamo sapere cosa sta succedendo al sole adesso, tutto quello che dobbiamo fare è aspettare per otto minuti. Noi, ciò nonostante, dovere “corretto” per questa distorsione nella nostra percezione a causa della velocità finita della luce prima che possiamo fidarci di ciò che vediamo.

Ciò che sorprende (e raramente evidenziato) è che quando si tratta di rilevamento del movimento, Non siamo in grado di back-calcolare nello stesso modo prendiamo il ritardo nel vedere il sole. Se vediamo un corpo celeste si muove ad una improbabile alta velocità, Non siamo in grado di capire quanto velocemente e in quale direzione è “davvero” muoversi senza fare ulteriori ipotesi. Un modo di gestire questa difficoltà è quella di attribuire gli distorsioni nella nostra percezione del movimento per le proprietà fondamentali dell'arena della fisica — spazio e tempo. Un altro corso di azione è quello di accettare la disconnessione tra la nostra percezione e il sottostante “realtà” e trattare con esso in qualche modo.

Esplorando la seconda opzione, assumiamo una realtà sottostante che dà origine alla nostra immagine percepita. Abbiamo modellare ulteriormente questa realtà sottostante come obbedendo meccanica classica, ed elaborare la nostra immagine percepita attraverso l'apparato di percezione. In altre parole, noi non attribuiamo le manifestazioni della velocità finita della luce alle proprietà della realtà sottostante. Invece, lavoriamo la nostra immagine percepita che questo modello predice e verificare se le proprietà che facciamo osserviamo possono provenire da questo vincolo percettivo.

Spazio, gli oggetti in esso, e il loro moto sono, nell'insieme, il prodotto della percezione ottica. Si tende a dare per scontato che la percezione deriva dalla realtà come si percepisce che. In questo articolo, prendiamo la posizione che ciò che percepiamo è un quadro incompleto o distorto di una realtà sottostante. Ulteriormente, stiamo provando la meccanica classica per la realtà sottostante (per il quale usiamo termini come assoluta, la realtà noumenica o fisica) che provoca la nostra percezione per vedere se si adatta con la nostra immagine percepita (che possiamo fare riferimento a realtà come rilevato o fenomenico).

Si noti che non stiamo implicando che le manifestazioni di percezione sono mere illusioni. Essi non sono; sono davvero parte della nostra realtà rilevato perché la realtà è un risultato finale di percezione. Questa intuizione può essere dietro celebre frase di Goethe, “Illusione ottica è verità ottica.”

Abbiamo applicato questa linea di pensiero di un problema di fisica di recente. Abbiamo esaminato l'evoluzione spettrale di un GRB e ci è sembrato molto simile a quello di un boom sonico. Usando questo fatto, abbiamo presentato un modello per GRB come la nostra percezione di un “luminale” boom, con la consapevolezza che essa è la nostra immagine percepita della realtà che obbedisce invarianza di Lorentz e il nostro modello per la realtà sottostante (provocando l'immagine percepita) può violare la fisica relativistica. L'accordo sorprendente tra il modello e le caratteristiche osservate, tuttavia, esteso oltre GRB a sorgenti radio simmetrici, che possono anche essere considerate come effetti percettivi di bracci luminali ipotetici.

In questo articolo, guardiamo altre implicazioni del modello. Si comincia con le somiglianze tra il tempo di viaggio della luce (LTT) effetti e la trasformazione di coordinate in Relatività Speciale (SR). Queste somiglianze sono affatto sorprendente perché SR è derivata in parte basata sugli effetti LTT. Abbiamo poi proponiamo una interpretazione di SR come una formalizzazione di effetti LTT e studiamo alcuni fenomeni cosmologici osservati alla luce di questa interpretazione.

Analogie tra Light Time viaggio Effetti e SR

La relatività ristretta cerca trasformazione di coordinate lineare tra sistemi di coordinate in moto rispetto ad ogni altro. Possiamo rintracciare l'origine di linearità di un assunto nascosto sulla natura dello spazio e del tempo incorporato in SR, come affermato da Einstein: “In primo luogo è evidente che le equazioni devono essere lineari a causa delle proprietà di omogeneità che attribuiamo allo spazio e tempo.” A causa di questa ipotesi di linearità, la derivazione originale delle equazioni di trasformazione ignora l'asimmetria tra avvicinamento e allontana gli oggetti. Entrambi gli oggetti che si avvicinano e si allontanano possono essere descritti da due sistemi di coordinate che sono sempre allontanarsi l'una dall'altra. Per esempio, se un sistema K è mobile rispetto ad un altro sistema k lungo l'asse X positivo k, poi un oggetto a riposo in K ad un positivo x è sfuggente mentre un altro oggetto a negativo x Si avvicina un osservatore all'origine della k.

La trasformazione di coordinate in carta originale di Einstein è derivato, in parte, una manifestazione del tempo di viaggio della luce (LTT) effetti e la conseguenza di imporre la costanza della velocità della luce in tutti i sistemi inerziali. Questo è più evidente nel primo esperimento pensiero, dove osservatori in movimento con una bacchetta di trovare i loro orologi non sincronizzati a causa della differenza nei tempi di percorrenza della luce lungo la lunghezza dell'asta. Tuttavia, nella attuale interpretazione di SR, la trasformazione delle coordinate è considerata una proprietà fondamentale di spazio e tempo.

Una difficoltà che deriva da questa interpretazione SR è che la definizione della velocità relativa tra i due sistemi inerziali diventa ambiguo. Se è la velocità del movimento telaio misurata dall'osservatore, quindi il moto superluminale osservata in getti radio a partire dalla regione centrale diventa una violazione della SR. Se è una velocità che dobbiamo dedurre considerando effetti LT, allora dobbiamo utilizzare l'ipotesi ad hoc in più che superluminality è vietato. Queste difficoltà suggeriscono che può essere meglio distinguere gli effetti del tempo di viaggio della luce dal resto della SR.

In questa sezione, considereremo spazio e tempo come una parte del modello cognitivo creata dal cervello, e sostengono che la relatività speciale si applica al modello cognitivo. La realtà assoluta (di cui la SR-come lo spazio-tempo è la nostra percezione) non deve obbedire alle restrizioni di SR. In particolare, oggetti non sono limitate a velocità subluminal, ma essi possono apparire a noi come se fossero limitate alle velocità subluminal nella nostra percezione dello spazio e del tempo. Se noi distinguere gli effetti LTT dal resto della SR, siamo in grado di capire una vasta gamma di fenomeni, come vedremo in questo articolo.

A differenza di SR, considerazioni basate sugli effetti LTT producono intrinsecamente diverso insieme di leggi di trasformazione per gli oggetti che si avvicinano un osservatore e quelli allontanarsi da lui. Più in generale, la trasformazione dipende dall'angolo tra la velocità dell'oggetto e la linea dell'osservatore di vista. Poiché le equazioni di trasformazione sulla base di effetti LTT trattano i avvicina e allontana gli oggetti asimmetricamente, essi forniscono una soluzione naturale per il paradosso dei gemelli, per esempio.

Conclusioni

Poiché lo spazio e il tempo sono parte di una realtà creata su input della luce ai nostri occhi, alcune delle loro proprietà sono manifestazioni di effetti LTT, soprattutto sulla nostra percezione del movimento. L'assoluto, realtà fisica presumibilmente generare gli ingressi di luce non deve obbedire alle proprietà che attribuiamo al nostro spazio e il tempo percepito.

Abbiamo dimostrato che gli effetti LTT sono qualitativamente identici a quelli di SR, rilevando che SR considera solo i frame di riferimento allontanarsi l'una dall'altra. Questa somiglianza non è sorprendente perché la trasformazione di coordinate nel SR è derivata basata in parte sugli effetti LTT, e in parte dal presupposto che la luce viaggia alla stessa velocità rispetto a tutti i sistemi inerziali. In trattandolo come una manifestazione di LTT, non ci rivolgiamo la motivazione primaria di SR, che è una formulazione covariante delle equazioni di Maxwell. Può essere possibile distinguere la covarianza di elettrodinamica dalla trasformazione di coordinate, anche se non viene tentata in questo articolo.

A differenza di SR, Effetti LTT sono asimmetrici. Questa asimmetria fornisce una risoluzione al paradosso dei gemelli e una interpretazione delle violazioni di causalità assunti associati superluminality. Inoltre, la percezione di superluminality è modulata da effetti LTT, e spiega gamma ray burst e getti simmetrici. Come abbiamo mostrato in questo articolo, percezione del movimento superluminale detiene anche una spiegazione per i fenomeni cosmologici, come l'espansione della radiazione di fondo cosmico a microonde dell'universo e. Effetti LTT devono essere considerati come un vincolo fondamentale nella nostra percezione, e di conseguenza in fisica, piuttosto che come una spiegazione conveniente per fenomeni isolato.

Dato che la nostra percezione è filtrata attraverso gli effetti LTT, dobbiamo deconvolute loro dalla nostra realtà percepita, al fine di comprendere la natura della assoluta, realtà fisica. Questo deconvoluzione, tuttavia, Risultati in più soluzioni. Così, l'assoluto, la realtà fisica è al di là della nostra portata, e qualsiasi assunto proprietà della realtà assoluta possono essere convalidate solo attraverso quanto bene la risultante percepita la realtà è d'accordo con le nostre osservazioni. In questo articolo, abbiamo ipotizzato che la realtà sottostante obbedisce nostri intuitivamente ovvi meccanica classica e chiesto la questione di come una tale realtà sarebbe percepito quando filtrata attraverso gli effetti del tempo di viaggio della luce. Abbiamo dimostrato che questo particolare trattamento potrebbe spiegare certa astrofisica e cosmologica fenomeni che osserviamo.

La trasformazione di coordinate in SR può essere visto come una ridefinizione dello spazio e del tempo (o, più in generale, realtà) per ospitare le distorsioni della nostra percezione del movimento a causa di effetti in tempo di viaggio della luce. Si può essere tentati di sostenere che SR applica al “reale” spazio e tempo, non la nostra percezione. Questa linea di ragionamento pone la domanda, ciò che è reale? La realtà è solo un modello cognitivo creata nel nostro cervello a partire dai nostri input sensoriali, input visivi essendo il più significativo. Spazio stesso è una parte di questo modello cognitivo. Le proprietà dello spazio sono una mappatura dei vincoli della nostra percezione.

La scelta di accettare la nostra percezione come una vera immagine della realtà e ridefinire lo spazio e il tempo come descritto nella relatività speciale anzi equivale a una scelta filosofica. L'alternativa presentata in questo articolo è ispirato dalla vista in neuroscienza moderna che la realtà è un modello cognitivo del cervello sulla base di nostri input sensoriali. Adottando questa alternativa ci riduce a indovinare la natura della realtà assoluta e confrontando la sua proiezione previsto alla nostra percezione reale. Si può semplificare e chiarire alcune teorie della fisica e spiegare alcuni fenomeni sconcertanti nel nostro universo. Tuttavia, questa opzione è ancora un'altra posizione filosofica contro la realtà assoluta inconoscibile.

Sono Radio Fonti e Gamma Ray Bursts Luminal Bracci?

Questo articolo è stato pubblicato in International Journal of Modern Physics D (IJMP–D) in 2007. Divenne ben presto la Top Accessi Articolo della rivista da parte Jan 2008.

Anche se potrebbe sembrare un articolo nocciolo duro della fisica, è infatti un'applicazione della visione filosofica che permea questo blog e il mio libro.

Questa versione blog contiene l'astratto, introduzione e conclusioni. La versione completa dell'articolo è disponibile in formato PDF.

Ufficiale di riferimento: IJMP-D completa. 16, Non. 6 (2007) pp. 983–1000.

.

Astratto

L'ammorbidimento della afterglow GRB porta notevoli somiglianze con l'evoluzione della frequenza in un boom sonico. All'estremità anteriore del cono boom sonico, la frequenza è infinito, molto simile a un Gamma Ray Burst (GRB). All'interno del cono, la frequenza diminuisce rapidamente a intervalli infrasuoni e la sorgente sonora appare in due posti contemporaneamente, imitando le sorgenti doppio lobi radiofonici. Sebbene un “luminale” asta viola l'invarianza di Lorentz ed è pertanto vietato, si è tentati di definire i dettagli e confrontarli con i dati esistenti. Questa tentazione è ulteriormente esaltata dalla superluminality osservata negli oggetti celesti associati a sorgenti radio e alcuni GRB. In questo articolo, calcoliamo la variazione temporale e spaziale delle frequenze osservate da un boom del lume ipotetico e mostrare notevole somiglianza tra i nostri calcoli e le osservazioni attuali.

Introduzione

Un boom sonico si crea quando un oggetto che emette suono passa attraverso il mezzo più veloce della velocità del suono in quel mezzo. Come l'oggetto attraversa il mezzo, il suono che emette crea un fronte d'onda conico, come mostrato nella Figura 1. La frequenza del suono a questo fronte d'onda è infinita a causa dello spostamento Doppler. La frequenza dietro il fronte d'onda conico scende drasticamente e presto raggiunge la gamma infrasuoni. Questa evoluzione frequenza è notevolmente simile a afterglow evoluzione di una raffica di raggi gamma (GRB).

Sonic Boom
Figura 1:. L'evoluzione frequenza delle onde sonore a causa dell'effetto Doppler in moto supersonico. L'oggetto S supersonico si muove lungo la freccia. Le onde sonore sono "invertiti", dovuto al moto, in modo che le onde emesse in due punti differenti nell'unione traiettoria e raggiungono l'osservatore (a O) contemporaneamente. Quando il fronte d'onda colpisce l'osservatore, la frequenza è l'infinito. Dopo di che, la frequenza diminuisce rapidamente.

Gamma Ray Bursts sono molto brevi, ma intensi lampi di \gamma raggi nel cielo, dura da pochi millisecondi a diversi minuti, e sono attualmente creduto di emanare da collassi stellari catastrofici. I lampeggi brevi (le emissioni di prompt) sono seguiti da un bagliore di energie progressivamente più morbide. Così, iniziale \gamma I raggi vengono prontamente sostituiti da raggi X, luce e anche le onde a radiofrequenza. Questo ammorbidimento dello spettro è noto da parecchio tempo, ed è stata descritta per la prima utilizzando un'ipernova (bolide) modello. In questo modello, una palla di fuoco relativistica espansione produce la \gamma emissione, e lo spettro ammorbidisce la palla di fuoco si raffredda. Il modello calcola l'energia rilasciata nella \gamma regione 10^ {53}10^ {54} erg in pochi secondi. Questa uscita di energia è simile a circa 1000 volte l'energia totale rilasciata dal sole per tutta la sua vita.

Più di recente, un decadimento inverso della energia di picco con vari costante di tempo è stato usato per adattarsi empiricamente l'evoluzione temporale osservata della energia di picco utilizzando un modello collapsar. Secondo questo modello, GRB sono prodotte quando l'energia dei flussi altamente relativistici in crolli stellari sono dissipata, con conseguenti getti di radiazione angolati correttamente rispetto alla nostra linea di vista. Il modello collapsar stima una produzione di energia più basso perché il rilascio di energia non è isotropo, ma concentrate lungo i getti. Tuttavia, il tasso degli eventi collapsar deve essere corretto per la frazione di angolo solido entro il quale i getti di radiazione possono apparire come GRB. GRB sono osservati o meno al ritmo di una volta al giorno. Così, il tasso atteso di eventi catastrofici che alimentano i GRB è dell'ordine di 10^410^6 al giorno. A causa di questa relazione inversa tra il tasso e la produzione di energia stimata, l'energia totale rilasciata per osservata GRB rimane la stessa.

Se pensiamo di un GRB come un effetto simile al boom sonico in moto supersonico, il fabbisogno energetico cataclisma assunto diventa superflua. Un'altra caratteristica della nostra percezione dell'oggetto supersonico è che sentiamo la sorgente sonora in due posizione diversa come lo stesso tempo, come illustrato nella figura 2. Questo effetto curioso avviene perché le onde sonore emesse in due punti differenti nella traiettoria dell'oggetto supersonico raggiungono l'osservatore nello stesso istante nel tempo. Il risultato finale di questo effetto è la percezione di una coppia simmetricamente sfuggente delle sorgenti sonore, che, nel mondo luminale, è una buona descrizione di sorgenti radio simmetrici (Doppia fonte Radio Associata con nucleo galattico o DRAGN).

superluminality
Figura 2:. L'oggetto sta volando da a A attraverso e B a velocità supersonica costante. Immaginate che l'oggetto emette suono durante il suo viaggio. Il suono emesso al punto (che è vicino il punto di massimo avvicinamento B) raggiunge l'osservatore a O prima che il suono emesso in precedenza a . L'istante in cui il suono in un punto precedente raggiunge l'osservatore, il suono emesso in un punto molto più tardi A raggiunge anche O. Così, il suono emesso a A e raggiunge l'osservatore allo stesso tempo, dando l'impressione che l'oggetto è in questi due punti contemporaneamente. In altre parole, l'osservatore sente due oggetti in movimento da piuttosto che un oggetto reale.

Radio Sources sono tipicamente simmetrico e sembrano associati con nuclei galattici, attualmente considerati manifestazioni di singolarità spazio-temporali o stelle di neutroni. Diverse classi di tali oggetti associati con Active Galactic Nuclei (AGN) sono stati trovati negli ultimi 50 anni. Figura 3 mostra la galassia della radio Cygnus A, un esempio di una tale sorgente radio e uno degli oggetti più luminosi radiofoniche. Molte delle sue caratteristiche sono comuni alla maggior parte delle sorgenti radio extragalattiche: i doppi lobi simmetrici, un'indicazione di un nucleo, un aspetto di getti che alimentano i lobi e gli hotspot. Alcuni ricercatori hanno segnalato caratteristiche più dettagliate cinematiche, quali il corretto movimento dei punti caldi nei lobi.

Sorgenti radio simmetriche (galattica o extragalattica) e GRB possono apparire fenomeni completamente distinti. Tuttavia, loro nuclei mostrano una evoluzione temporale simile a l'energia di picco, ma con molto diverse costanti di tempo. Gli spettri di GRB rapidamente evolvere da \gamma regione a un afterglow ottico o addirittura RF, simile all'evoluzione spettrale dei punti caldi di una sorgente radio mentre si spostano dal nucleo ai lobi. Altre somiglianze hanno cominciato ad attirare l'attenzione negli ultimi anni,.

Questo articolo esplora le somiglianze tra un ipotetico “luminale” braccio e questi due fenomeni astrofisici, anche se un tale boom del lume è vietato dalla invarianza di Lorentz. Trattare GRB come una manifestazione di un ipotetico risultato del boom luminali in un modello che unisce questi due fenomeni e fa previsioni dettagliate delle loro cinematica.

CygA
Figura 3:.Il getto radio e lobi nella radio galassia hyperluminous Cygnus A. I punti caldi nei due lobi, la regione di nucleo ei getti sono chiaramente visibili. (Riprodotto da una cortesia un'immagine della NRAO / AUI.)

Conclusioni

In questo articolo, abbiamo guardato l'evoluzione spazio-temporale di un oggetto supersonico (sia nella sua posizione e la frequenza del suono che sentiamo). Abbiamo dimostrato che ricorda da vicino GRB e DRAGNs se dovessimo estendere i calcoli alla luce, anche se un boom luminale richiederebbe moto superluminale ed è quindi vietato.

Questa difficoltà, nonostante, abbiamo presentato un modello unificato per Gamma Ray Bursts e jet come sorgenti radio basato su moto superluminale rinfusa. Abbiamo dimostrato che un singolo oggetto superluminale volo attraverso il nostro campo visivo appare a noi come la separazione simmetrica di due oggetti da un nucleo fisso. Usando questo fatto come il modello per getti simmetrici e GRB, abbiamo spiegato loro caratteristiche cinematiche quantitativamente. In particolare, abbiamo mostrato che l'angolo di separazione dei punti caldi era parabolico nel tempo, e redshift dei due punti caldi erano quasi uguali tra loro. Anche il fatto che gli spettri dei punti caldi sono nella regione di frequenza radio è spiegata assumendo movimento hyperluminal e il conseguente spostamento verso il rosso della radiazione di corpo nero di una tipica stella. L'evoluzione temporale della radiazione di corpo nero di un oggetto superluminale è completamente compatibile con l'ammorbidimento degli spettri osservato in GRB e sorgenti radio. In aggiunta, il nostro modello spiega perché non vi è significativo spostamento verso il blu alle regioni centrali di sorgenti radio, perché sorgenti radio sembrano essere associati a galassie ottici e perché GRB appaiono in punti casuali senza indicazione anticipata del loro aspetto imminente.

Anche se non affronta le questioni di Energetica (l'origine di superluminality), il nostro modello presenta un'opzione interessante in base a come vorremmo percepire moto superluminale ipotetico. Abbiamo presentato una serie di previsioni e rispetto loro di dati esistenti provenienti da DRAGNs e GRB. Le caratteristiche come l'azzurro del nucleo, simmetria dei lobi, il transitorio \gamma e scoppia X-Ray, l'evoluzione di misura degli spettri lungo il getto di tutto trovare spiegazioni semplici e naturali di questo modello come effetti percettivi. Incoraggiato da questo successo iniziale, possiamo accettare il nostro modello basato sul braccio del lume come un modello di lavoro per questi fenomeni astrofisici.

Deve essere sottolineato che gli effetti percettivi possono mascherarsi come apparenti violazioni della fisica tradizionale. Un esempio di tale effetto è il moto superluminale apparente, che è stato spiegato e previsto nel contesto della teoria della relatività ristretta, anche prima che fosse effettivamente osservato. Anche se l'osservazione del moto superluminale è stato il punto di partenza dietro il lavoro presentato in questo articolo, è affatto un'indicazione della validità del nostro modello. La somiglianza tra un boom sonico e un boom del lume ipotetico in evoluzione spazio-temporale e spettrale è presentato qui come un curioso, anche se probabilmente alienato, basi per il nostro modello.

Una lattina, tuttavia, sostenere che la teoria speciale della relatività (SR) non affronta superluminality e, pertanto, bracci di movimento e luminali superluminali non siano incompatibili con SR. Come evidenziato dalle dichiarazioni di carta originale di Einstein di apertura, la motivazione primaria per SR è una formulazione covariante delle equazioni di Maxwell, che richiede una trasformazione di coordinate derivata basata in parte sul tempo di viaggio della luce (LTT) Effetti, e in parte dal presupposto che la luce viaggia alla stessa velocità rispetto a tutti i sistemi inerziali. Nonostante questa dipendenza da LTT, gli effetti LTT sono attualmente assunti da applicare in uno spazio-tempo che obbedisce SR. SR è una ridefinizione dello spazio e del tempo (o, più in generale, realtà) al fine di accogliere i suoi due postulati fondamentali. Può essere che ci sia una struttura più profonda di spazio-tempo, di cui SR è solo la nostra percezione, filtrato attraverso gli effetti LTT. Con trattandoli come un'illusione ottica da applicare in uno spazio-tempo che obbedisce SR, possiamo essere doppio contarli. Possiamo evitare il doppio conteggio da districare la covarianza delle equazioni di Maxwell dalla parte di coordinate trasformazioni di SR. Trattare gli effetti LTT separatamente (senza attribuire loro conseguenze per la natura fondamentale dello spazio e del tempo), possiamo ospitare superluminality ed ottenere eleganti spiegazioni dei fenomeni astrofisici descritti in questo articolo. La nostra spiegazione unificata per GRB e sorgenti radio simmetriche, pertanto, ha implicazioni di vasta portata come la nostra conoscenza di base della natura dello spazio e del tempo.


Foto di NASA Goddard foto e video