Tag Archives: vita

Da qui all'eternità

L'aspetto temporale della pena si estende oltre l'intervallo tra il crimine e la sua punizione. La gravità della pena si misura anche in termini di durata. E la morte mette definitivamente fine a tutte le durate artificiali. Questa interferenza di morte nei nostri orizzonti temporali scombina cosa intendiamo per una punizione proporzionale, che è il motivo dietro la generale mancanza di gratificazione sul lungo periodo di Madoff. Se un crimine odioso come un omicidio senza senso provoca solo un ergastolo, e se si sa che “vita” significa solo un paio di mesi o giù di lì, quindi la punizione in sé e per sé non è in grado di dissuadere il crimine. E quando il reato non è così priva di senso, ma spinto da considerazioni materiali attente, si tratta di una deliberata analisi del rischio-ricompensa che determina la sua commissione. Una completa analisi del rischio-ricompensa comporterebbe, Immagino, una considerazione della probabilità di rilevamento, l'intensità e la durata della pena potenzialità, e il tempo si deve godere il bottino e / o subire la punizione. Ci possono essere altri fattori da considerare, naturalmente. Non saprei, perché non ho effettivamente fatto tali analisi. Non ancora.

La storia vaiolo ho detto prima porta queste considerazioni in primo piano, insieme a come la relativamente alta probabilità di morte per malattia li colpisce. Sapendo che non c'è molto tempo per godersi la vita (o affrontare la musica), due signori anziani della storia decidono di andare a festa si su una prostituta locale del paese che essi sono stati eying per un po '. E non è che le conseguenze (rabbia sponsale, malattie cattivi ecc) della loro azione sono cambiate. Solo che la loro durata potenziale è diminuita drasticamente a causa dello scoppio del vaiolo. La conoscenza della nostra morte ha un effetto drammatico sulle nostre inibizioni morali nata da analisi di rischio-rendimento.

E 'in questa luce che dobbiamo esaminare dichiarazioni cliché come, “Vivere il momento presente,” o “Vivi ogni giorno come se fosse l'ultimo.” Che cosa queste affermazioni significano veramente? La seconda è particolarmente interessante perché fa un riferimento diretto a morte. E 'ci chiede di far nostre inibizioni nei confronti di tutte le nostre azioni? Se è così, non può essere un tale invito positiva (che, naturalmente, è una dichiarazione di giudizio di valore forma emana un senso di una moralità di origine sconosciuta). Oppure potrebbe essere una semplice esortazione a non procrastinare — una cosa positiva per la stessa moralità incerta.

“Vivere nel presente” è ancor più sconcertante. Credo che deriva dalla nozione di Zen “qui” e “ora.” Posso capire il tipo di concetto Zen in termini di neuroscienze cognitive, anche se questo è il genere di cose che lo Zen ci avrebbe chiesto di non fare — capire una cosa in termini di qualcos'altro. Secondo la scuola Zen, una esperienza deve essere assimilato prima l'intelletto ha la possibilità di colorare in termini di preconcetti e filtri. Nel silenzio assoluto di una mente, presumibilmente causata da anni di introspezione e intensa mediazione, esperienze assumono forme percettivamente precisi e intellettualmente uncolored, che si dice è una buona cosa. Se l'istruzione “Vivere il momento presente” si riferisce a questo modo di vita sperimentando, fine, Posso andare con quella, anche se non riesco a capire pienamente perché io non sono un maestro Zen. E se fossi, Probabilmente non mi preoccuperei troppo di capire logicamente roba. La comprensione è solo un esercizio intellettuale sbagliata di futilità.

Come una dichiarazione morale, tuttavia, questo invito a vivere nel momento presente lascia molto a desiderare. E 'un invito a ignorare le conseguenze delle tue azioni? Si compartimenti vostra timeline in un grande passato, un grande futuro e piccolo presente. Si ignora il passato e il futuro, e vivere nel presente. Nessun rimpianto. Nessun ansie. Che altro potrebbe questo slogan “Vivere il momento presente” dire?

Perché dovrebbe essere buona?

Knowledge of death is a sad thing. Not as a general piece of information, but in as applied to a particular individual. I remember only too vividly my own sense of helplessness and sadness towards the end of my father’s life, when it became clear to me that he had only a few weeks left. Until then, I could never really understand the grief associated with death of a loved one, given the absolute certainty and naturalness of death. Infatti, I couldn’t understand my own grief and often wondered if I was romanticizing it, or feeling it because it was expected of me.

It is very difficult to know people, even ourselves. There are multiple obscuring levels of consciousness and existence in our inner selves. And we can penetrate only a limited number of them to see within ourselves. Therefore I find myself doubting my grief, despite its directly perceived realness and existence. Perhaps the grief arising from the loss of a loved one is so primal that we do not need to doubt it; but I cannot help doubting even the most obvious of feelings and sensations. Dopotutto, I am the dude who goes around insisting that reality is unreal!

Il “loss” of a hated one, by virtue of its mathematical symmetry, should generate something like the opposite of grief. The opposite of grief is perhaps glee, although one is too civilized to let oneself feel it. Ma sul serio, I once heard a stress reduction expert mention it. Ha detto, “What if your boss stresses you out? Imagine, end of the day, he also will be dead!”

Sì, the fact that we will all die is a serious social and moral problem. How much of a problem it is is not fully appreciated due to the taboo nature of the subject. I once read a novel in Malayalam describing a village in the sixties ravaged by smallpox. Some parts of this novel illustrated the connection between death and morality. Vedi, morality is such a holy cow that we cannot examine it, much less question it, without being called all sorts of bad names. Being “buono” is considered a “buono” thing, and is taken to be beyond rationalization. Voglio dire, we may ask questions like, “What is good?”, “What makes something good, something else bad?” etc. But we cannot realistically ask the question, “Why should I be good?” Being good is just good, and we are expected to ignore the circularity in this statement.

For a minute, let’s not assume that being good is good. I think the knowledge of imminent death would make us shed this assumption, ma ci arriveremo in un secondo momento. For now, let’s think of morality as a logical risk-reward calculation, rather than a god-given axiom. If somebody proposes to you, “Why don’t you shoot to be a drug dealer? [Pun attempted] Good money there…,” your natural reaction would be, “Drugs kill people, killing people is bad, no way I am getting into it.” Ora, that is a moral stance. If you were amoral, you may think, “Drug dealing involves violence. There is a good chance that I will get shot or caught. Thirty to life in a federal penitentiary is no walk in the park. No way I am getting into it.” This is a risk-reward analysis, but with the same end result.

I put it to you that the origin of most of our morality is this risk-reward analysis. If it wasn’t, why would we need the police and the criminal justice system? It is this risk-reward analysis that can get skewed because of an impending death, if we let ourselves notice it. Vedi, the concept of crime and punishment (or action and consequence, to be value-neutral) is not so simple, like most things in real life. To be a deterrent, the severity of punishment has to be proportional, not only to the foulness of the crime, but also to the probability of its detection. Per esempio, if you know that you will get caught every single time you speed, speeding tickets need not cost you thousands of dollars — a couple of dollars will do the trick of discouraging you from speeding. Such minuscule punishments do exist for little “crimes.” In public toilets, leaving the shower or sink faucet running would be a small crime because it wastes water, and the landlord’s funds. To fight this crime came spring-loaded faucets that shut themselves down after ten or 15 seconds. So you get “caught” every time you try to leave the water running, but the “punishment” is merely that you have to push the release button again. Now we have faucets with electronic sensors with even shorter temporal horizons for crime and punishment.

The severity of a pain is not merely its intensity, but its duration as well. Given that death puts a definitive end to our worldly durations, how does it affect our notion of punishment commensurate with crime? My third post on the philosophy of death will examine that aspect.

Il tabù

Death is a taboo subject. We are not supposed talk about it, or even think about it. It is almost like if we did, death might take notice of us, and we can do without that kind of attention. If we want to be inconspicuous anywhere at all, it is in front of Death.

I have been watching Six Feet Under recently, which is probably behind these musings on death. I am curious though — why is the topic of death such a taboo, despite its natural inevitability? I don’t mean the superstitious kind of taboo (“Non, non, non, you are not going to die any time soon, touchwood!”), but the intellectual kind. The kind of chill that comes about if you try holding a conversation about it over a beer or at a dinner table. Why is death such a taboo?

To say that we are just scared of death is a bit of an oversimplification. Sure we fear death, but we fear public speaking more, but we can still talk about the latter. We have to find the reason for the special tabooness of death elsewhere.

One thing special about death is that it is a great equalizer — a fact almost too obvious to appreciate. Everybody dies — regardless of whatever else they do in their lives. Perhaps this ultimate leveling of the field may be a bit distressing to the more competitive among us. However high we soar, or however low we sink, at the end of our days, the score is all reset and the slate is wiped clean.

This slate-wiping business also is troublesome for another reason. It is so damn permanent. Its permanence has an aspect never present in any other kind of pain and suffering we go through (including public speaking). One of my personal techniques to handle minor aches and pains (such as a root canal, or even deeper wounds like the loss of a loved one) is to make use of just this lack of permanence. I remind myself that it is going to pass, in time. (For some strange reason, I do this in French, “Ça va pas tarder,” sebbene, to be correct, I think I should be telling myself, “Ça va pas durer.”) I even shared this technique with my son when he broke his arm and was in excruciating pain. I told him that the agony would soon abate. Bene, I said it using different words, and I fancy the little fellow understood, although he kept screaming his head off.

We can handle any “normale” pain by just waiting it out, but not the pain of death, which lasts for ever. Ça va durer. Is this permanence behind our fear of it? Forse. With absolute permanence comes absolute imperviousness, as any Spiderman fan would appreciate. What lies beyond death is unknown. And unknowable. Despite all the religions of the world telling us various mystical things about what lies beyond (sai, like heaven and hell, Karma and reincarnation etc.), nobody really believes it. Lo so, Lo so, some may honestly insist that they really really do, but when push comes to shove, at an instinctive, gut level, nobody does. Not even the ones who are certain that they will end up in heaven. Why else would holy men have security details? In Schiavo d'amore, Maugham caricatures this strange lack (or impossibility) of real faith vis-à-vis death in his portrayal of the last days of the Vicar of Blackstable.

To live with any sense of purpose, I think we have to ignore death. A finite span of existence is just absurd at multiple levels. It makes all our lofty goals and ideals absurd. It makes our sense of good and evil absurd. It makes whatever we think of as the purpose of life absurd. It even makes the modest purpose of life proposed in the DNA-based evolutionary explanation (that we just want to live a little longer) absurd, for any finite increment in our life span is essentially zero when compared to the infinity of time, as the nerdy ones among us would readily appreciate. In breve, there is only one real problem with life, which is death. Since we cannot avoid dying and paying taxes, may be we can avoid thinking and talking about it — a plausible reason behind the taboo nature of the topic of death.

Come fare soldi

dopo il mio riflessioni su Dio e l'ateismo, che alcuni possono avere trovato inutile, diamo un'occhiata a un problema estremamente pratico — come fare soldi. Carichi di esso. Apparentemente, è uno dei più frequentemente ricercate frasi in Google, ed i risultati di solito cercano di separarvi dal vostro denaro, piuttosto che aiutano a rendere ancora di più.

Ad essere onesti, questo post non vi darà alcun get-rich-quick, programmi o strategie infallibili. Che vi dirà è come e perché alcune persone fare soldi, e, si spera di scoprire alcune nuove intuizioni. Si può essere in grado di mettere un po 'di queste intuizioni per lavorare e farsi ricco — se è lì che pensi che le tue bugie felicità.

Ormai, è chiaro alla maggior parte delle persone che non possono diventare ricco sfondato lavorando per qualcun altro. Infatti, questa affermazione non è del tutto vero. Amministratori delegati e top manager tutto il lavoro per i soci delle società che li impiegano, ma sono Filthy Rich. Almeno, alcuni di essi sono. Ma, generalmente, è vero che non è possibile fare soldi seri che lavorano in una società, statisticamente parlando.

Lavorare per se stessi — se siete molto fortunati e di grande talento — si può fare un fascio. Quando sentiamo la parola “ricco,” le persone che vengono in mente tendono ad essere (un) imprenditori / gli industriali / magnati del software — come Bill Gates, Richard Branson ecc, (b) celebrità — attori, scrittori ecc, (c) professionisti degli investimenti — Warren Buffet, per esempio, e (d) truffatori della scuola Madoff.

C'è un filo comune che attraversa tutte queste categorie di persone ricche, e gli sforzi che li rendono i loro soldi. E 'il concetto di scalabilità. Per capire bene, vediamo perché c'è un limite a quanti soldi si può fare come un professionista. Diciamo che sei un grande successo, altamente qualificati professionale — dire un chirurgo del cervello. Si carica $ 10k un intervento chirurgico, ed eseguire uno al giorno. Così si fanno su $2.5 milioni all'anno. Soldi Serious, senza dubbio. Come si fa a scalare verso l'alto se? Lavorando il doppio del tempo e la ricarica più, può essere che si può fare $5 milioni o $10 milione. Ma c'è un limite che non sarà in grado di andare al di là.

Il limite avviene perché la transazione economica fondamentale coinvolge vendere il vostro tempo. Anche se il tempo può essere altamente qualificati e costoso, hai solo 24 ore in un giorno di vendere. Questo è il tuo limite.

Ora prendete l'esempio di, dire, John Grisham. Trascorre il suo tempo alla ricerca e scrivere i suoi libri più venduti. In questo senso, vende il suo tempo pure. Ma la grande differenza è che lo vende a molti persone.

Possiamo vedere un modello simile a prodotti software come Windows XP, performance di artisti, eventi sportivi, film e così via. Una prestazione o realizzazione è venduto innumerevoli volte. Con un leggero tratto di immaginazione, possiamo dire che gli imprenditori stanno vendendo il loro tempo (che spendono costituzione delle loro attività) più volte (ai clienti, clienti, passeggeri, ecc) Questo è l'unico modo per affrontare il problema di scalabilità che avviene a causa della scarsità di tempo.

Professionisti di investimento (banchieri) farlo troppo. Essi sviluppano nuovi prodotti e idee che possono vendere alle masse. In aggiunta, fanno uso di un angolo diverso che abbiamo discusso nel Filosofia del denaro. Essi si concentrano sul valore di investimento di denaro per fare una gran quantità di esso. Non così tanto che prendere i vostri soldi come depositi, prestare fuori come prestiti, e guadagnare la diffusione. Quei tempi semplici sono andati per sempre. Le banche fanno uso del fatto che gli investitori richiedono il massimo rendimento possibile per il minor rischio possibile. Qualsiasi possibilità di spingere questa busta rischio-ricompensa è un potenziale di profitto. Quando fanno i soldi per te , chiedono loro di compensazione e sono felici di pagare.

Mettiamola in questo modo, investimento suona come un concetto positivo, che è, nel nostro modo corrente di pensare. Si può facilmente fare una cosa negativa da parte raffigurante la domanda per il valore dell'investimento di denaro come avidità. Ne deriva che tutti noi siamo avidi, e che è la nostra avidità che alimenta i pacchetti di compensazione folli di dirigenti di alto livello. Avidità anche frodi carburanti – schemi di Ponzi e piramidi.

C'è una linea sottile tra sfocata gli schemi che prosperano sui posti di lavoro avidità e la fiducia di altre persone. Se si può trovare con uno schema che fa i soldi per gli altri, e soggiorno legale (se non morale), allora si farà soldi. Si può vedere che anche l'educazione, tradizionalmente considerato un inseguimento superiore, è davvero un investimento contro guadagni futuri. Visto in questa luce, si capisce la correlazione tra le tasse di iscrizione alle varie scuole e gli stipendi loro comando laureati.