Leggendo tra le righe

Quando si tratta di notizie, le cose sono raramente ciò che sembrano. I media possono colorare fatti di cronaca, pur rimanendo tecnicamente obiettivo e rigorosamente fattuale. Di fronte a tale segnalazione insidiosamente accurata, abbiamo poca scelta ma a leggere tra le righe.

Si tratta di un'arte difficile. Primo, sviluppiamo un atteggiamento sano di scetticismo. Armati di questa fiducia, nessuno atteggiamento, esaminiamo il pezzo per arrivare alle intenzioni dello scrittore. Intendiamoci, l'idea non è sempre disapprovare l'agenda nascosta, ma essere consapevoli che c'è una — sempre.

Scrittori utilizzano una varietà di tecniche per spingere la loro agenda. Prima di tutto nel loro arsenale è la scelta delle parole. Le parole hanno significati, ma hanno anche una connotazione. Come un esempio calzante, guardare la mia scelta della parola “arsenale” nell'ultima frase, che in questo contesto significa semplicemente raccolta. Ma a causa della sua connotazione negativa, Ho interpretato scrittori come i vostri avversari. Avrei potuto usare “raccolta” o “repertorio” (o niente del tutto) per togliere le negatività. Utilizzo “gimmickry” implicherebbe che gli scrittori di solito non riescono nei loro sforzi. Scelta “pacco gara” darebbe una sensazione di caldo su di esso a causa della sua associazione con ricordi d'infanzia. Se non sai di mio sacco di trucchi (che ha una buona connotazione), tu sei la mia misericordia.

Quando connotazione è impiegato per guidare agende geopolitiche, dobbiamo esaminare le parole scelte con più gravi cure. In un giornale indiano, Una volta ho notato che essi costantemente utilizzate le parole “militante” o “militanza” per segnalare un certo movimento, mentre descrive un altro simile movimento con parole come “terrorista” o “terrorismo”. Entrambi gli usi possono essere precisi, ma se non stiamo attenti, possiamo ottenere facilmente influenzabili a pensare che un movimento è legittimo, mentre l'altro non è.

Gli americani sono maestri in questo gioco. Ogni parola pronunciata dal portavoce del dipartimento di stati è scelto con cura in modo che sarebbe ingenuo ignorare le connotazioni associate. Guardate la scelta di Hillary Clinton della parola “misspeak” — libri possono essere scritti su tale scelta!

Ciò che rimane non detto è importante quanto ciò che non è, che rende per un'altra tattica potente nel plasmare l'opinione pubblica. Immaginate un servizio televisivo che corre come questo: “Pentagono ha riferito un attacco chirurgico con un missile a guida laser sparato da un aereo senza pilota predatore uccidendo cinque terroristi negli Stati Uniti lista più ricercato. Tuttavia, civili sostengono che la bomba è caduta su un omicidio festa di nozze 35 persone, tra cui 15 bambini e le dieci donne. Non abbiamo verificato in modo indipendente questa affermazione.” Durante il soggiorno ai fatti, questo rapporto è riuscito a screditare i morti civili giocando con le connotazioni di “relazione” e “Richiesta”, nonché dai non dire che il rapporto del Pentagono è stato anche verificato. Oltre a, come possono i velivoli senza pilota super-duper e munizioni a guida laser perdere i loro obiettivi?

Noi, naturalmente, non hanno modo di sapere che cosa in realtà è andato lì. Ma dobbiamo discernere la processo di colorazione della relazione e sviluppare una capacità (o almeno un desiderio) di cercare la verità e le intenzioni dietro le parole.

Questa capacità è fondamentale soprattutto ora a causa di una tendenza preoccupante in media globali — la genesi dei conglomerati mediatici. Quando la maggior parte del mondo ottiene loro informazioni da un numero limitato di conglomerati, essi esercitano una quantità eccessiva di potere e di influenza su di noi e le nostre opinioni. A meno che gelosamente custodiamo la nostra capacità di leggere tra le righe, possiamo essere marciando tranquillamente in un nuovo mondo coraggioso preoccupante.

Commenti