free will

Problema del libero arbitrio

Il libero arbitrio è un problema. Se tutti noi siamo macchine fisiche, obbedendo alle leggi della fisica, quindi tutti i nostri movimenti e stati mentali sono causati da eventi che hanno avuto luogo in precedenza. Ciò che è causato è completamente determinato dalla causa. Quindi, qualunque cosa facciamo ora e nel prossimo minuto è tutto pre-ordinato da eventi antecedenti e cause, e non abbiamo alcun controllo su di esso. Come possiamo allora avere il libero arbitrio? Il fatto che sto scrivendo questa nota sul libero arbitrio — è totalmente e completamente determinato dagli eventi da tempo immemorabile? Non mi sembra giusto.

La via d'uscita da questo problema del libero arbitrio è, infatti, abbastanza semplice. Non ci resta che riconoscere il fatto che abbiamo un regno mentale in cui prendiamo decisioni su come vogliamo agire, e noi abbiamo un regno fisico in cui le azioni si svolgono effettivamente. Se io (mio regno mentale, distante) decidere di tornare modificare la frase precedente, le mie mani fisici faranno i tratti chiave necessari per far sì che una realtà. Questo punto di vista del senso comune ha un nome in filosofia. E 'il dualismo, o dualismo cartesiano per indicare la sua origine nel lavoro di Des Cartes — sai, il ragazzo che ha detto penso quindi sono.

Dualism, nonostante il suo fascino e l'accettazione tacita nel nostro senso comune, ha grossi problemi. Se ci sono due tipi di cose, mentale e fisica, esattamente come interagiscono tra di loro? Ovviamente fanno — le mie mani fanno quello che voglio che facciano. E se bloccato una pistola alla testa, il mio regno mentale vorrebbe mie mani a punto verso il cielo. Dove è il collegamento tra i regni fisici e mentali? Dal momento che nessuno è stato trovato, dualismo di qualsiasi tipo è caduto in disgrazia con filosofi contemporanei.

Una volta che lo sconto dualismo come plausibile, si sono lasciati con il monismo se non si è Richard Pirsig, nel qual caso si può preferire una trinità, che può davvero essere la strada da percorrere. Se sei un monista, allora avete due estremi tra cui scegliere. Si potrebbe dire che tutto ciò che è nella tua mente, e la comparsa di un mondo fisico reale che c'è un costrutto mentale o cognitiva. Oppure si potrebbe dire che tutto ciò che è fisico, e la vostra coscienza è un epifenomeno. Entrambi questi approcci hanno problemi, che è probabilmente il motivo per cui nel monismo indù di Advaita, entrambi sembrano negato. La tua mente è un'illusione, si mondo fisico è anche un'illusione. Ciò che è vero è solo Brahman, ed è inconoscibile. Bene, lo fa a chiarire le cose un po ', ma è anche praticamente inutile, perché non si può prendere qualsiasi ulteriore.

Vedi, il libero arbitrio è davvero un problema. Naturalmente, il libero arbitrio ha i suoi confini. Se scivolare su una buccia di banana e ritrovi voce faccia prima nel marciapiede, non è possibile esercitare il libero arbitrio e scegliere di non cadere. Ma si può attaccare le mani fuori e cercare di salvare la faccia da un infortunio. Infatti, quel genere di accade senza pensarci, e quindi senza il libero arbitrio. Quello che voglio dire è che non si ha il libero arbitrio di cambiare le leggi della fisica in quanto si applica al vostro corpo fisico nel suo complesso, ma si può cambiare la sua configurazione a volontà, mentre obbedendo quelle leggi. C'è una sorta di compatibilismo nascosto in quella dichiarazione?

Commenti