And the Wind Whispered…

[This post is my translation of an excellent short story by one of the most gifted storytellers of our time, O.V.Vijayan. The translation from Malayalam is a feeble effort, because such distant translations are not merely between languages, but cultures. The untranslatable expressions are marked with asterisks. Enjoy!]

Reached Kanjikad from Palghat by Coimbatore street. From there on, it was unpaved dirt road to the mountains. Even the rough taxi Jeep found that hard to take. This was Theyunni’s second trip here in the last ten years and he had no complaints about the roughness now.

“Ditch ahead”, Driver said, glancing at the dirt road in front.

“If you want to stop here, it’s okay”, Theyunni offered, “I can walk.”

It’s about two miles from here. Accustomed as he was to the comfort of limousine rides between airports and star hotels, the prospect of the hard hike did not discourage Theyunni.

“Nah. We’ll go slow, sit tight.”

“Okay.”

The Jeep carefully negotiated the winding mountain road. Theyunni glanced at the wild valley as if for the first time. The sunshine cooled by the hillside, the east winds tunnelled through the mountain passes and roaring towards Palghat…

“The trees are all gone, aren’t they, Driver?”, Theyunni observed.

“All downed. Was forests here till about five years ago. Elephants used to come down.”

Sì, last time when he was here, there were huge trees on either side. Trees he didn’t know the names of. There were crickets all around carrying on with their shrill orchestra. Theyunni recalled that journey. He was coming back to Bombay after a European trip and his wife was at the airport. Ha detto, “There is a letter from home, looks like *Brother’s handwriting.”

“Wonder what is happening. Didn’t you open it, Phoebe?”

“You know I don’t open your letters.”

When the car was moving towards Juhu, Theyunni stole a glance at Phoebe’s face behind the wheel. Like a flawless marble sculpture with golden hair dancing in the wind. It was against her culture to open her husband’s letters. There were many things in her culture that attracted him — her confident courage in kissing him in that garden few years ago, proclaiming, “I love you”. If the relationship were to turn sour in the years to come, the honesty and integrity that would make her say, “I do not love you any more, we have to get divorced”. These were the challenges that inspired him. He remembered the journey home to tell *Father that he was in love with Phoebe, his fellow-student at Stanford. Father did not say anything against it, just smiled his sweet, thoughtful smile. It was *Mother — “We had Devaki’s horoscope looked at…”

Devaki was a distant relative. The daughter of some in-land farmer. Hiding his contempt for horoscopes, Theyunni comforted Mother, “That is not much, Mother. We didn’t give our word.”

Nobody said anything for a while. Then Mother said, “Isn’t understanding as big as word? It’s like Devaki has married you in her heart.”

“It’s the boy’s decision, Madhavi,” Father said, “Why do you want to say this and that?”

Mother withdrew herself, “I didn’t say anything…”

“Don’t worry about Mother’s complaints, Kutta. Così, do you like this Phoebe?”

Theyunni was a little embarrassed, “Yes.”

“Will an American girl like to live in this old family house of ours, Kutta?”, Mother inquired.

“Why wouldn’t she?”

Father said, “It’s not as though they are going to come live here, è?”

“So Father and Son have decided that as well,” Mother said, “that they don’t want to live here?”

“Wherever we live, we’ll come here first, Mother.”

Theyunni saw Mother’s eyes well up. After blessing Phoebe and wishing Devaki well in her life, Mother said, “I won’t ask you to change your mind. Ma, will you look after Father, Kutta?”

“Of course.”

“You remember how he used to be? His body is getting old…”

Father intervened again with his smile, “Madhavi, why do you say such things and make him unhappy? Don’t pay any attention to her, Kutta.”

Even during the novelty of his love, Theyunni could feel *Devaki’s true meaning in his *rustic heart — the farmer bride who would sweep the floor and light the evening lamp. Mother said, “There was only one thing on my mind — your sister-in-law is not able-bodied. If it had been Devaki, there was a hope that she would look after your father in his old age…”

Theyunni didn’t say anything then. Even in the later years, he couldn’t say anything about that. Phoebe, who never opened her husband’s letters, drove skillfully through the streets of Juhu. When Father fell sick years after the marriage, Phoebe advised, “Your little town is actually a village. Why don’t we take him to a good hospital in a city? We can easily afford that.”

What Father needed was nearness and touch to die peacefully. Theyunni came home alone with those and saw him off. Mother also died in the old family house. Phoebe was back at Stanford then. She sent a formal condolence telegram. *Devaki‘s meaning again filled his mind.

In Juhu, Theyunni read Brother’s letter. “I’m not doing too well, Kutta. Just to let you know. I won’t ask you to take time off your busy schedule and come by these forests. Just think of me, same effect as seeing. Didn’t even let Sreekumar know. I was worried that he might get anxious and take a trip — not easy to come here from Cambridge, è? If only your sister-in-law had been alive… Weaknesses of an old heart…”

The Jeep continued it’s laborious journey negotiating an occasional ditch and gutter.

“Sorry about the trouble, Driver,” Theyunni tried to comfort the driver.

“Nah, just doing my job.”

Must be another mile from here. It was after his wife’s death that Brother decided to resign from service and move to the high lands. Theyunni vehemently opposed that decision. “Why are you moving to this god-forsaken land in Palghat among leopards and wild boars? Inoltre, you could be in service for another 10 anni. Even after retiring, you know that a nuclear physicist can do so many things…”

Brother’s reply came, “There are debts that one owes — to one’s country, one’s community, one’s family. I feel that I have repaid my dues to the best of my ability. There are some other obligations that I have to take care of. That’s is why I’m seeking refuge in these valleys.”

Brother never mentioned what those obligations were. Theyunni didn’t inquire either.

The soft-spoken Brother took a decision only after much reasoning; it was not easy to make him go back on them. Più tardi, Brother wrote about his camp-site: about four miles off the road, there were fertile lands lying just outside the woods. Brother built a house there, among coconut palms, vegetables, mango trees… Dirt walls, wooden ceiling and roofs of clay tiles. It was at some distance from anywhere. Tuttavia, there was a farmer, Ponnuswami, living in a hut nearby. Brother could ask Ponnuswami for help if needed. Apart from that, he was quite alone in that valley. Theyunni could not figure out the meaning of that penance and forgot about it. Years went by. But when Phoebe handed over that unopened letter, he suddenly felt that he should go there in a hurry.

“Bene, Phoebe, I’ll go and see what’s going on.”

“What is the name of that place? Kanjikad, non è questo?”

“Yes.”

“Brother had invited me to go and see the mountains.”

“Sì, I remember.”

“Must be a perfect place for get-away vacation. But it’s dangerous to get sick there. Why don’t you bring him here? We could have him treated at Jeslock or something.”

Phoebe was repeating her suggestion on treatments. Theyunni remembered the last time the suggestion was offered and it made him uneasy.

“We can’t get inside his mind, Phoebe. I’ll go there and see.”

That was how Theyunni came here for the first time, ten years ago. Not only was he anxious about Brother’s health and solitary life, he also wanted to give Brother a piece of his mind about the untimely penance. When he took a taxi from Coimbatore airport to go to Kanjikad, his mind was filled with impatience and hard feelings towards Brother. The driver got discouraged by the sight of ditches and gutters in the dirt road. It didn’t take too much to provoke Theyunni.

“I could break the axile if I drove up this way,” complained the driver who was Tamil.

“How much does this stupid car of yours cost?”

“Sorry Sir, didn’t mean to…”

“If your car breaks, let it break. I’ll give you what it costs. Drive.”

When he got off the car, Theyunni saw Brother taking a walk in the field — looking bright and healthy.

“Why did you come all this way, Kutta?”, Brother commented on the advisability of the trip.

“You can say that. Living in the forests, writing letters about getting sick, how could I ignore it?”

“Come in.” Brother took him inside the house.

Theyunni looked around and found everything unsatisfactory. “Why do you punish yourself like this?”

“Do I look as though this is punishment?”

Nobody said anything for a while. Then Theyunni inquired, “Who treated you while you were ill?”

“Teat?! Nobody!”

“What am I supposed to say about that?”

Brother smiled, “You don’t get it, Fai, Kutta?”

“What do you do for food?”

“I have asked Ponnuswami’s wife to show up. To cook something for you. Me, this is all I eat.”

He pointed to the husks of two young coconuts in the basket. “That was breakfast. Two more for dinner.”

“That is you diet?!”

“Not just diet, medicine as well!”

When it got dark, Theyunni wanted to know, “Brother, what if some thieves show up?”

Brother laughed heartily, “Four white *mundu, four cotton shawls, two towels and some clay pots. That’s all this house holds. The thief is quite peaceful by nature, it’s our avarice that makes him do this and that!”

After dinner, they laid down to sleep — on the floor, on sleeping mats. For Theyunni, it was the first time in a long while without the air conditioner. The winds roared outside the house. Through the mountain passes, like the loud waves in an uptide.

“Kutta”

“Sì, Brother?”

“You hear that?”

“The winds, diritto?”

“Sì, but to you hear them?”

“Sì, Faccio. Why do you ask?”

Brother was silent for a while in the darkness. Then he said, “Non, you don’t hear them.”

It was with the same dissatisfaction at Brother’s life in the wilderness that Theyunni went back to Bombay. Brother said, seeing him off, “It was a mistake, Kutta. A weakness. Felt like writing to you when I was ill; I won’t bother you like this again. There aren’t any illnesses that these valleys can’t cure. And if there are, do humans have medicines for them?”

Ora, it was ten years after those words that Theyunni was coming back. Phoebe was not with him any more. She showed her natural honesty and told him that the love between them had dried out. Theyunni did not fly from Bombay. He took the train to Palghat along with numerous other people. Like in his childhood, in second class. Two day journey. Hills and woods and rivers and villages slowly went by in the window as the train ambled towards Palghat. The old family house was no longer there. So he rested in a hotel and set out for Kanjikad the next morning. His gruffiness during the last journey ten years ago had disappeared now. Theyunni felt that his peacefulness was spreading to the fellow passengers and even the landscapes.

The Jeep driver also was friendliness personified.

“Hard trip, non è questo, Driver?”

“Nah, we are quite used to these. A little worried about your trouble, that is all.”

Brother’s fences and steps appeared at a distance.

“Over there, Driver.”

“Isolated house, non è questo, Signore?”

“Yes.”

Ponnuswami was waiting by the house. He stepped down to welcome Theyunni. They looked at each other; Ponnuswami wiped his tears.

“He had asked me not to telegram, that is why I wrote a letter instead.” Ponnuswami said, “I am sorry.”

“Not at all, you were respecting Brother’s wishes. I understand.”

Ponnuswami walked over to the backyard. There was a small plot where a Thulasi plant was beginning to take root. Ash remnants of the pyre around it.

“This is it,” Ponnuswami said. “The bones were dropped in the Peroor river. If there are some other rituals you want to do… Ma,…”

“Sì, Ponnuswami?”

“He said that no rituals were necessary. That he had uprooted the rituals. I am not educated, just thought that he was talking about some sacred state.”

“That must be what he meant.”

“Is Sreekumar coming up?”

“I had telephoned him from Bombay. He is not coming. He had told me one thing — that this land and house are for you.”

Ponnuswami had gone beyond such earthly things. “He also had told me the same thing; I didn’t want to tell you. Ma, I don’t need any of this. You or Sreekumar could sell these…”

“Brother’s wishes, Ponnuswami. We must respect them.”

“Bene, if you insist.”

“How many children do you have?”

“Four.”

“Bene, this will be a good place for them to grow up in.”

Ponnuswami bowed once again, “If you ever want to come back and live here, my family and I will get out of here for you.”

“That won’t be necessary, Ponnuswami.”

I don’t deserve to live here, Theyunni said to himself. They got back into the house.

“You take rest. I will get you a young coconut from the fields.”

“The driver is waiting in the Jeep outside. Ask him to come inside and have something to drink.”

When Ponnuswami brought the young coconuts, Theyunni said, “You can go home now, if you like. I’m fine.”

Ponnuswami left. Theyunni said to the driver. “Do you think you can stay here overnight?”

The driver expressed his disagreement through silence.

“Didn’t plan that way when we set out,” Theyunni said. “This is Brother’s house. I came here because he died, couldn’t get here before.”

The driver turned attentive. Theyunni continued, “Feel like sleeping here for a night.”

The driver’s disagreement melted away silently. “I can stay.”

“I can pay you whatever you want for staying.”

“That won’t be necessary.”

Time turned red and went down on the hilltops. Theyunni went inside and went through Brother’s wooden box. Three white mundu’s, laundered, three cotton shawls and two towels. Theyunni’s sadness dripped into them. When he went to bed, he was not sad any more, a kind of gratified grief. A fulfillment of love and traditions. He slept with the childhood dreams of fairy tales. Late in the night, he woke up. He listened to the music of the winds. After this night, it would be the trip back to the city. Theyunni could feel Brother’s kindness in the winds. The winds muttered the unknown *Manthras that marked the end of that kindness and life, un po ' *distant baby voices… A night full of sacred whispers, this was the *justification of lifetime.

Theyunni listened to the whispers and slept, awaiting the morning.

La storia così lontana …

Nei primi anni Sessanta, Babbo Kumari Amma ha deciso di passare alle gamme alte. Aveva da poco iniziato a lavorare con KSEB che stava costruendo un progetto idroelettrico there.The posto è stato chiamato genericamente le gamme alte, anche se gli intervalli non erano così alta. La gente le ha detto che le gamme alte aspra e dura erano non c'è posto per una ragazza di campagna come lei, ma che voleva andare in ogni modo, spinto soprattutto dal fatto che c'era un po 'di assegno di progetto ha coinvolto e lei potrebbe usare qualsiasi po' che è venuto il suo modo. La sua famiglia era molto povera. Veniva da un piccolo villaggio chiamato Murani (nei pressi di un villaggio più grande chiamato Mallappalli.)

Intorno allo stesso tempo B. Thulasidas (meglio conosciuto come Appu) è venuto anche alle gamme alte. Il suo familty non era poi così povero e non ha davvero bisogno del denaro extra. Ma pensava, hey luogo chiassoso comunque, che diamine? Bene, riassumere, si sono innamorati e hanno deciso di sposarsi. Questo è stato un po 'di tempo nel mese di settembre 1962. Un anno dopo Sandya è nato a Novembre 63. E un po 'più di un altro anno e mi è venuto per essere! (Tutta questa stroy, a proposito, sta avvenendo nello stato di Kerala in India. Bene, quella frase è stata aggiunta solo per mettere i link lì, solo nel caso in cui si è interessati.) Vi è una splendida località collinare chiamata Munnar (che significa tre fiumi) dove i miei genitori sono stati impiegati in quel momento ed è lì che sono nato.

 [casual picture] Appena prima 1970, essi (e io, che lo rende we immagino) si trasferisce a Trivandrum, la capitale del Kerala. Ho vissuto in Trivandrum fino all'età di 17. Un sacco di cose sono successe in quegli anni, ma dal momento che questo post è ancora (e sarà sempre) lavori in corso, Non posso dire tutto su di esso ora.

In 1983, Mi sono trasferito a Madras, di fare del mio BTech in Elettronica e Comunicazione presso IIT, Madras. (Lo chiamano le IITs il MIT dell'India, solo molto più difficile da ottenere in. Nel mio gruppo, c'erano circa 75,000 studenti in competizione per circa 2000 posti. Mi è stato classificato 63 tra loro. Sono abbastanza intelligente accademico, vedi.) E come si può immaginare, un sacco di cose sono successe in questi quattro anni pure. Ma nonostante tutto questo, Mi sono laureato nel mese di agosto 1987 e ottenuto la mia laurea BTech.

In 1987, dopo aver terminato il mio BTech, Ho fatto quello che la maggior parte delle IITians dovrebbero fare. Mi sono trasferito agli stati. parte settentrionale New York era la mia destinazione. Mi sono unito alla Dipartimento di Fisica di Syracuse University di fare il mio dottorato di ricerca in Fisica delle Alte Energie. e il ragazzo, ha un sacco di cose che succedono durante quelli 6 anni! La metà di quelli 6 anni sono stati spesi a Università Cornell a Ithaca.

Questo è stato in agosto. 1987. poi, nel 1993 Sette, la prestigiosa organizzazione di ricerca nazionale francese ( CNRS – “Centre national de la recherche scientifique”) mi assunto. ho traslocato a Francia per continuare il mio lavoro di ricerca presso ALEPH, CERN. La mia destinazione in Francia è stata la città provenzale di Marsiglia. La mia casa era istituto “Marsiglia particelle Centro di Fisica” o CPPM. Naturalmente, Non ho parlato una parola di francese, ma che non mi ha disturbato molto. (Prima di andare negli Stati Uniti nel 1987, Non ho parlato molto inglese / Americanese sia.)

Fine di 1995, il 29 dicembre, Mi sono sposata a Kavita. Presto 1996, Kavita anche trasferisce in Francia. Kavita non era troppo felice in Francia, perché sentiva di poter fare molto di più a Singapore. Lei aveva ragione. Kavita è oggi un imprenditore compiuto con due boutique a Singapore e più idee di business che è un bene per lei. Ha vinto numerosi premi ed è un piccola celebrità con i media di Singapore. [Wedding picture]

In 1998, Ho fatto una buona offerta da quello che oggi è il Istituto per la Ricerca Infocomm e abbiamo deciso di spostare a Singapore. Tra le varie ragioni personali per il trasloco, Devo dire che l'odore di racisim nell'aria Marsiglia era uno. Anche se ogni individuo io personalmente incontrato in Francia è stato grande, Ho sempre avuto una fastidiosa sensazione che ognuno mi non ha incontrato mi voleva fuori di lì. Questa sensazione è stata ulteriormente confermata dagli impiegati di immigrazione all'aeroporto di Marignane continuamente mi chiede di “Messo accanto, gentiluomo” e occasionalmente mormorando “il primo francese.”  [Anita Smiles]

Una settimana dopo mi sono trasferito a Singapore, sulla 24rth di luglio 1998, Anita sono nato. Incredibilmente carino e felice, Anita riordinato le nostre priorità e mettere le cose in prospettiva. Cinque anni dopo, sulla 2 maggio 2003, Neil è nato. Ha dimostrato di essere ancora più pieno di sorrisi.  [Neil Smiles more!]

In Singapore, Ho lavorato su un sacco di varie misure del corpo a base di generazione di diversi brevetti e documenti. Verso la fine della mia carriera con A-Star, Ho lavorato su segnali cerebrali, preoccuparsi di come dare un senso a loro e farli parlare direttamente a un computer. Questa direzione di ricerca ha influenzato il mio pensiero tremendamente, anche se non in modo sarebbe piaciuto il mio datore di lavoro. Ho iniziato a pensare al ruolo della percezione nella nostra visione del mondo e, di conseguenza, nelle teorie della fisica. Ho anche capito come queste idee non sono stati isolati riflessioni, ma sono stati atriculated in diverse scuole di filosofia. Questa linea di pensiero alla fine finì nel mio libro, L'Unreal Universe.

Verso la seconda metà 2005, Ho deciso di buttare la ricerca e di entrare in finanza quantitativa, che è un dominio ideale per un fisico a corto di liquidi. Si è scoperto che ho avuto alcune abilità e attitudini che erano reciprocamente redditizio per i miei datori di lavoro e io. Il mio primo lavoro è stato come il capo della squadra di & nbsp analista quantitativo; a OCBC,& Nbsp; una banca regionale a Singapore. Questo lavoro middle office, coinvolgendo gestione del rischio e limitare i commercianti esuberanti, mi ha dato una panoramica completa di modelli di pricing e,& Nbsp; & nbsp forse, più importante,, perfetta comprensione dell'attuazione conflitto-driven della propensione al rischio della banca.

 [Dad] Dopo, in 2007, ho traslocato a Standard Chartered Bank, come un anziano quantitativa prendersi cura professionale della loro piattaforma di trading in-house, che ha ulteriormente migliorato la mia "visione d'insieme" prospettive e mi ha ispirato a scrivere Principi di sviluppo quantitativo. Sto piuttosto bene riconosciuto nel mio campo, e come editorialista regolare per il Wilmott Magazine, Ho pubblicato diversi articoli su una varietà di argomenti relativi a quants e finanza quantitativa, che è probabilmente il motivo per cui John Wiley & Sons Ltd. mi ha chiesto di scrivere questo libro.

Nonostante questi successi professionali, sul fronte personale, 2008 è stato un anno di tristezza. Ho perso mio padre il 22 ottobre. Il morte di un genitore è un campanello d'allarme maleducato. Si porta a sentimenti di perdita e di dolore che sono difficili da capire, e impossibile comunicare. E per quelli di noi con piccolo regalo di facile auto-espressione, essi indugiare più a lungo di quello che forse dovrebbe.

Universe – Size and Age

I posted this question that was bothering me when I read that they found a galaxy at about 13 billion light years away. My understanding of that statement is: At distance of 13 billion light years, there was a galaxy 13 billion years ago, so that we can see the light from it now. Wouldn’t that mean that the universe is at least 26 billion years old? It must have taken the galaxy about 13 billion years to reach where it appears to be, and the light from it must take another 13 billion years to reach us.

In answering my question, Martin and Swansont (who I assume are academic phycisists) point out my misconceptions and essentially ask me to learn more. All shall be answered when I’m assimilated, it would appear! 🙂

This debate is published as a prelude to my post on the Big Bang theory, coming up in a day or two.

Mowgli 03-26-2007 10:14 PM

Universe – Size and Age
I was reading a post in http://www.space.com/ stating that they found a galaxy at about 13 billion light years away. I am trying to figure out what that statement means. Per me, it means that 13 billion years ago, this galaxy was where we see it now. Isn’t that what 13b LY away means? Se è così, wouldn’t that mean that the universe has to be at least 26 billion years old? Voglio dire, the whole universe started from one singular point; how could this galaxy be where it was 13 billion years ago unless it had at least 13 billion years to get there? (Ignoring the inflationary phase for the moment…) I have heard people explain that the space itself is expanding. What the heck does that mean? Isn’t it just a fancier way of saying that the speed of light was smaller some time ago?
swansont 03-27-2007 09:10 AM

Quote:

Originally Posted by Mowgli
(Post 329204)
Voglio dire, the whole universe started from one singular point; how could this galaxy be where it was 13 billion years ago unless it had at least 13 billion years to get there? (Ignoring the inflationary phase for the moment…)

Ignoring all the rest, how would this mean the universe is 26 billion years old?

Quote:

Originally Posted by Mowgli
(Post 329204)
I have heard people explain that the space itself is expanding. What the heck does that mean? Isn’t it just a fancier way of saying that the speed of light was smaller some time ago?

The speed of light is an inherent part of atomic structure, in the fine structure constant (alpha). If c was changing, then the patterns of atomic spectra would have to change. There hasn’t been any confirmed data that shows that alpha has changed (there has been the occasional paper claiming it, but you need someone to repeat the measurements), and the rest is all consistent with no change.

Martin 03-27-2007 11:25 AM

To confirm or reinforce what swansont said, there are speculation and some fringe or nonstandard cosmologies that involve c changing over time (or alpha changing over time), but the changing constants thing just gets more and more ruled out.I’ve been watching for over 5 years and the more people look and study evidence the LESS likely it seems that there is any change. They rule it out more and more accurately with their data.So it is probably best to ignore the “varying speed of light” cosmologies until one is thoroughly familiar with standard mainstream cosmology.You have misconceptions Mowgli

  • General Relativity (il 1915 teoria) trumps Special Rel (1905)
  • They don’t actually contradict if you understand them correctly, because SR has only a very limited local applicability, like to the spaceship passing by:-)
  • Wherever GR and SR SEEM to contradict, believe GR. It is the more comprehensive theory.
  • GR does not have a speed limit on the rate that very great distances can increase. the only speed limit is on LOCAL stuff (you can’t catch up with and pass a photon)
  • So we can and DO observe stuff that is receding from us faster than c. (It’s far away, SR does not apply.)
  • This was explained in a Sci Am article I think last year
  • Google the author’s name Charles Lineweaver and Tamara Davis.
  • We know about plenty of stuff that is presently more than 14 billion LY away.
  • You need to learn some cosmology so you wont be confused by these things.
  • Also a “singularity” does not mean a single point. that is a popular mistake because the words SOUND the same.
  • A singularity can occur over an entire region, even an infinite region.

Also the “big bang” model doesn’t look like an explosion of matter whizzing away from some point. It shouldn’t be imagined like that. The best article explaining common mistakes people have is this Lineweaver and Davis thing in Sci Am. I think it was Jan or Feb 2005 but I could be a year off. Google it. Get it from your local library or find it online. Best advice I can give.

Mowgli 03-28-2007 01:30 AM

To swansont on why I thought 13 b LY implied an age of 26 b years:When you say that there is a galaxy at 13 b LY away, I understand it to mean that 13 billion years ago my time, the galaxy was at the point where I see it now (che è 13 b LY away from me). Knowing that everything started from the same point, it must have taken the galaxy at least 13 b years to get where it was 13 b years ago. Così 13+13. I’m sure I must be wrong.To Martin: Hai ragione, I need to learn quite a bit more about cosmology. But a couple of things you mentioned surprise me — how do we observe stuff that is receding from as FTL? Voglio dire, wouldn’t the relativistic Doppler shift formula give imaginary 1 z? And the stuff beyond 14 b LY away – are they “outside” l'universo?I will certainly look up and read the authors you mentioned. Grazie.
swansont 03-28-2007 03:13 AM

Quote:

Originally Posted by Mowgli
(Post 329393)
To swansont on why I thought 13 b LY implied an age of 26 b years:When you say that there is a galaxy at 13 b LY away, I understand it to mean that 13 billion years ago my time, the galaxy was at the point where I see it now (che è 13 b LY away from me). Knowing that everything started from the same point, it must have taken the galaxy at least 13 b years to get where it was 13 b years ago. Così 13+13. I’m sure I must be wrong.

That would depend on how you do your calibration. Looking only at a Doppler shift and ignoring all the other factors, if you know that speed correlates with distance, you get a certain redshift and you would probably calibrate that to mean 13b LY if that was the actual distance. That light would be 13b years old.

But as Martin has pointed out, space is expanding; the cosmological redshift is different from the Doppler shift. Because the intervening space has expanded, AFAIK the light that gets to us from a galaxy 13b LY away is not as old, because it was closer when the light was emitted. I would think that all of this is taken into account in the measurements, so that when a distance is given to the galaxy, it’s the actual distance.

Martin 03-28-2007 08:54 AM

Quote:

Originally Posted by Mowgli
(Post 329393)
I will certainly look up and read the authors you mentioned.

This post has 5 o 6 links to that Sci Am article by Lineweaver and Davis

http://scienceforums.net/forum/showt…965#post142965

It is post #65 on the Astronomy links sticky thread

It turns out the article was in the March 2005 issue.

I think it’s comparatively easy to read—well written. So it should help.

When you’ve read the Sci Am article, ask more questions—your questions might be fun to try and answer:-)

Twin Paradox – Prendere 2

The Twin Paradox is usually explained away by arguing that the traveling twin feels the motion because of his acceleration/deceleration, and therefore ages slower.

But what will happen if the twins both accelerate symmetrically? Questo è, they start from rest from one space point with synchronized clocks, and get back to the same space point at rest by accelerating away from each other for some time and decelerating on the way back. By the symmetry of the problem, it seems that when the two clocks are together at the end of the journey, at the same point, and at rest with respect to each other, they have to agree.

Poi di nuovo, during the whole journey, each clock is in motion (accelerated or not) with respect to the other one. in SR, every clock that is in motion with respect to an observer’s clock is supposed run slower. O, the observer’s clock is always the fastest. Così, for each twin, the other clock must be running slower. Tuttavia, when they come back together at the end of the journey, they have to agree. This can happen only if each twin sees the other’s clock running faster at some point during the journey. What does SR say will happen in this imaginary journey?

(Note that the acceleration of each twin can be made constant. Have the twins cross each other at a high speed at a constant linear deceleration. They will cross again each other at the same speed after sometime. During the crossings, their clocks can be compared.)

Tempo di Unreal

Farsight ha scritto:Il tempo è una misura soggettiva dipendente dalla velocità di evento successione piuttosto che qualcosa di fondamentale – gli eventi segnano il tempo, il tempo non segna gli eventi. Ciò significa che la roba fuori c'è spazio piuttosto che lo spazio-tempo, ed è un “etere” velata da tempo soggettivo.

Mi piace la tua definizione di tempo. E 'vicino al mio punto di vista che il tempo è “irreale.” È possibile trattare spazio reale e lo spazio-tempo come qualcosa di diverso, come si fa. Ciò richiede una riflessione attenta. Io descriverò il mio pensiero in questo post e illustrare con un esempio, se i miei amici non mi tirare fuori per il pranzo prima che io possa finire. :)

La prima domanda che dobbiamo porci è il motivo per cui lo spazio e il tempo sembrano accoppiati? La risposta è troppo semplice da individuare, ed è nella definizione di tempo. Spazio e tempo mix attraverso il nostro concetto di velocità e capacità del nostro cervello di percepire il movimento. C'è un collegamento ancora più profondo, che è che lo spazio è una rappresentazione cognitiva degli input fotoni ai nostri occhi, ma ci arriveremo in un secondo momento.

Supponiamo per un attimo che abbiamo avuto un sesto senso che funziona ad una velocità infinita. Questo è, se stella esplode in un milione di anni luce da noi, siamo in grado di percepire immediatamente. Noi vedere solo dopo un milione di anni, ma sentiamo all'istante. Lo so, si tratta di una violazione di SR, non può accadere e tutto ciò, ma stare con me per un secondo. Ora, un po 'di riflessione vi convincerà che lo spazio che abbiamo senso di utilizzare questo ipotetico sesto senso è newtoniano. Qui, spazio e il tempo può essere completamente disaccoppiato, tempo assoluto può essere definita etc. Partendo da questo spazio, possiamo effettivamente capire come vedremo utilizzando la luce e gli occhi, sapendo che la velocità della luce è quello che è. Esso risulterà, chiaramente, che abbiamo visto eventi con un ritardo. Questo è un primo ordine (o statico) effetto. Il secondo effetto ordine è il nostro modo di percepire gli oggetti in movimento. Si scopre che vedremo una dilatazione di tempo e di una contrazione delle lunghezze (per gli oggetti sfuggente da noi.)

Permettetemi di illustrare un po 'oltre con ecolocalizzazione. Supponiamo che tu sei un pipistrello cieco. Sentite il vostro spazio con impulsi fishfinder. Riesci a percepire un oggetto supersonico? Se si sta venendo verso di voi, dal momento in cui il ping riflessa si raggiunge, è andato oltre voi. Se si sta andando via da voi, i vostri ping non possono mai raggiungere. In altre parole, più veloce del viaggio del suono è “proibito.” Se si effettua un altro presupposto – la velocità dei ping è lo stesso per tutti i blocchi indipendentemente dal loro stato di moto – si deriva una relatività speciale per i pipistrelli in cui la velocità del suono è la proprietà fondamentale dello spazio e del tempo!

Dobbiamo scavare un po 'più profondo e apprezziamo che lo spazio non è più reale del tempo. Lo spazio è un costrutto cognitivo creato dalle nostre input sensoriali. Se la modalità senso (luce per noi, suono per i pipistrelli) ha una velocità finita, che la velocità volontà diventare una proprietà fondamentale dello spazio risultante. E spazio e tempo verranno accoppiati tramite la velocità della modalità senso.

Questo, naturalmente, è solo la mia umile interpretazione di SR. Ho voluto pubblicare questo su un nuovo thread, ma ho la sensazione che le persone sono un po 'troppo attaccata alle proprie opinioni in questo forum per essere in grado di ascoltare.

Leo ha scritto:Minkowski spazio-tempo è una interpretazione delle trasformazioni di Lorentz, ma altre interpretazioni, le versioni originali di Lorentz-Poincarà © Relatività o modernizzati di esso con un modello ondulatorio della materia (LaFreniere o di altri Chiudere o più), lavorare in uno spazio 3D perfettamente euclideo.

Così finiamo con le procedure rallentamento e la materia contrazione, ma NO dilatazione tempo o spazio di contrazione. Le trasformazioni sono uguali però. Allora perché un cavo interpretazione tensore metrico, mentre gli altri non lo fanno? Oppure fare tutti? Mi manca il background teorico di rispondere alla domanda.

Ciao Leo,

Se si definisce LT come velocità di deformazione in funzione di un oggetto in movimento, allora si può fare una funzione del tempo della trasformazione. Non ci sarà alcuna deformazione e complicazioni di tensori metrici e roba. In realtà quello che ho fatto nel mio libro è qualcosa del genere (anche se non del tutto), come sapete.

Il problema sorge quando la matrice di trasformazione è una funzione del vettore sta trasformando. Così, se si definisce LT come un'operazione di matrice in un 4-D spazio-tempo, non è più possibile fare una funzione del tempo attraverso l'accelerazione più di quanto si può fare in funzione della posizione (come in un campo di velocità, per esempio.) Lo spazio-tempo di deformazione è una necessità matematica. A causa di esso, si perde coordinate, e gli strumenti che impariamo nei nostri anni universitari non sono più abbastanza potente per gestire il problema sono.

Di Rotazione, LT and Acceleration

Nel “Implicazioni filosofiche” foro, ci fu un tentativo di incorporare l'accelerazione in trasformazione di Lorentz con qualche calcolo intelligente o tecniche numeriche. Tale tentativo non funziona a causa di un motivo geometrico piuttosto interessante. Ho pensato di postare l'interpretazione geometrica della trasformazione di Lorentz (o il modo di andare da SR a GR) qui.

Vorrei iniziare con un paio di rinunce. Prima di, ciò che segue è la mia comprensione di LT / RS / GR. I post qui con la convinzione onesta che è giusto. Anche se ho abbastanza credenziali accademiche per convincere me stesso della mia infallibilità, chi lo sa? Le persone molto più intelligenti di me, vengo smentito ogni giorno. E, se avessimo la nostra strada, vorremmo dimostrare anche lo stesso Einstein sbagliato proprio qui in questo forum, no siamo? :D In secondo luogo, ciò che scrivo potrebbe essere troppo elementare per alcuni dei lettori, forse anche insultingly così. Io li chiedo a sopportare con esso, considerando che alcuni altri lettori possono trovare illuminante. In terzo luogo, questo post non è un commento sul giusto o sbagliato delle teorie; è semplicemente una descrizione di ciò che dicono le teorie. Ovvero, la mia versione di quello che dicono. Con quelle rinunce fuori del modo, cominciamo…

LT è una rotazione in 4-D spazio-tempo. Poiché non facile visualizzare 4-D rotazione spazio-tempo, cominciamo con un 2-D, rotazione spazio puro. Una proprietà fondamentale di una geometria (come 2-D spazio euclideo) è il tensore metrico. Il tensore metrico definisce il prodotto scalare di due vettori nello spazio. Nel normale (Euclidea o appartamento) spazi, definisce anche la distanza tra due punti (o la lunghezza di un vettore).

Anche se il tensore metrico ha le temuto “tensore” parola nel suo nome, una volta che si definisce un sistema di coordinate, è solo una matrice. Per spazio euclideo 2-D con xey coordinate, è la matrice identità (due di 1 lungo la diagonale). Chiamiamolo G. Il prodotto interno tra vettori A e B è AB = Trans(La) G B, che funziona a essere a_1b_1+a_2b_2. Distanza (o lunghezza di A) può essere definita come \sqrt{A.A}.

Finora nel post, il tensore metrico sembra abbastanza inutile, solo perché è la matrice identità di spazio euclideo. SR (o LT), d'altronde, utilizza lo spazio di Minkowski, che ha una metrica che può essere scritto con [-1, 1, 1, 1] lungo la diagonale con tutti gli altri elementi nullo – supponendo tempo t è il primo componente del sistema di coordinate. Consideriamo uno spazio 2-D Minkowski per semplicità, con il tempo (t) e distanza (x) assi. (Questo è un po 'di eccessiva semplificazione, perché questo spazio non può gestire movimento circolare, che è popolare in alcuni thread.) Nelle unità che fare c = 1, si può facilmente vedere che la distanza invariante utilizzo di questo tensore metrico è \sqrt{x^2 - t^2}.

Continued…

L'Unreal Universe — Discussione con Gibran

Nuovo Hi,Rilanci un sacco di domande interessanti. Vorrei cercare di rispondere a uno per uno.

Stai dicendo che le nostre osservazioni di un oggetto che si allontanano da noi sarebbero identiche sia un contesto SR o Galileo, e quindi questo non è un buon test per SR.

Quello che sto dicendo è leggermente diversa. La trasformazione di coordinate in SR è derivati considerando solo sfuggente oggetti e rilevamento utilizzando radar-like di andata e ritorno tempo di viaggio della luce. È allora assunto che le leggi di trasformazione così derivato si applicano a tutti gli oggetti. Perché viene utilizzato il viaggio di andata e ritorno della luce, la trasformazione funziona per gli oggetti che si avvicinano pure, ma non per le cose in movimento in altre direzioni. Ma SR presuppone che la trasformazione è una proprietà dello spazio e del tempo e afferma che si applica a tutti in movimento (inerziale) strutture di riferimento a prescindere dalla direzione.

Dobbiamo andare un po 'più profondo e chiederci cosa che significa dichiarazione, che cosa significa parlare delle proprietà dello spazio. Non possiamo pensare di uno spazio indipendente dalla nostra percezione. I fisici sono in genere non contento di questo punto di partenza della mia. Pensano di spazio come qualcosa che esiste indipendentemente dalla nostra rilevamento esso. E insistono che SR applica a questo spazio che esiste indipendentemente. Mi permetto di dissentire. Considero spazio come un costrutto cognitivo basato sui nostri input percettivi. C'è una realtà sottostante che è la causa della nostra percezione dello spazio. Può essere niente come spazio, ma supponiamo, per amor di discussione, che la realtà di fondo è come lo spazio-tempo galileiano. Come sarebbe percepirlo, dato che noi percepiamo attraverso la luce (viaggio di sola andata della luce, Non bidirezionale come SR assume)? Si scopre che il nostro spazio percettivo avrebbe dilatazione dei tempi e contrazione delle lunghezze e tutti gli altri effetti previsti dalla SR. Così la mia tesi è che la realtà sottostante obbedisce spazio-tempo galileiano e il nostro spazio percettivo obbedisce qualcosa come SR. (E 'possibile che se presumo che la nostra percezione utilizza viaggio luce a due vie, Posso ottenere trasformazione SR-like. Io non l'ho fatto perché mi sembra ovvio che noi percepiamo una stella, per esempio, rilevando la luce da esso anziché lampeggiare una luce a questo.)

Questa tesi non si sposa bene con i fisici, e in effetti la maggior parte delle persone. Scambiano “effetti percettivi” ad essere qualcosa come illusioni ottiche. Il mio punto è più come lo spazio stesso è un'illusione. Se si guarda il cielo notturno, si sa che le stelle si vedono non sono “reale” nel senso che non ci sono quando si sta cercando di loro. Questo è semplicemente perché il vettore informazioni, vale a dire luce, ha una velocità finita. Se la stella sotto osservazione è in movimento, nostra percezione del suo moto è distorta per lo stesso motivo. SR è un tentativo di formalizzare la nostra percezione del movimento. Poiché il movimento e velocità sono concetti che spazio e tempo mix, SR deve operare su “continuum spazio-temporale.” Poiché SR è basato sugli effetti percettivi, richiede un osservatore e descrive il movimento come lui la percepisce.

Ma stai dicendo che in realtà non un singolo esperimento è stato fatto con oggetti in movimento in qualsiasi altra direzione che più lontano? E per quanto riguarda gli esperimenti sugli dilatazione del tempo in cui gli astronauti vanno nello spazio e ritornano con orologi che mostra il tempo trascorso meno di quelli che hanno soggiornato a terra? Questo non supporta le idee inerenti SR?

Gli esperimenti sono sempre interpretati alla luce di una teoria. È sempre un'interpretazione modello basato. So che questo non è un argomento convincente per voi, quindi permettetemi di darvi un esempio. Gli scienziati hanno osservato il movimento superluminale in alcuni oggetti celesti. Essi misurano la velocità angolare del corpo celeste, e hanno qualche stima della sua distanza da noi, in modo da poter stimare la velocità. Se non avessimo SR, non ci sarebbe nulla di strano questa osservazione di superluminality. Poiché noi abbiamo SR, si deve trovare una “spiegazione” per questo. La spiegazione è questa: quando un oggetto si avvicina a noi in un angolo basso, può apparire a venire in un po 'più veloce della velocità reale. Così la “reale” velocità è subluminal mentre il “apparente”Velocità  può essere superluminale. Questa interpretazione dell'osservazione, secondo me, rompe la terra filosofica di SR che è una descrizione del moto come appare all'osservatore.

Ora, ci sono altre osservazioni di cui quasi ejecta simmetrica sono visti su opposte getti in oggetti celesti simmetriche. Le velocità angolari possono indicare superluminality in entrambi i getti se la distanza dell'oggetto è sufficientemente grande. Dal momento che i getti sono assunti come back-to-back, se uno jet ci si avvicina (dando così noi l'illusione di superluminality), l'altro jet ha puntato sfuggente e non può mai apparire superluminale, meno, naturalmente, il movimento di fondo è superluminale. L'interpretazione di questa osservazione è che la distanza dell'oggetto è limitata dal “fatto” che la vera movimento non può essere superluminale. Questo è ciò che intendo per esperimenti di essere aperta alla teoria o modello basato interpretazioni.

In caso di movimento orologi essendo lento, non è mai un esperimento SR puro perché non riesci a trovare lo spazio senza gravità. Oltre a, un orologio deve essere accelerata o rallentata e si applica GR. Altrimenti, il paradosso dei gemelli secolare si applicherebbe.

So che ci sono stati alcuni esperimenti fatti per sostenere le teorie di Einstein, come la curvatura della luce dovuta alla gravità, ma stai dicendo che tutti possono essere costantemente re-interpretato secondo la tua teoria? Se è così, ita diga € ™ s sorprendente! Voglio dire, senza offesa per voi – youâ € ™ re, ovviamente, un individuo molto luminoso, e si sa molto di più su questa roba di me, ma IA € ™ d deve chiedere come qualcosa di simile scivolato fino fisici’ dita per 100 anni.

Queste sono domande gravità correlati e rientrano GR. Il mio “teoria” doesnâ € ™ t cercano di reinterpretare GR o gravità del tutto. Ho messo la teoria tra virgolette perchè invertiti, a me, si tratta di un'osservazione piuttosto ovvio che ci sia una distinzione tra ciò che vediamo e le cause alla base della nostra percezione. L'algebra in questione è abbastanza semplice per gli standard di fisica.

Supponendo youâ € ™ re proprio in quello spazio e il tempo sono in realtà galileiano, e che gli effetti di SR sono artefatti della nostra percezione. Come poi sono i risultati degli esperimenti di Michelson-Morley ha spiegato? Mi dispiace se ha spiegato nel suo libro, ma deve essere volato proprio sopra la mia testa. O partiamo questo come un mistero, un'anomalia per i teorici futuri per capire?

Non ho del tutto spiegato MMX, più o meno lasciandolo come un mistero. Credo che la spiegazione dipende da come la luce viene riflessa da uno specchio mobile, che ho sottolineato nel libro. Supponiamo specchio si allontana dalla sorgente di luce ad una velocità di v nel nostro sistema di riferimento. Luce colpisce ad una velocità di c-v. Qual è la velocità della luce riflessa? Se le leggi della riflessione dovrebbero tenere (non è immediatamente evidente che dovrebbero), quindi la luce riflessa deve avere una velocità di cv pure. Questo potrebbe spiegare perché MMX dà risultato nullo. Non ho risolto il tutto però. Io, una volta ho lasciato il mio lavoro di giorno e dedicare la mia vita a tempo pieno il pensiero. :-)

La mia idea non è una teoria di sostituzione per tutti delle teorie di Einstein. E 'semplicemente una rilettura di una parte di SR. Dal momento che il resto della dell'edificio di Einstein è costruito su questa parte trasformazione di coordinate, Sono sicuro che ci sarà qualche reinterpretazione del resto della SR e GR anche in base alla mia idea. Di nuovo, questo è un progetto per dopo. La mia reinterpretazione non è un tentativo di dimostrare le teorie di Einstein sbagliato; Voglio solo sottolineare che si applicano a realtà come noi la percepiamo.

Generale, ne valeva la $5 Ho pagato. Grazie per la buona lettura. Non prendere le mie domande, come un attacco alla tua proposta – Sono sinceramente all'oscuro di queste cose e io assolutamente implora luce (he he). Se poteste gentilmente rispondere nel tempo libero, Mi piacerebbe condividere più idee con voi. E 'bello trovare un compagno pensatore a rimbalzare idee cool come questo fuori di. Ti PM di nuovo una volta che ho completamente finito il libro. Di nuovo, è stata una lettura molto soddisfacente.

Grazie! Sono contento che si piacciono le mie idee e la mia scrittura. Non mi dispiace affatto le critiche. Spero di aver risposto alla maggior parte delle vostre domande. Se non, o se si vuole essere in disaccordo con le mie risposte, sentitevi liberi di scrivere di nuovo. Sempre un piacere chiacchierare di queste cose, anche se non siamo d'accordo con l'altro.

– I migliori saluti,
– Manoj

Anti-relatività e Superluminality

Leo ha scritto:Ho alcuni problemi con la parte introduttiva però, quando si confrontano gli effetti di luce e di viaggio trasformazioni relativistiche. Lei afferma correttamente che tutte le illusioni percettive sono stati spazzati via nella concezione della Relatività Speciale, ma si dice anche che queste illusioni percettive sono rimasti come base subconscio per il modello cognitivo della Relatività Speciale. Capisco quello che vuoi dire o ho capito male?

Gli effetti percettivi sono noti in fisica; essi sono chiamati effetti di luce Durata del viaggio (LTT, per cucinare un acronimo). Questi effetti sono considerati una illusione ottica sul movimento dell'oggetto sotto osservazione. Una volta che si prende gli effetti LTT, si ottiene il “reale” movimento dell'oggetto . Questo vero e proprio movimento dovrebbe obbedire SR. Questo è l'attuale interpretazione della SR.

La mia tesi è che gli effetti LTT sono così simili a SR che dovremmo pensare di SR come un semplice formalizzazione di LTT. (Infatti, una formalizzazione leggermente errata.) Molte ragioni per questo argomento:
1. Non possiamo disentagle l' “illusione ottica” perché molte configurazioni sottostanti danno luogo alla stessa percezione. In altre parole, andando da ciò che vediamo di che cosa sta causando la nostra percezione è uno a molti problemi.
2. SR trasformazione di coordinate si basa in parte sugli effetti LTT.
3. Effetti LTT sono più forti effetti relativistici.

Probabilmente per questi motivi, cosa SR fa è dire che ciò che vediamo è quello che è davvero come. E poi cerca di descrivere matematicamente ciò che vediamo. (Questo è quello che volevo dire da un formaliztion. ) Dopo, quando abbiamo capito che gli effetti LTT non corrispondono pienamente con SR (come nell'osservazione di “apparente” moto superluminale), abbiamo pensato che dovevamo “portare fuori” gli effetti LTT e poi dire che il moto di fondo (o di spazio e di tempo) SR obbedito. Quello che sto suggerendo nel mio libro e articoli è che dovremmo indovinate lo spazio e il tempo sono come sottostante e capire cosa la nostra percezione di esso sarà (perché andando l'altro modo è un problema mal posto uno-a-molti). La mia prima risposta, naturalmente, era spazio-tempo galileiano. Questo indovinare i risultati in modo piuttosto pulito e semplici spiegazioni degli dei GRB e DRAGNs come bracci luminali e le loro conseguenze.

Discussione sul Daily Mail (Regno Unito)

On the Daily Mail forum, one participant (detto “whats-in-a-name”) started talking about L'Unreal Universe on July 15, 2006. It was attacked fairly viciously on the forum. I happened to see it during a Web search and decided to step in and defend it.

15 Luglio, 2006

Posted by: whats-in-a-name on 15/07/06 a 09:28 AM

Ah, Kek, you’ve given me a further reason to be distracted from what I should be doing- and I can tell you that this is more interesting at the moment.I’ve been trying to formulate some ideas and there’s one coming- but I’ll have to give it to you in bits.I don’t want to delve into pseudoscience or take the woo-ish road that says that you can explain everything with quantum theory, but try starting here: http://theunrealuniverse.com/phys.shtml

Il “Journal Articlelink at the bottom touches on some of the points that we discussed elsewhere. It goes slightly off-topic, but you might also find the “Filosofia” link at the top left interesting.

Posted by: patopreto on 15/07/06 a 06:17 PM

Regarding that web site wian.One does not need to ead past this sentence

Le teorie della fisica sono la descrizione della realtà. La realtà è creato delle letture dai nostri sensi. Knowing that our senses all work using light as an intermediary, is it a surprise that the speed of light is of fundamental importance in our reality?

to realise that tis web site is complete ignorant hokum. I stopped at that point.

16 Luglio, 2006

Posted by: whats-in-a-name on 16/07/06 a 09:04 AM

I’ve just been back to read that bit more carefully. I don’t know why the writer phrased it like that but surely what he meant was:(io) “Our perception of what is real is created out of the readings from our senses. I think that most physicists wouldn’t argue with that would they? At the quantum level reality as we understand it doesn’t exist; you can only say that particles have more of a tendency to exist in one place or state than another.(ii) The information that we pick up from optical or radio telescopes, gamma-ray detectors and the like, shows the state of distant objects as they were in the past, owing to the transit time of the radiation. Delving deeper into space therefore enables us to look further back into the history of the universe.It’s an unusual way to express the point, I agree, but it doesn’t devalue the other information on there. In particular there are links to other papers that go into rather more detail, but I wanted to start with something that offered a more general view.

I get the impression that your study of physics is rather more advanced than mine- as I’ve said previously I’m only an amateur, though I’ve probably taken my interest a bit further than most. I’m happy to be corrected if any of my reasoning is flawed, though what I’ve said so far s quite basic stuff.

The ideas that I’m trying to express in response to Keka’s challenge are my own and again, I’m quite prepared to have you or anyone else knock them down. I’m still formulating my thoughts and I wanted to start by considering the model that physicists use of the nature of matter, going down to the grainy structure of spacetime at the Plank distance and quantum uncertainty.

I’ll have to come back to this in a day or two, but meanwhile if you or anyone else wants to offer an opposing view, please do.

Posted by: patopreto on 16/07/06 a 10:52 AM

I don’t know why the writer phrased it like that but surely what he meant was:

I think the write is quit clear! WIANyou have re-written what he says to mean something different.

The writer is quite clear – “Once we accept that space and time are a part of the cognitive model created by the brain, and that special relativity applies to the cognitive model, we can ponder over the physical causes behind the model, the absolute reality itself.

Blah Blah Blah!

The writer, Mani Thulasidas, is an employee of OCBC bank in Singapore and self-described “amateur philosopher”. What is he writes appears to be nothing more than a religiously influenced solipsistic philosophy. Solipsism is interesting as a philosophical standpoint but quickly falls apart. If Manoj can start his arguments from such shaky grounds without explanation, then I really have no other course to take than to accept his descriptions of himself asamateur”.

Maybe back to MEQUACK!