Archivi categoria: Vita Corporate

Pensieri Dilbert-like

Ultimi Giorni Robin Hood

l'altro giorno, Stavo guardando Bill Gates Il Daily Show con Jon Stewart — il mio programma televisivo preferito. Gates ha toccato i suoi piani a spendere miliardi di dollari i propri sui vaccini, istruzione e altri progetti umanitari attraverso il suo fondazione. Chiaramente appassionata dei suoi sforzi filantropici, Gates ha mostrato un lato più mite che non era visibile dieci anni fa durante le battaglie sociali del tipo Microsoft.

Forse Gates è un ragazzo naturalmente appassionato, se sta scrivendo sistemi operativi molto piccoli che si adattano in floppy o quelli colosso che si adatterebbe da nessuna parte, sia in innovazione e marketing tecnico stregoneria, se avidamente ammassare miliardi o, come ora, spenderli gentilmente. Ma attribuendo la sua filantropia alla sua naturale passione per tutto quello che fa è ingiusto, e diminuisce il suo valore. Dopotutto, avrebbe potuto essere spesa (o almeno, cercando di spendere) i suoi soldi su se stesso proprio come passione. Ecco perché penso a lui come un moderno Robin Hood, nonostante la mia avversione per qualcosa di geniale Microsoft relative, che è forse solo un patto disadattato ora, piuttosto che un'ideologia pratico.

Idea romantica di Robin Hood di rubare ai ricchi per dare ai poveri ha avuto un difetto critico. Era un fuorilegge. Il problema con l'essere un fuorilegge è che tutta la potenza del sistema giuridico può essere esercitata su di voi tutto indipendentemente della morale della vostra attività. Nel caso di Cancello, sarebbe come appropriazione indebita di miliardi dalle casse di Microsoft e distribuirlo ai senzatetto, per esempio. Cosa ha fatto, invece, è stato quello di fare soldi nel mercato azionario (che, naturalmente, è appropriazione indebita di un tipo legale) e poi dare ai poveri. In altre parole, è rimasto all'interno del sistema e ha trovato un modo per girare intorno al suo scopo umanitario. Se questo è quello che voleva tutti insieme, complimenti a lui!

Ma che cosa è questo “sistema” che dobbiamo lavorare dal di dentro? Questo è un argomento per un altro giorno coinvolto. Rimanete sintonizzati!

Crisi di mezza età

In uno dei miei ultimi post, un amico astuta mio rilevata una sfumatura di crisi di mezza età. He was right, naturalmente. Ad un certo punto, tipicamente intorno mezza età, molti di noi trovano noioso. L'intera cosa. Come potrebbe non essere noioso? Ripetiamo le stesse cose mondane più e più volte a tutti i livelli. Vero, a volte riusciamo a convincerci che le cose mondane non sono banali, ma importante, e sovrapporre uno scopo più alto sopra la nostra esistenza. La fede aiuta. Così fanno bondages umani. Ma, non importa come lo guardiamo, siamo tutti spingendo le nostre rocce personali a una montagna, solo per vederlo rotolare giù alla fine della giornata — sapendo che immancabilmente sarà. I nostri singoli Sisyphuses, maledetto con la futilità e l'assurdità di tutto questo. E, come se per completare l'opera, la nostra conoscenza di esso!

Perché Camus dire che siamo andati attraverso la vita Sisifo? Ah, sì, perché abbiamo ottenuto l'abitudine di vita prima di acquisire la facoltà di pensare. Con mezza età, forse, il nostro pensiero raggiunge con i nostri impulsi esistenziali innate, e si manifesta come una crisi. La maggior parte di noi sopravvivere, e come ha sottolineato lo stesso Camus, Sisifo è stato probabilmente un uomo felice, pur avendo a spingere in eterno la roccia su per il pendio. Quindi cerchiamo di esercitare il nostro pensiero facoltà ammesso che non è troppo pericoloso.

Molti di noi hanno una vita quotidiana che è qualche variazione della descrizione concisa francesi — metro, lavoro, dodo. Abbiamo andare al lavoro, fare qualche soldo per noi stessi (e di più per qualcun altro), mangiare lo stesso pranzo, sedersi attraverso gli stessi incontri, fretta di tornare a casa, guardare la TV e colpire il sacco. Gettare in una sessione di palestra e un viaggio all'estero una volta ogni tanto, e che su di esso. Questo è il noioso non solo perché è davvero, ma anche perché questo è quello che fanno tutti!

Immagina che — milioni e milioni di noi, nato da qualche parte a un certo punto nel tempo, lavorando duramente per acquisire po 'di soldi, o conoscenza, o la fama, o la gloria, o l'amore — una qualsiasi delle migliaia di variazioni di roccia di Sisifo — solo per vedere tutto asciuga fino al nulla un altro punto nel tempo. Se questo non è assurdo, ciò che è?

Se dovessi lasciare questo posto, a questo punto, Vedo i miei lettori alla ricerca del “Cancellati” Pulsante in massa. Per fare qualcosa di utile con questa idea deprimente di futile-rock spingendo rat-race, abbiamo bisogno di vedere al di là di esso. Oppure avere fede, se possiamo — che vi è uno scopo, e una giustificazione per tutto, e che noi non siamo fatti per sapere questo scopo sfuggente.

Dal momento che stai leggendo questo blog, probabilmente non si è abbonati alla scuola di fede. Diamo quindi cercare la risposta altrove. Con il vostro permesso vorrei iniziare con qualcosa di giapponese. Admittedly, la mia esposizione alla cultura giapponese proviene da film Samurai e un paio di brevi viaggi in Giappone, ma la mancanza di esperienza non mi ha mai impedito di esprimere il mio punto di vista su un argomento. Perché pensi che i giapponesi prendono tanta cura elaborati e l'orgoglio di qualcosa di tanto sciocco quanto tè versare?

Bene, Penso che stanno dicendo qualcosa di molto più profondo. Non è che il tè versando è importante. Il punto è nulla è importante. Tutto è solo un'altra manifestazione della roccia Sisifo. Quando niente è importante, nulla è irrilevante o. Ora, questo è qualcosa di profondo. Tè di versamento non è meno (o più) importante che scrivere libri sulla finanza quantitativa, o l'ascolto di quel vecchio tentare la canzone Susannah sulla bocca-organo su Market Street. Quando si sa che tutte le rocce verranno crollare non appena si raggiunge l'apice della vostra esistenza, non importa che cosa roccia portate con voi verso l'alto. Finché si portano bene. E felicemente.

Così provo a scrivere questo post del blog, così come mi è possibile.

Modellare i modelli,,en,La finanza matematica è costruita su un paio di presupposti,,en,Il più fondamentale di questi è quello sull'efficienza del mercato,,en,Dichiara che i prezzi di mercato di ogni bene sono equi,,en,e i prezzi contengono tutte le informazioni disponibili sul mercato,,en,non è possibile raccogliere ulteriori informazioni effettuando ricerche o analisi tecniche,,en,o effettivamente qualsiasi modellazione,,en,Se questa ipotesi non si risolve,,en,allora l'edificio dei quanti costruito su di esso si sgretolerà,,en,Alcuni potrebbero addirittura dire che si è sgretolato,,en,Sappiamo che questa ipotesi non è del tutto giusta,,en,Se fosse,,en,non ci sarebbero opportunità di arbitraggio transitorio,,en,Ma anche a un livello più fondamentale,,en,l'ipotesi ha una giustificazione incerta,,en

Mathematical finance is built on a couple of assumptions. The most fundamental of them is the one on market efficiency. It states that the market prices every asset fairly, and the prices contain all the information available in the market. In altre parole, you cannot glean any more information by doing any research or technical analysis, or indeed any modeling. If this assumption doesn’t pan out, then the quant edifice we build on top of it will crumble. Some may even say that it did crumble in 2008.

We know that this assumption is not quite right. If it was, there wouldn’t be any transient arbitrage opportunities. But even at a more fundamental level, the assumption has shaky justification. La ragione per cui il mercato è efficiente è che i professionisti traggono vantaggio da ogni piccola opportunità di arbitraggio,,en,i mercati sono efficienti perché non sono così efficienti a un livello transitorio,,en,Mark Joshi,,en,nel suo libro rispettato,,en,I concetti e la pratica della finanza matematica,,en,sottolinea che Warren Buffet ha fatto un pacco di soldi rifiutandosi di accettare l'ipotesi dell'efficienza del mercato,,en,la debole forma dell'efficienza del mercato avviene perché ci sono migliaia di aspiranti a buffet che tengono gli occhi incollati ai nastri del ticker,,en,aspettando che emergano errori di valutazione sfuggenti,,en,Dato che le carriere quantistiche,,en,e letteralmente trilioni di dollari,,en,sono costruiti sulla base di questa assunzione,,en,dobbiamo fare questa domanda fondamentale,,en,È saggio fidarsi di questa ipotesi,,en,Ci sono dei limiti,,en. In altre parole, the markets are efficient because they are not so efficient at some transient level.

Mark Joshi, in his well-respected book, “The Concepts and Practice of Mathematical Finance,” points out that Warren Buffet made a bundle of money by refusing to accept the assumption of market efficiency. Infatti, the weak form of market efficiency comes about because there are thousands of Buffet wannabes who keep their eyes glued to the ticker tapes, waiting for that elusive mispricing to show up.

Given that the quant careers, and literally trillions of dollars, are built on the strength of this assumption, we have to ask this fundamental question. Is it wise to trust this assumption? Are there limits to it?

Prendiamo un'analogia dalla fisica,,en,Ho questo bicchiere d'acqua sulla mia scrivania ora,,en,Acqua naturale,,en,in assenza di turbolenze,,en,ha una superficie piatta,,en,Sappiamo tutti perché,,en,gravità e tensione superficiale e tutto il resto,,en,Ma sappiamo anche che le molecole nell'acqua sono in movimento casuale,,en,in conformità con lo stesso processo Browniano che abbiamo prontamente adottato nel nostro mondo quant,,en,Una possibile configurazione casuale è che metà delle molecole si muove,,en,a sinistra,,en,e l'altra metà a destra,,en,in modo che la quantità di moto netta sia zero,,en,Se ciò accade,,en,il vetro sulla mia scrivania si romperà e farà un casino terribile,,en,Ma non abbiamo sentito parlare di disastri così spontanei,,en,da qualcuno diverso dai nostri figli,,en,questo è.,,en,La domanda quindi è,,en. I have this glass of water on my desk now. Still water, in the absence of any turbulence, has a flat surface. We all know why – gravity and surface tension and all that. But we also know that the molecules in water are in random motion, in accordance with the same Brownian process that we readily adopted in our quant world. One possible random configuration is that half the molecules move, dire, to the left, and the other half to the right (so that the net momentum is zero).

If that happens, the glass on my desk will break and it will make a terrible mess. But we haven’t heard of such spontaneous messes (from someone other than our kids, that is.)

The question then is, possiamo accettare l'ipotesi sulla prevedibilità della superficie dell'acqua anche se sappiamo che il movimento sottostante è irregolare e casuale,,en,Sto cercando di fare un'analogia piuttosto ingegnosa con l'ipotesi sull'efficienza del mercato, nonostante le irregolarità transitorie.,,en,La risposta è assolutamente si,,en,prendiamo per scontata la planarità delle superfici liquide, dalle inutili pompe e sifoni dei nostri libri di fisica delle scuole elementari fino alle dighe e ai progetti idroelettrici,,en,Quindi di cosa sto cavillando?,,en,Perché cerco sulla possibilità di basi incerte,,en,Ho due ragioni,,en,Uno è la questione della scala,,en,Nel nostro esempio di planarità della superficie vs,,en,movimento casuale,,en,abbiamo guardato una collezione molto grande,,en,attraverso il teorema del limite centrale e la meccanica statistica,,en? (I am trying to make a rather contrived analogy to the assumption on market efficiency despite the transient irregularities.) The answer is a definite yes. Naturalmente, we take the flatness of liquid surfaces for granted in everything from the useless lift-pumps and siphons of our grade school physics books all the way to dams and hydro-electric projects.

So what am I quibbling about? Why do I harp on the possibility of uncertain foundations? I have two reasons. One is the question of scale. In our example of surface flatness vs. random motion, we looked at a very large collection, dove, through the central limit theorem and statistical mechanics, non ci aspettiamo altro che un comportamento regolare,,en,Se stavo studiando,,en,come un singolo virus si propaga attraverso il flusso sanguigno,,en,Non dovrei fare alcuna ipotesi sulla regolarità nel comportamento delle molecole d'acqua,,en,Questa questione di scala si applica anche alla finanza quantitativa,,en,Stiamo operando alla giusta scala per ignorare l'instabilità dell'ipotesi di efficienza del mercato,,en,La seconda ragione per diffidare dei modelli di pricing è molto più insidiosa,,en,Fammi vedere se riesco a presentarlo piuttosto drammaticamente usando il mio esempio del bicchiere d'acqua,,en,Supponiamo di creare un modello per la planarità della superficie dell'acqua,,en,e le piccole increspature su di esso come perturbazioni o qualcosa del genere,,en,Quindi procediamo ad usare questo modello per estrarre piccole quantità di energia dalle increspature,,en. If I was studying, per esempio, how an individual virus propagates through the blood stream, I shouldn’t make any assumptions on the regularity in the behavior of water molecules. This matter of scale applies to quantitative finance as well. Are we operating at the right scale to ignore the shakiness of the market efficiency assumption?

The second reason for mistrusting the pricing models is a far more insidious one. Let me see if I can present it rather dramatically using my example of the tumbler of water. Suppose we make a model for the flatness of the water surface, and the tiny ripples on it as perturbations or something. Then we proceed to use this model to extract tiny amounts of energy from the ripples.

Il fatto che stiamo usando il modello influisce sulla planarità o sulla natura delle increspature,,en,influenzando le ipotesi sottostanti del modello,,en,immagina che un gran numero di persone stia usando lo stesso modello per estrarre più energia possibile da questo bicchiere d'acqua,,en,La mia impressione è che creerà oscillazioni su larga scala,,en,forse generando configurazioni che fanno davvero rompere il vetro e fare un casino,,en,Scontando il fatto che questa intuizione ha le sue radici più nel caos finanziario che si è materializzato spontaneamente piuttosto che in qualsiasi argomento di fisica solida,,en,possiamo ancora vedere che grandi fluttuazioni sembrano effettivamente aumentare l'energia che può essere estratta,,en,grandi fluttuazioni,,en,e i cigni neri,,en,può effettivamente essere un effetto collaterale della modellazione,,en,Dinamiche di gruppo,,en, affecting the underlying assumptions of the model. Ora, imagine that a large number of people are using the same model to extract as much energy as they can from this glass of water. My hunch is that it will create large scale oscillations, perhaps generating configurations that do indeed break the glass and make a mess. Discounting the fact that this hunch has its root more in the financial mess that spontaneously materialized rather than any solid physics argument, we can still see that large fluctuations do indeed seem to increase the energy that can be extracted. Allo stesso modo, large fluctuations (and the black swans) may indeed be a side effect of modeling.

Group Dynamics

Quando i ricercatori e gli accademici passano alla finanza quantitativa,,en,devono cimentarsi con qualche shock culturale,,en,Non solo il settore finanziario funziona a un ritmo più veloce,,en,pone anche grande enfasi sul lavoro di squadra,,en,Taglia largo piuttosto che profondo,,en,Risultati rapidi che hanno un impatto immediato e diffuso sono meglio di soluzioni perfette ed eleganti che potrebbero richiedere del tempo per forgiare,,en,Vogliamo fatto veloce piuttosto che giusto,,en,Gli accademici sono esattamente l'opposto,,en,Vogliono impiegare anni per rimediare a problemi profondi,,en,spesso da solo,,en,e trovare soluzioni eleganti e perfette,,en,In coppia con questo perfezionismo,,en,c'è una curiosa tendenza tra i ricercatori accademici verso la creazione di un,,en,Wow,,en,fattore con i loro risultati,,en,al contrario di professionisti della finanza che sono abbastanza contenti di,,en,fattore nei loro bonus,,en, they have to grapple with some culture shock. Not only does the field of finance operate at a faster pace, it also puts great emphasis on team work. It cuts wide rather than deep. Quick results that have immediate and widespread impact are better than perfect and elegant solutions that may take time to forge. We want it done quick rather than right. Academicians are just the opposite. They want to take years to mull over deep problems, often single-handedly, and come up with solutions elegant and perfect.

Coupled with this perfectionism, there is a curious tendency among academic researchers toward creating a “wow” factor with their results, as opposed to finance professionals who are quite content with the “wow” factor in their bonuses. Questo sottile squilibrio genera manifestazioni interessanti,,en,Gli accademici che fanno passare alla metà della carriera finanziaria tendono a lavorare da soli o in piccoli gruppi,,en,cercando di perfezionare un prototipo impressionante,,en,Professionisti del settore bancario,,en,cerca di fare leva l'uno sull'altro,,en,a volte prendersi il merito del lavoro di altre persone,,en,e distribuire soluzioni potenzialmente incomplete il prima possibile,,en,Il bisogno intellettuale di a,,en,può essere un fattore che trattiene almeno alcuni risultati quantitativi,,en. Academics who make the mid-career switch to finance tend to work either alone or in small groups, trying to perfect an impressive prototype. Banking professionals, d'altronde, try to leverage on each other (at times taking credit for other people’s work) and roll out potentially incomplete solutions as early as possible. The intellectual need for a “wow” may be a factor holding back at least some quant deliverables.

Filosofia del denaro

Underlying all financial activity are transactions involving money. The term “transactions” means something philosophically different in economics. It stands for exchanges of goods and services. Soldi, in economic transactions, has only a transactional value. It plays the role of a medium facilitating the exchanges. Nelle transazioni finanziarie, tuttavia, denaro diventa l'entità che viene negoziata. I sistemi finanziari si muovono essenzialmente denaro dai risparmi e la trasforma in capitale. Così il denaro assume un valore di investimento, oltre al suo valore intrinseco transazionale. Il valore dell'investimento è la base di interesse.

Dato che il valore dell'investimento si misura anche e restituito in termini di denaro, otteniamo la nozione di interesse composto e “mettere soldi per lavorare.” Coloro che hanno rendimenti domanda di moneta sulla base del rischio di investimento sono disposti ad assumere. E il ruolo del sistema finanziario moderno diventa uno di bilanciare questa equazione rischio-rendimento.

We should keep in mind that this signification of money as investment entity is indeed a philosophical choice that we have made over the past few centuries. Other choices do exist — Islamic banking springs to mind, although its practice has be diluted by the more widely held view of money as possessing an investment value. It is fascinating to study the history and philosophy of money, but it is a topic that calls for a full-length book on its own right. Understanding money at its most fundamental level may in fact enhance our productivity — which is again measured in terms of the bottom line, consistent with the philosophy of money that enjoys currency.

Torna alla Blogging…

It has been a while since I wrote anything on my blog. That doesn’t mean that I wasn’t writing. Infatti, I was very busy with il mio secondo libro. I managed to send in the draft manuscript to John Wiley & Sons a couple of weeks ago, but only after the associated sleep deprivation had become a more or less habitual insomnia. I also finished everything I wanted to do on the plugin front. Ora, I am ready to blog again.

The habitualization of insomnia is probably not in vain. John Wiley and Co will get back to me with their comments and suggestions, which will keep me busy for a couple of months again working on the book. The book, Principi di sviluppo quantitativo, is an attempt to find the niche at the intersection of computer science, mathematical finance, and the business of trading and making money. I felt that this niche was being neglected, and the void thus created may have been the proverbial straw on the camel’s back that precipitated the current financial meltdown. In setting its sight at such a large problem from its lofty soapbox, the book indeed starts with an ambitious goal, but perhaps a timely one.

On the plugin development front, my latest contribution is a translator for other plugins. It will be of interest to fellow plugin authors and their international users. It is a fairly nifty piece of software, if I may say so myself. If you want to take a quick look, here it is. Easy Translator and my other gem, Tema Tweaker, may not become as popular as my other plugins (which help bloggers make money through AdSense), but they showcase ideas and programming wizardry that few other plugins do. As you can tell, I’m rather proud of them.

Back to blogging now, coming up in the next few days will be an analysis of the philosophy of money (an idea for my next book), the reasons behind quantitative professionalsfailings, and a comparison of the work-culture in a corporate machine and the idyllic (but poorly compensated) academic life. Ah, how I miss those days. There is an old Chinese saying: Be careful what you wish for; you may get it!

Piste Slippery

Ma, this dictum of denying bonus to the whole firm during bad times doesn’t work quite right either, for a variety of interesting reasons. Primo, let’s look at the case of the AIG EVP. AIG is a big firm, with business units that operate independently of each other, almost like distinct financial institutions. If I argued that AIG guys should get no bonus because the firm performed abysmally, one could point out that the financial markets as a whole did badly as well. Does it mean that no staff in any of the banks should make any bonus even if their particular bank did okay? And why stop there? The whole economy is doing badly. Così, should we even out all performance incentives? Once we start going down that road, we end up on a slippery slope toward socialism. And we all know that that idea didn’t pan out so well.

Another point about the current bonus scheme is that it already conceals in it the same time segmentation that I ridiculed in my earlier post. Vero, the time segmentation is by the year, rather than by the month. If a trader or an executive does well in one year, he reaps the rewards as huge bonus. If he messes up the next year, sicuro, he doesn’t get any bonus, but he still has his basic salary till the time he is let go. It is like a free call option implied in all high-flying banking jobs.

Such free call options exist in all our time-segmented views of life. If you are a fraudulent, Ponzi-scheme billionaire, all you have to do is to escape detection till you die. The bane of capitalism is that fraud is a sin only when discovered, and until then, you enjoy a rich life. This time element paves the way for another slippery slope towards fraud and corruption. Di nuovo, it is something like a call option with unlimited upside and a downside that is somehow floored, both in duration and intensity.

There must be a happy equilibrium between these two slippery slopes — one toward dysfunctional socialism, and the other toward cannibalistic corruption. It looks to me like the whole financial system was precariously perched on a meta-stable equilibrium between these two. It just slipped on to one of the slopes last year, and we are all trying to rope it back on to the perching point. In my romantic fancy, I imagine a happier and more stable equilibrium existed thirty or forty years ago. Was it in the opposing economic ideals of the cold war? Or was it in the welfare state concepts of Europe, where governments firmly controlled the commanding heights of their economies? Se è così, can we expect China (or India, or Latin America) to bring about a much needed counterweight?

Sezioni

Compartecipazione a utili

Among all the arguments for hefty bonuses, the most convincing is the one on profit generation and sharing. Profit for the customers and stakeholders, if generated by a particular executive, should be shared with him. What is wrong with that?

The last argument for bonus incentives we will look at is this one in terms of profit (and therefore shareholder value) generation. Bene, shareholder value in the current financial turmoil has taken such a beating that no sane bank executive would present it as an argument. What is left then is a rather narrow definition of profit. Here it gets tricky. The profits for most financial institutes were abysmal. The argument from the AIG executive is that he and his team had nothing to do with the loss making activities, and they should receive the promised bonus. They distance themselves from the debacle and carve out their tiny niche that didn’t contribute to it. Such segmentation, although it sounds like a logical stance, is not quite right. To see its fallacy, let’s try a time segmentation. Let’s say a trader did extremely well for a few months making huge profits, and messed up during the rest of the year ending up with an overall loss. Ora, suppose he argues, “Bene, I did well for January, March and August. Give me my 300% for those months.” Nobody is going to buy that argument. I think what applies to time should also apply to space (scusa, business units or asset classes, Voglio dire). If the firm performs poorly, perhaps all bonuses should disappear.

As we will see in the last post of the series, this argument for and against hefty incentives is a tricky one with some surprising implications.

Sezioni

Talent Retention

Even after we discount hard work and inherent intelligence as the basis of generous compensation packages, we are not quite done yet.

The next argument in favour of hefty bonuses presents incentives as a means of retaining the afore-mentioned talent. Looking at the state of affairs of the financial markets, the general public may understandably quip, “What talent?” and wonder why anybody would want to retain it. That implied criticism notwithstanding, talent retention is a good argument.

As a friend of mine illustrated it with an example, suppose you have a great restaurant thanks mainly to a superlative chef. Everything is going honky dory. Poi, improvviso, an idiot cook of yours burns down the whole establishment. Te, naturalmente, sack the cook’s rear end, but would perhaps like to retain the chef on your payroll so that you have a chance of making it big again once the dust settles. Vero, you don’t have a restaurant to run, but you don’t want your competitor to get his hands on your ace chef. Good argument. My friend further conceded that once you took public funding, the equation changed. You probably no longer had any say over payables, because the money was not yours.

I think the equation changes for another reason as well. When all the restaurants in town are pretty much burned down, where is your precious chef going to go? Perhaps it doesn’t take huge bonuses to retain him now.

Sezioni

Talento e intelligenza

In ultimo post, Ho sostenuto che quanto sia duro il lavoro non ha nulla a che fare con la quantità di ricompensa che dovremmo raccogliere. Dopotutto, ci sono tassisti che lavorano più a lungo e più duro, e anche le anime più sfortunate negli slum dell'India e di altri paesi poveri.

Ma, Sto Threading sul vero ghiaccio sottile quando paragono, tuttavia obliquamente, gli alti dirigenti di tassisti e cani slum. Sono (i dirigenti, distante) chiaramente molto più talento, che mi porta alla famosa tesi talento per i bonus. Che cosa è questa cosa talento? E 'l'intelligenza e l'articolazione? Una volta ho incontrato un tassista a Bangalore, che era fluente in più di una dozzina di lingue disparate come l'inglese e l'arabo. Ho scoperto il suo talento nascosto per caso quando aveva incrinato fino a qualcosa di mio padre mi ha detto — uno scherzo privato nel nostro vernacolo, che Raramente ho trovato un tentativo non madrelingua. Non ho potuto evitare di pensare poi — dato un altro luogo e un altro tempo, questo tassista sarebbe stato un professore di linguistica o qualcosa. Talent può essere una condizione necessaria per il successo (e bonus), ma certamente non è una sufficiente. Anche tra i cani baraccopoli, potremmo trovare ampio talento, se il film premio Oscar è tutto da seguire. Sebbene, il protagonista nel film non fare il suo bonus di milioni di dollari, ma era solo finzione.

Nella vita reale, tuttavia, incidenti fortunati circostanze giocano un ruolo più importante di talento nel mettere sul lato destro della divisione reddito. Per me, sembra sciocco di rivendicare un diritto ai premi in base a qualsiasi percezione di talento o intelligence. Diamine, l'intelligenza stessa, tuttavia lo definiamo, non è altro che un incidente genetico felice.

Sezioni