Archivi categoria: Umorismo

E che cosa è divertente Fedro, e ciò che non è divertente — bisogno chiediamo a nessuno di dirci queste cose?

Come agire Giovani

Tutti vogliono essere giovani per sempre. Naturalmente, nessuno sta per essere successo in quella ricerca. Otterrete vecchio. La cosa migliore che si può sperare è quello di guardare i giovani. Se avete abbastanza soldi, trucchi come lifting, BOTOX, infila pancia, protesi capelli ecc può aiutare. Quelli con un budget dovrà accontentarsi di tattiche dilatorie, come tinture per capelli e iscrizioni a palestre nella loro battaglia contro i segni del tempo. Questo non è male; Sono in questa categoria e penso che sono riuscito a scongiurare circa cinque anni.

Continua a leggere

Successi interni ed esterni

Il successo può essere interno o esterno. Successo esterno è facilmente misurabile in termini di denaro e beni materiali. Quella interna è misurata in termini di parametri di valutazione meno palpabili, come la felicità, la pace della mente, ecc. Successo esterno è legato alla qualità estroversi, come articolazione, e dipende da ciò che gli altri pensano di voi. Quello interno, d'altronde, dipende da quello che pensi di te stesso. Esso è costituito da cose come dovere, onore etc. Confondere uno con l'altro porta a malintesi, come identificare i soldi di felicità, per esempio. Hai bisogno di uno per l'altro, ma non sono assolutamente la stessa.

Continua a leggere

Chiave per civile Bliss

Ecco una breve storia di come un cowboy ha trovato il segreto della felicità coniugale subito dopo si è sposato. La cerimonia è stata bellissima e la sposa bella. Dopo il matrimonio, la sposa e lo sposo hanno ottenuto il loro carrozza trainata da cavalli per fare la loro strada di casa, con la sposa felice ed eccitato, blaterare su circa niente, e lo sposo rimanere forte e silenzioso, con non una parola dopo l' “Faccio.”

Continua a leggere

Sostituire alogene con LED

Ecco come è accaduto. Ho un accurato home office custom-built. Una caratteristica interessante della mia zona di lavoro è l'illuminazione ad incasso costruito nella parte superiore di esso. Tre faretti belle LED. Tristamente, un paio di mesi fa, uno di loro ha iniziato sfarfallio. Ho ignorato il più a lungo possibile, poi ha deciso di dare un'occhiata. Dal basso, sembrava impossibile raggiungere l'interno della luce. Ma io non sono così facilmente perplesso. Posso sempre affrontare un problema da diverse angolazioni. Così mi sono trascinato su una scala e provato l'estremità superiore della luce, sopra la parte superiore della tabella studio abitato. Con mia grande sorpresa, Sembrava perfettamente rivestito senza accesso alle luci. Come faccio a cambiare la lampadina o qualsiasi altra cosa? Lavorazione scadente, Mi sono detto, e ha proceduto a continuare a ignorare la luce tremolante. Dopotutto, è soprattutto i bambini’ PC, non i miei iMac. Non sto dicendo che ero perplesso, ma devi scegliere le tue battaglie, sai.

Pochi giorni dopo, mi resi conto — non si dovrebbe accedere luci ad incasso da sopra. Dopotutto, di solito sono in soffitti senza “sopra.” Essi sono tenuti lì con un meccanismo a molla intelligente, e si può solo tirare giù. Ho provato con la luce tremolante, ed è venuto giù abbastanza facilmente. Non c'è bisogno di incidere sulla parte superiore della scrivania studio. La lavorazione non era pessimo, dopo tutto. Ottimo lavoro, infatti. Dopo aver tirato la luce verso il basso, Ho capito che era il piccolo trasformatore elettronico che era difettoso, e ordinato uno su eBay. (A proposito, quando ho spiegato che questo mio figlio era entusiasta perché pensava che avevo ordinato una macchina che potrebbe trasformarsi in un robot gigante!)

Quando si acquista qualcosa da eBay, è impossibile non passare in rassegna un po '. Ho visto questa offerta su 50 Kit da incasso a LED, con tutto il necessario per un progetto fresco, a circa $12 a testa. Il diavolo fai da te dormiente dentro di me si muoveva. Per farla breve — Ho comprato il sucka. Si presentò alla mia porta di casa in soli due giorni. (Spedito da Cina, anche se ho comprato da Australia — globalizzazione dell'e-tipo, Credo.) E ho cominciato a sostituire tutte le luci alogene da incasso in casa con quelle a LED. E 'così facile farlo — basta tirare il vecchio giù, tirare fuori il vecchio trasformatore ballast, scollegarlo, filo la nuova luce a LED e spingerlo indietro in. Il tutto richiede circa cinque minuti, se non ci sono complicazioni.

Vita, tuttavia, è piena di complicazioni, e la misura di un uomo è nel modo in cui si occupa di loro. Il primo giorno, mi ci sono voluti circa quattro ore per fare una trentina di luci. Ormai, Avevo vesciche dita. Peggio, Mi sono preso un dito in uno di quei thingies molla rammendate (che funzionerà anche come trappole per topi, Ho dimenticato di dire) e ottenuto schiacciata abbastanza bene. E il materiale intonaco dal soffitto agito come una sorta di catalizzatore per l'infezione. Di nuovo lungo racconto, Sto finendo il corso di cinque giorni di Avelox, un antibiotico ad ampio spettro che il mio medico prescritto dopo un rapido sguardo al mio dito. Questa è un'altra cosa — perché sono questi medici sempre più giovani ogni anno?

Comunque, nonostante tutti questi contrattempi, Sono riuscito a finire il progetto in una decina di giorni, dopo l'ordinazione un altro lotto di dieci kit a LED, e dieci LED lampadine per sostituire qualche illuminazione della pista. Penso che ho fondato la mia misura di uomo, anche se mi avvicino a mia moglie con le mie dita battaglia indossati per la simpatia e compassione. Li elargiti in abbondanza, e con amore mi ha chiamato “nasook” — un'espressione Hindi Io non sono abbastanza familiarità con. Devo guardare in su uno di questi giorni — qualcosa nel suo tono mi domando, ho perso un po 'della mia misura?

A proposito, la luce tremolante è ancora tremolante. Il trasformatore da tre dollari non è ancora arrivato.

Retirement — a Wife’s View

In connection with my recent retirement, my wife sent me an article (a speech given by someone on how to retire happily) which made several interesting points. But even more interestingly, it started with a funny story. Here it is:

In a small village in Kerala, a devout christian passed away. The local priest was out of station, and a priest from an adjoining village was called upon to deliver the eulogy. “Ladies and Gentlemen,” began the venerable pastor with the coffin before him. “Here lies dead before me a rare human being of this village with outstanding qualities. He was a gentleman, a scholar, sweet of tongue, gentle of temper and very catholic in outlook. He was generous to a fault and ever smiling.” The widow of the deceased sprang up and screamed, “Oh my God! They are burying the wrong man!"

True to form, this gentleman concluded his speech with another story.

First God created the cow and said, “You must go with the farmer everyday to the field, and suffer under the sun all day long, have calves, give milk and help the farmer. I give you a span of sixty years.” The cow said, “That’s surely tough. Give me only twenty years. I give back forty years.”

On Day Two, God created the dog and said, “Sit by the door of your house and bark at strangers. I give you a span of twenty years.” The dog said, “Too long a life for barking. I give up ten years.”

On the third day, God created the monkey and said to him, “Entertain people. Make them laugh. I give you twenty years.” The monkey said to God, “How boring! Monkey tricks for twenty years? Give me only ten years.” The Lord agreed.

On the fourth day, God created Man. He said to him, “Eat, sleep, play, enjoy and do nothing. I will give you twenty years.”

Man said, “Only twenty years? No way! I will take my twenty, but give me the forty the cow gave back, the ten that the monkey returned, and the ten the dog surrendered. That makes it eighty. Bene?” God agreed.

That is why for the first twenty years we sleep, play, enjoy and do nothing.
For the next forty years we slave in the sun to support our family.
For the next ten years we do monkey tricks to entertain our grandchildren.
And for the last ten years we sit in front of the house and bark at everybody.

Bene, I managed to cut down my forty cow-years to a mere twenty. Here’s hoping that I will get similar discounts on my monkey and dog years!

Nomi cinesi

Come forse sapete, un canale TV di San Francisco messo nei guai per aver segnalato i nomi falsi dei piloti coinvolti in un recente incidente aereo. Se vi siete persi, ecco il video — i nomi falsi sono circa il secondo marchio 43 °.

http://youtu.be/wFA7t1sHxBI

Alla luce di questo rapporto TV, Ho pensato di postare un mucchio di nomi falsi che ho ricevuto tramite e-mail qualche tempo fa. Sembra definitivamente tempestivo, se non è appropriato.

Questo non è giusto Sum Ting Wong
Stai ospitalità a un fuggiasco? Hu Yu Hai Ding
Vedere me ASAP Kum Hia essi
Stupido Uomo Dum Fuk
Piccolo cavallo Tai cresciuto in
Sei andato alla spiaggia? Wai Yu Così Tan
Mi sono imbattuto in un tavolino da caffè Ai Bang Mai Fu Kin Ni
Penso che avete bisogno di un lifting Chin Tu Fat
E 'molto buio qui Wai Così Dim
Pensavo fossi a dieta Wai Ching Yu Mun
Questa è una zona di traino di distanza Nessun re Pah
Il nostro incontro è previsto per la prossima settimana Wai Yu Kum hanno
Restare fuori dalla vista Lei Ying Lo
Ha pulire la sua automobile Wa Ka Shing
Il tuo odore del corpo è offensivo Yu Stin Ki Pu
Grande Fa Kin Su Pa

Mi scuso se trovate questo post offensivo — solo cercando di essere divertente qui.

Deferred Satisfaction

The mother was getting annoyed that her teenaged son was wasting time watching TV.
“Son, don’t waste your time watching TV. You should be studying,” she advised.
“Perché?” quipped the son, as teenagers usually do.
“Bene, if you study hard, you will get good grades.”
“Sì, so?”
“Poi, you can get into a good school.”
“Why should I?”
“That way, you can hope to get a good job.”
“Perché? What do I want with a good job?”
“Bene, you can make a lot of money that way.”
“Why do I want money?”
“Se avete abbastanza soldi, you can sit back and relax. Watch TV whenever you want to.”
“Bene, I’m doing it right now!”

What the mother is advocating, naturalmente, is the wise principle of deferred satisfaction. It doesn’t matter if you have to do something slightly unpleasant now, as long as you get rewarded for it later in life. This principle is so much a part of our moral fabric that we take it for granted, never questioning its wisdom. Because of our trust in it, we obediently take bitter medicines when we fall sick, knowing that we will feel better later on. We silently submit ourselves to jabs, root-canals, colonoscopies and other atrocities done to our persons because we have learned to tolerate unpleasantnesses in anticipation of future rewards. We even work like a dog at jobs so loathesome that they really have to pay us a pretty penny to stick it out.

Before I discredit myself, let me make it very clear that I do believe in the wisdom of deferred satisfaction. I just want to take a closer look because my belief, or the belief of seven billion people for that matter, is still no proof of the logical rightness of any principle.

The way we lead our lives these days is based on what they call hedonism. I know that the word has a negative connotation, but that is not the sense in which I am using it here. Hedonism is the principle that any decision we take in life is based on how much pain and pleasure it is going to create. If there is an excess of pleasure over pain, then it is the right decision. Although we are not considering it, the case where the recipients of the pain and pleasure are distinct individuals, nobility or selfishness is involved in the decision. So the aim of a good life is to maximize this excess of pleasure over pain. Viewed in this context, the principle of delayed satisfaction makes sense — it is one good strategy to maximize the excess.

But we have to be careful about how much to delay the satisfaction. Chiaramente, if we wait for too long, all the satisfaction credit we accumulate will go wasted because we may die before we have a chance to draw upon it. This realization may be behind the mantra “live in the present moment.”

Where hedonism falls short is in the fact that it fails to consider the quality of the pleasure. That is where it gets its bad connotation from. Per esempio, a ponzi scheme master like Madoff probably made the right decisions because they enjoyed long periods of luxurious opulence at the cost of a relatively short durations of pain in prison.

What is needed, forse, is another measure of the rightness of our choices. I think it is in the intrinsic quality of the choice itself. We do something because we know that it is good.

I am, naturalmente, touching upon the vast branch of philosophy they call ethics. It is not possible to summarize it in a couple of blog posts. Nor am I qualified enough to do so. Michael Sandel, d'altronde, is eminently qualified, and you should check out his online course Giustizia: Qual è la cosa giusta da fare? if interested. I just want to share my thought that there is something like the intrinsic quality of a way of life, or of choices and decisions. We all know it because it comes before our intellectual analysis. We do the right thing not so much because it gives us an excess of pleasure over pain, but we know what the right thing is and have an innate need to do it.

Che, almeno, is the theory. Ma, ultimamente, I’m beginning to wonder whether the whole right-wrong, good-evil distinction is an elaborate ruse to keep some simple-minded folks in check, while the smarter ones keep enjoying totally hedonistic (using it with all the pejorative connotation now) pleasures of life. Why should I be good while the rest of them seem to be reveling in wall-to-wall fun? Is it my decaying internal quality talking, or am I just getting a bit smarter? I think what is confusing me, and probably you as well, is the small distance between pleasure and happiness. Doing the right thing results in happiness. Eating a good lunch results in pleasure. When Richard Feynman wrote about The Pleasure of Finding Things Out, he was probably talking about happiness. When I read that book, what I’m experiencing is probably closer to mere pleasure. Watching TV is probably pleasure. Writing this post, d'altronde, is probably closer to happiness. Almeno, I hope so.

To come back my little story above, what could the mother say to her TV-watching son to impress upon him the wisdom of deferred satisfaction? Bene, just about the only thing I can think of is the argument from hedonism saying that if the son wastes his time now watching TV, there is a very real possibility that he may not be able to afford a TV later on in life. Perhaps intrinsically good parents won’t let their children grow up into a TV-less adulthood. I suspect I would, because I believe in the intrinsic goodness of taking responsibility for one’s actions and consequences. Does that make me a bad parent? Is it the right thing to do? Need we ask anyone to tell us these things?

Lingue

Prima di lasciare l'India alla fine degli anni Ottanta, Potrei parlare un po 'di Hindi come la mia terza lingua. Inglese era la seconda lingua, e Malayalam la mia lingua madre. Non ero fluente in Hindi con uno sforzo d'immaginazione, ma ho potuto parlare abbastanza bene per sbarazzarsi di un venditore porta a porta, per esempio.

Questo è esattamente ciò che mio padre (una conferma Hindi-phobe) mi ha chiesto di fare durante una delle mie visite a casa quando un persistente, Hindi lingua sari venditore aleggiava sulla nostra veranda. Ormai, Avevo trascorso più di sei anni negli Stati Uniti (e considerato il mio inglese molto buono) e un paio di anni in Francia (sufficiente sapere che “molto bene l'inglese” era un grosso problema). Quindi, per sbarazzarsi del sari-wala, Ho iniziato a parlare con lui in Hindi, e la cosa più strana è accaduto — era tutto Francese che veniva fuori. Non la mia lingua madre, Non la mia seconda o terza lingua, ma French! In breve, c'era molto confuso commesso sari roaming per le strade di quel giorno.

Vero, vi è una certa somiglianza tra Hindi e francese, per esempio, nei suoni delle parole interrogative, e le stupide generi maschile-femminile di oggetti neutrali. Ma non penso che era quello che stava causando l'effusione francesità. Mi sentivo come se francese aveva sostituito Hindi nel mio cervello. Cellule cerebrali Qualunque miei che sono stati cablati fino a parlare Hindi (male, Potrei aggiungere) venivano riavvolto a la franciaise! Alcuni strano meccanismo di allocazione delle risorse è stata riciclaggio mie cellule cerebrali a mia insaputa o consenso. Penso che questa invasione francese nel mio cervello ha continuato senza sosta e assimilato un pezzo delle mie cellule inglesi pure. Il risultato finale è stato che il mio inglese ottenuto tutto incasinato, e il mio francese non ha mai avuto abbastanza buono. Mi sento un po 'dispiaciuto per i miei cellule cerebrali confusi. Karma, Credo — Non avrei dovuto confondere il venditore sari.

Sebbene parlato per scherzo, Penso che quello che ho detto è vero — le lingue che si parlano occupano sezioni distinte del cervello. Un mio amico è una ragazza franco-americana dagli anni universitari. Non ha accento distinguibile nella sua Americanese. Una volta venne a trovarmi in Francia, e ho scoperto che ogni volta che ha usato una parola inglese mentre si parla francese, aveva un accento francese distinto. Era come se le parole inglesi uscirono della sezione francese del suo cervello.

Naturalmente, lingue possono essere uno strumento nelle mani della creatività. My officemate in Francia è stato un tizio inglese astuto che sempre rifiutato di imparare qualsiasi Francese a tutti, e resistito attivamente segni di assimilazione francese. Non ha mai pronunciato una parola francese se poteva farne a meno. Ma allora, un'estate, due stagisti inglesi presentarono. Il mio officemate è stato chiesto di mentore loro. Quando queste due ragazze sono venuti al nostro ufficio per incontrarlo, questo ragazzo improvvisamente bilingue e ha cominciato a dire qualcosa come, “Cosa facciamo qui.. Oh, scusa, Dimenticavo che tu non parla francese!”

Am I Pretenzioso?

Stavo chiacchierando con un vecchio amico, e mi ha detto che non ha mai sentito incline a leggere qualcosa che ho scritto. Naturalmente, Ero un po 'mi scocciava. Voglio dire, Io verso il mio cuore e l'anima in miei libri, colonne e questi posti qui, e le persone non hanno nemmeno si sentono inclini a leggere? Perchè dovrebbe essere? Il mio amico, utile come sempre, ha spiegato che era perché mi suonava pretenzioso. La mia prima reazione, naturalmente, era quello di ottenere offeso e dire ogni sorta di cose brutte su di lui. Ma bisogna imparare a fare uso di critica. Dopotutto, se io suono pretenzioso a qualcuno, è inutile sottolineare che io non sono davvero pretenzioso perché quello che sembro e sembro e sento come se è davvero quello che sto a che qualcuno. Questo è uno dei temi di fondo di il mio primo libro. Bene, non del tutto, ma abbastanza vicino.

Perché io suono pretenzioso? E che cosa significa che anche? Queste sono le domande che farò analizzare oggi. Vedi, Prendo queste cose molto sul serio.

Qualche anno fa, durante i miei anni di ricerca qui a Singapore, Ho incontrato questo professore dagli Stati Uniti. Era originario della Cina ed era andato a stati come studente laureato. Tipicamente, tale prima generazione emigranti cinesi non parlano molto bene l'inglese. Ma questo ragazzo ha parlato molto bene. Per le mie orecchie non addestrati, suonava più o meno identico a un americano e mi ha colpito. Dopo, Ho condiviso la mia ammirazione con un collega cinese di miniera. Egli non è stato colpito a tutti, e disse:, “Questo ragazzo è un falso, egli non deve cercare di suonare come un americano, si dovrebbe parlare come un cinese che ha imparato l'inglese.” Ero sconcertato e gli ho chiesto, “Se imparo cinese, dovrei provare a suonare come te, o cercare di aggrapparsi a mio accento naturale?” Ha detto che era totalmente diverso — uno è di essere pretenzioso, l'altro è di essere un bravo studente di una lingua straniera.

Quando si chiama qualcuno pretenzioso, quello che stai dicendo è questo, “Io so cosa sei. Sulla base della mia conoscenza, si dovrebbe dire e fare certe cose, in un certo senso. Ma che stai dicendo o facendo qualcos'altro per impressionare me o altri, fingendo di essere qualcuno migliore o più sofisticato quello che realmente sono.”

L'assunto implicito dietro questa accusa è che si conosce la persona. Ma è molto difficile conoscere persone. Anche coloro che sono molto vicino a voi. Anche te. C'è solo finora si può vedere dentro di te che la vostra conoscenza, anche di se stessi è sempre sta per essere incompleta. Quando si tratta di amici occasionali, l'abisso tra ciò che si pensa di sapere e che cosa è davvero il caso potrebbe essere sconcertante.

Nel mio caso, Penso che il mio amico ha trovato il mio stile di scrittura un po 'pomposo, forse. Per esempio, Io di solito scrivo “forse” invece di “può essere.” Quando parlo, Dico “può essere” come tutti gli altri. Oltre a, quando si tratta di parlare, Sono una balbuzie, balbettando pasticcio con nessuna proiezione voce o modulazione per salvare la mia vita. Ma le mie abilità di scrittura sono buone abbastanza per atterrare mi commissioni di libri e richieste di colonna. Così, è stato il mio amico ipotizzando che io non dovrei scrivere bene, sulla base di ciò che sapeva di come ho parlato? Forse. Voglio dire, può essere.

Tuttavia, (Mi dovrebbe iniziare a dire “ma” invece di “tuttavia”) ci sono un paio di cose di sbagliato in questo presupposto. Ognuno di noi è un complesso collage di molteplici personaggi felicemente conviventi in un corpo umano. Gentilezza e crudeltà, nobiltà e meschinità, umiltà e pomposità, azioni e desideri di base generosi possono tutti coesistere in una persona e brillare attraverso sotto le giuste circostanze. Così può la mia articolazione debole e impressionante (seppur di poco pretenzioso) prosa.

Ancora più importante, le persone cambiano nel corso del tempo. Circa quindici anni fa, Ho parlato correntemente il francese. Quindi, se io preferivo conversare con un amico francese nella sua lingua, potevo essere pretenzioso dato che non ho potuto farlo cinque anni prima che il tempo? Ok, in quel caso davvero ero, ma un paio di anni prima che, Io non parlo inglese o. Le persone cambiano. La loro capacità di cambiamento. Le loro abilità cambiano. La loro affinità e interessi cambiamento. Non è possibile graduare in su una persona in qualsiasi punto nel tempo e assume che qualsiasi deviazione dalla vostra misura è un segno di pretenziosità.

In breve, il mio amico era un asino per avermi chiamato pretenzioso. Ci, Ho detto che. Devo ammettere — si sentiva bene.

Art of Corporate War

A more complex example of how the rules shape the patterns on the ground is the corporate game. The usual metaphor is to portray employees as cogs in the relentless wheel of the corporate machinery, or as powerless pawns in other people’s power plays. But we can also think of all of them as active players with their own resources engaged in tiny power plays of their own. So they end up with a corporate life full of office politics, smoke and mirrors, and pettiness and backstabbing. When they take these things personally and love or hate their co-workers, they do themselves an injustice, Penso che. They should realize that all these features are the end result of the rules by which they play the corporate game. The office politics that we see in any modern workspace is the topology expected of the rules of the game.

What are these famous rules I keep harping on? You would expect them to be much more complex that those of a simple chess game, given that you have a large number of players with varying agendas. But I’m a big fan of simplicity and Occam’s Razor as any true scientist should be (which is an oblique and wishful assertion that I am still one, naturalmente), and I believe the rules of the corporate game are surprisingly simple. As far as I can see, there are just twoone is that the career progression opportunities are of a pyramid shape in that it gets progressively more difficult to bubble to the top. The other rule is that at every level, there is a pot of rewards (such as the bonus pool, per esempio) that needs to be shared among the co-workers. From these rules, you can easily see that one does better when others do badly. Backstabbing follows naturally.

In order to be a perfect player in this game, you have to do more than backstabbing. You have to develop an honest-to-john faith in your superiority as well. Hypocrisy doesn’t work. I have a colleague who insists that he could do assembly-level programming before he left kindergarten. I don’t think he is lying per-se; he honestly believes that he could, as far as I can tell. Ora, this colleague of mine is pretty smart. Tuttavia, after graduating from an IIT and working at CERN, I’m used to superior intelligences and geniuses. And he ain’t it. But that doesn’t matter; his undying conviction of his own superiority is going to tide him over such minor obstacles as reality checks. I see stock options in his future. If he stabs someone in the back, he does it guiltlessly, almost innocently. It is to that level of virtuosity that you have to aspire, if you want to excel in the corporate game.

Almost every feature of the modern corporate office, from politics to promotions, and backstabbing to bonuses, is a result of the simple rules of the game that we play it by. (Sorry about the weak attempt at the first letter rhyme.) The next expansion of this idea, naturalmente, is the game of life. We all want to win, but ultimately, it is a game where we will all lose, because the game of life is also the game of death.