Archivi categoria: Colonne

Un gran numero di messaggi in questo blog sono i miei articoli pubblicati sul quotidiano di Singapore chiamata “Oggi,” e in una rivista di finanza quantitativa ben noto chiamato The Wilmott Magazine. Questi pubblicato (e imminente) colonne sono bloggato qui per il piacere della lettura.

Rischio – Wiley Fincad Webinar

Questo post è una versione modificata delle mie risposte in un Webinar Pannello-dibattito organizzato da Wiley-Finance e Fincad. Il Webcast liberamente disponibili è legata nel post, e contiene risposte da altri partecipanti — Paul Wilmott e Espen Huag. Una versione estesa di questo post potrebbe poi apparire come un articolo del Wilmott Magazine.

Qual è il rischio?

Quando usiamo la parola rischio in una normale conversazione, ha una connotazione negativa — il rischio di essere colpiti da una macchina, per esempio; ma non il rischio di vincere una lotteria. In finanza, rischio è sia positivo che negativo. Talvolta, si desidera l'esposizione a un certo tipo di rischio per controbilanciare qualche altra esposizione; talvolta, siete alla ricerca di rendimenti associati a un certo rischio. Rischio, in questo contesto, è quasi identico al concetto matematico di probabilità.

Ma anche nella finanza, si dispone di un tipo di rischio che è sempre negativo — è Operational Risk. Il mio interesse professionale in questo momento è nel ridurre al minimo il rischio operativo associato con le piattaforme di trading e di calcolo.

Come si misura il rischio?

Rischio di misurazione si riduce infine verso stimare la probabilità di una perdita in funzione di qualcosa — tipicamente l'intensità della perdita e tempo. Quindi è come chiedere — Qual è la probabilità di perdere un milione di dollari o di due milioni di dollari, domani o il giorno dopo?

La questione se siamo in grado di misurare il rischio è un altro modo di chiedere se possiamo capire la funzione di probabilità. In taluni casi, crediamo di poter — in Rischio di mercato, per esempio, abbiamo molto buoni modelli per questa funzione. Rischio di credito è tutta un'altra storia — anche se abbiamo pensato che avremmo potuto misurarla, abbiamo imparato nel modo più duro che probabilmente non poteva.

La domanda quanto sia efficace la misura è, è, secondo me, come chiedere a noi stessi, “Che cosa facciamo con un numero di probabilità?” Se faccio un calcolo di fantasia e dirvi che avete 27.3% probabilità di perdere un milione di domani, che cosa fare con quel pezzo di informazioni? Probabilità ha un significato ragionevole solo senso statistico, in eventi ad alta frequenza o grandi ensemble. Eventi di rischio, quasi per definizione, sono eventi a bassa frequenza e una serie di probabilità può avere solo un uso limitato pratico. Ma come strumento preventivo, probabilità accurata è grande, Soprattutto quando si strumenti di prezzo con profonda liquidità del mercato.

L'innovazione nella gestione del rischio.

L'innovazione in Risk disponibile in due versioni — uno è sul lato assunzione di rischi, che è in pricing, rischio di magazzinaggio e così via. Su questo fronte, lo facciamo bene, o almeno pensiamo che stiamo facendo bene, e l'innovazione in materia di prezzi e di modellazione è attiva. Il rovescio della medaglia è, naturalmente, la gestione del rischio. Qui, Credo che l'innovazione è in ritardo in realtà dietro eventi catastrofici. Una volta che abbiamo una crisi finanziaria, per esempio, facciamo un post-mortem, capire cosa è andato male e cercare di attuare dispositivi di sicurezza. Ma il successivo fallimento, naturalmente, sta per venire da un altro, tutto, Angolo di inaspettato.

Qual è il ruolo di Risk Management in una banca?

L'assunzione di rischi e la gestione del rischio sono due aspetti del business di una banca giorno per giorno. Questi due aspetti sembrano in conflitto tra loro, ma il conflitto è un caso. E 'attraverso la messa a punto di questo conflitto che una banca implementa la sua propensione al rischio. E 'come un equilibrio dinamico che può essere ottimizzato come desiderato.

Qual è il ruolo dei fornitori?

Nella mia esperienza, venditori sembrano influenzare i processi piuttosto che le metodologie di gestione del rischio, e in effetti di modellazione. Un sistema vended, tuttavia personalizzabile che può essere, viene fornito con le proprie ipotesi circa il flusso di lavoro, Gestione del ciclo di vita, ecc. I processi costruiti intorno al sistema dovranno adattarsi a queste ipotesi. Questa non è una brutta cosa. Almeno, sistemi vended popolari servono a standardizzare le pratiche di gestione del rischio.

Pensieri luddisti

Per tutta la sua pretenziosità, La cucina francese è davvero incredibile. Sicuro, Io non sono un intenditore di degustazione, ma i francesi sanno davvero come mangiare bene. Non c'è da stupirsi che i migliori ristoranti del mondo sono per lo più francesi. L'aspetto più cruciale di un piatto francese di solito è la sua delicata salsa, insieme con tagli a scelta, e, naturalmente, presentazione ispirato (AKA piatti enormi e porzioni minuscole). Gli chef, quegli artisti nei loro cappelli bianchi alti, mostrare il loro talento soprattutto nelle sottigliezze della salsa, per i quali patroni saperla felicemente consegnare ingenti somme di denaro in tali stabilimenti, metà dei quali sono chiamati “Cafe de Paris” o avere la parola “piccolo” nei loro nomi.

Gravemente, salsa è re (utilizzare Bollywood gergo) in cucina francese, così ho trovato scioccante quando ho visto questo su BBC che sempre più chef francesi sono stati ricorrono alle salse fabbrica fabbricati. Anche le fettine di uova sode guarnire le loro insalate costosissime sono disponibili in una forma cilindrica avvolto in plastica. Come potrebbe questo essere? Come potevano usare garbage-produzione di massa e fingere di essere servendo le migliori esperienze gastronomiche?

Sicuro, possiamo vedere l'avidità aziendale e personale guida le politiche di tagliare gli angoli e utilizzare il più economico degli ingredienti. Ma c'è una storia di successo delle piccole tecnologia qui. Qualche anno fa, Ho letto sul giornale che hanno trovato uova di gallina falsi in alcuni supermercati cinesi. Li avevamo “fresco” uova, con conchiglie, tuorli, bianchi e tutto. Si potrebbe anche fare frittate con loro. Immagina che — un vero e proprio uovo di gallina, probabilmente costa solo pochi centesimi per produrre. Ma qualcuno potrebbe impostare un processo di fabbricazione che potrebbero sfornare uova finte più conveniente di quello. Bisogna ammirare l'ingegnosità coinvolti — meno, naturalmente, devi mangiare le uova.

Il problema con i nostri tempi è che questa ingenuità sgradevole è tutto pervasivo. È la norma, non l'eccezione. Lo vediamo nelle vernici contaminato sui giocattoli, rifiuti nocivi trasformato in fast food (o anche fine-pranzo, apparentemente), veleno nel cibo per bambini, fine-stampa fantasiosa su documenti finanziari e “EULA”, componenti declassati e raffazzonature in macchinari critica — su ogni aspetto della nostra vita moderna. Dato un tale contesto, come facciamo a sapere che il “organico” produrre, se paghiamo quattro volte di più per esso, è diverso dalla produzione normale? Per dirla tutta fino alla avidità aziendale senza volto, come la maggior parte di noi tendono a fare, è un po 'semplicistico. Andando un passo avanti per vedere la nostra avidità collettiva nel comportamento aziendale (come ho orgogliosamente fatto un paio di volte) è forse anche banale. Quali sono imprese in questi giorni, se non collezioni di persone come te e me?

C'è qualcosa di più profondo e più preoccupante in tutto questo. Ho alcuni pensieri sconnessi, e cercherà di scrivere in una serie in corso. Ho il sospetto che questi miei pensieri vanno al suono simile a quelli luddisti non-popolare da il famigerato Unabomber. La sua idea era che i nostri istinti animaleschi normali del tipo cacciatori-raccoglitori sono stati soffocati dalle società moderne che abbiamo sviluppato in. E, a suo avviso, questa trasformazione sgradito e la conseguente tensione e lo stress possono essere contrastati solo da una distruzione anarchica dei propagatori del nostro cosiddetto sviluppo — cioè, università e altri generatori di tecnologia. Quindi il bombardamento di professori innocenti e tali.

Chiaramente, Non sono d'accordo con questo luddista ideologia, per se ho fatto, Avrei dovuto prima bomba me stesso! Sto allattando una linea molto meno distruttiva del pensiero. I nostri progressi tecnologici e le loro contraccolpi indesiderate, con sempre maggiore frequenza e ampiezza, mi ricordano qualcosa che ha affascinato la mia mente geniale — la transizione di fase tra strutturata (laminare) e caotico (turbolento) Stati in sistemi fisici (quando portate attraversano una certa soglia, per esempio). Stiamo avvicinando a una tale soglia di transizione di fase nei nostri sistemi sociali e strutture sociali? Nei miei momenti luddisti moody, Sono certo che siamo.

Rischio: Interpretazione, Innovazione e implementazione


Una tavola rotonda Wiley Finanza con Paul Wilmott

Con Paul Wilmott, Espen Haug e Manoj Thulasidas

PER FAVORE Unisciti a noi PER QUESTO WEBINAR GRATUITO PRESENTATO DA FINCAD E WILEY GLOBAL FINANCE

Come identificate, misura e modello di rischio, e ancora più importante, quello che cambia devono essere attuate per migliorare la redditività a lungo termine e la sostenibilità delle nostre istituzioni finanziarie? Prendete un'opportunità unica per unire esperti riconosciuti a livello mondiale e rispettati nel settore, Paul Wilmott, Espen Haug e Manoj Thulasidas in un libero, uno ora in linea tavola rotonda per discutere le questioni chiave e di trovare le risposte alle domande a migliorare la modellazione del rischio finanziario.

Iscriviti ai nostri esperti che affrontano queste questioni fondamentali dei rischi finanziari:

  • Qual è il rischio?
  • Come possiamo misurare e quantificare il rischio in finanza quantitativa? È questo efficace?
  • E ' possibile modellare rischio?
  • Definire l'innovazione nella gestione del rischio. Dove si svolgerà? Dove dovrebbe esso si svolgono?
  • Come nuove idee vedono la luce del giorno? Come sono applicate al settore, e come dovrebbe essi applicate?
  • Come viene attuata la gestione del rischio degli investimenti moderna banking? C'è un modo migliore?

Il nostro gruppo di esperti di fama internazionale comprendono Dr Paul Wilmott, fondatore del prestigioso certificato in Quantitative Finance (CQF) e Wilmott.com, Editor-in-Chief di Wilmott Magazine, e autore di libri di grande successo tra cui il best-seller Paul Wilmott On Quantitative Finance; Dr Espen Gaarder Haug che ha più di 20 anni di esperienza nella ricerca e derivati ​​di trading ed è autore di La guida completa di formule Option Pricing e Derivati: Modelli sul Models; e Dr Mani Thulasidas, un fisico-girare-quant che lavora come professionista quantitativa senior Standard Chartered Bank a Singapore ed è autore di Principi di Sviluppo quantitativo.

Questo dibattito sarà fondamentale per tutti i funzionari di rischio principali, i gestori del rischio di credito e di mercato, manager di responsabilità patrimoniale, ingegneri finanziari, commercianti di front office, analisti del rischio, molti accademici e.

Fisica vs. Finanza

Nonostante la ricchezza che la matematica impartisce alla vita, rimane un odiato e difficile soggetto a molti. Sento che la difficoltà nasce dalla disconnessione presto e spesso permanente tra matematica e realtà. È difficile memorizzare che reciproci dei numeri più grandi sono più piccoli, mentre è divertente per capire che se si aveva più persone che condividono una pizza, si ottiene una fetta più piccola. Capire è divertente, memorizzazione — non tanto. Matematica, essendo una rappresentazione formale dei modelli in realtà, non mettere troppa enfasi sulla parte capire, ed è chiaro perso su molti. Per ripetere questa affermazione con precisione matematica — matematica è sintatticamente ricco e rigoroso, ma semanticamente deboli. Sintassi può costruire su se stessa, e spesso scrollarsi di dosso i suoi piloti semantiche come un cavallo indisciplinato. Peggio, può trasformarsi in diverse forme semantiche che sembrano molto diversi l'uno dall'altro. Ci vuole uno studente di qualche anno per notare che i numeri complessi, vector algebra, geometria delle coordinate, algebra lineare e trigonometria sono essenzialmente diverse descrizioni sintattiche della geometria euclidea. Coloro che eccellono in matematica sono, I presume, quelli che hanno sviluppato le proprie prospettive semantiche per arginare la bestia sintattica apparentemente selvaggia.

Fisica anche in grado di fornire belle contesti semantici ai formalismi vuoti della matematica avanzata. Guardate spazio Minkowski e geometria riemanniana, per esempio, e come Einstein li ha trasformati in descrizioni della nostra realtà percepita. Oltre a fornire semantica per formalismo matematico, scienza promuove anche una visione del mondo basata sul pensiero critico e una integrità scientifica ferocemente scrupolosa. Si tratta di un atteggiamento di esaminare le proprie conclusioni, supposizioni e ipotesi senza pietà convincersi che nulla è stato trascurato. In nessun luogo questo nitpicking ossessione più evidente che in fisica sperimentale. I fisici riferiscono le loro misure con due serie di errori — un errore statistico che rappresenta il fatto che essi hanno solo un numero finito di osservazioni, e un errore sistematico che dovrebbe contabilizzare le imprecisioni nella metodologia, assunzioni, ecc.

Possiamo trovare interessante guardare la controparte di questa integrità scientifica nel nostro collo dei boschi — finanza quantitativa, che decora l'edificio sintattica di calcolo stocastico con la semantica dollaro e-centesimi, di un genere che finisce in relazioni annuali e genera premio di risultato. Si potrebbe anche dire che ha un profondo impatto sull'economia globale nel suo complesso. Dato questo impatto, come possiamo assegnare errori e livelli di fiducia per i nostri risultati? Per illustrare con un esempio, quando un sistema commerciale riporta il P / L di un commercio come, dire, sette milioni, è $7,000,000 +/- $5,000,000 o è $7,000, 000 +/- $5000? Quest'ultimo, chiaramente, detiene più valore per l'istituto finanziario e dovrebbe essere ricompensato più della prima. Siamo consapevoli. Stimiamo gli errori in termini di volatilità e le sensibilità dei rendimenti e applichiamo P / L riserve. Ma come facciamo a gestire altri errori sistematici? Come si misura l'impatto delle nostre ipotesi sulla liquidità del mercato, simmetria informativa etc., e assegnare valori in dollari per gli errori derivanti? Se fossimo stati scrupolosi propagazioni di errore di questo, forse la crisi finanziaria di 2008 non sarebbe avvenuto.

Anche se i matematici sono, generalmente, privi di auto-dubbi critici di fisici — proprio a causa di una sconnessione totale tra loro magia sintattica e suoi contesti semantici, a mio parere — ci sono alcuni che prendono la validità dei loro assunti quasi troppo sul serio. Mi ricordo di questo professore di miniera che ci ha insegnato induzione matematica. Dopo aver dimostrato un certo teorema minore utilizzo sulla lavagna (sì, era prima dell'era di lavagne), ci ha chiesto se aveva dimostrato di. Abbiamo detto, sicuro, aveva fatto anteriore destra a noi. Ha poi detto, "Ah, ma si dovrebbe chiedere se stessi induzione matematica è giusto. "Se penso a lui come a un grande matematico, forse è solo a causa della fantasia romantica comune nostra che glorifica i nostri insegnanti passati. Ma sono abbastanza certo che il riconoscimento della possibile fallacia della mia glorificazione è il risultato diretto dei semi ha piantato con la sua dichiarazione.

Il mio professore potrebbe aver preso questa insicurezza affari troppo; forse non è sano o pratico a mettere in discussione la stessa cornice della nostra razionalità e la logica. Ciò che è più importante è quello di garantire la sanità mentale dei risultati si arriva al, impiega il formidabile apparato sintattico a nostra disposizione. L'unico modo per mantenere un atteggiamento di sana insicurezza e le conseguenti controlli di integrità è di custodire gelosamente il collegamento tra i modelli della realtà e dei formalismi di matematica. E che, a mio parere, sarebbe il modo giusto per sviluppare l'amore per la matematica e.

Matematica e Patterns

La maggior parte dei modelli amano i bambini. La matematica è solo modelli. Così è la vita. Matematica, pertanto, è semplicemente un modo formale di vita descrivendo, o almeno i modelli che incontrano nella vita. Se la connessione tra la vita, modelli e matematica possono essere mantenuti, ne consegue che i bambini devono amare la matematica. E l'amore di matematica dovrebbe generare una capacità analitica (o quello che chiamerei un abilità matematica) per capire e fare la maggior parte delle cose bene. Per esempio, Ho scritto di un collegamento “tra” tre cose un paio di frasi fa. So che deve essere cattivo inglese perché vedo tre vertici di un triangolo e poi una connessione non ha senso. Un bravo scrittore probabilmente dirla meglio istintivamente. Uno scrittore matematica come me avrebbe capito che la parola “tra” è sufficiente in questo contesto — il vaso subliminale sul vostro senso di grammatica che crea può essere compensata o ignorata per iscritto casuale. Non vorrei lasciare in piedi in un libro o una colonna pubblicata (tranne questo perché voglio evidenziarlo.)

Il mio punto è che è il mio amore per la matematica che mi permette di fare un gran numero di cose abbastanza bene. Come scrittore, per esempio, Ho fatto abbastanza bene. Ma Attribuisco il mio successo in una certa abilità matematica piuttosto che talento letterario. Non avrei mai iniziare un libro con qualcosa di simile, “Era il migliore dei tempi, era il peggiore dei tempi.” Come una frase di apertura, da tutte le regole matematiche di scrittura ho formulato per me, questo semplicemente non è all'altezza. Ma sappiamo tutti che l'apertura di Dickens, seguendo regole di mine, è forse il migliore in letteratura inglese. Probabilmente cucinare qualcosa di un giorno simile, perché vedo come riassume il libro, e mette in evidenza la disparità tra ricchi e non abbienti a specchio nei personaggi principali contrastanti e così via. In altre parole, Vedo come funziona e può assimilare nel mio libro di cucina di regole (se riesco mai a capire come), e il processo di assimilazione è matematico in natura, soprattutto quando si tratta di uno sforzo cosciente. Approcci basati su regole confuse simili possono aiutare a essere un artista abbastanza intelligente, dipendente, manager o qualsiasi cosa che si imposta vostre viste su, È per questo che una volta si vantava a mia moglie che avrei potuto imparare la musica classica indiana, nonostante il fatto che io sono praticamente stonato.

Così la matematica amorosa è una buona cosa, probabilmente, nonostante la sua apparente svantaggio vis-a-vis cheerleaders. Ma sono ancora di affrontare il mio tema centrale — come possiamo attivamente incoraggiare e sviluppare l'amore per la matematica tra la prossima generazione? Non sto parlando di fare le persone bravo in matematica; Non mi preoccupo di tecniche di insegnamento per sé. Penso Singapore fa già un buon lavoro con quello. Ma per convincere la gente a come la matematica allo stesso modo a loro piace, dire, la loro musica o automobili o sigarette o di calcio prende un po 'più di fantasia. Penso che possiamo realizzarlo mantenendo i modelli base in primo piano. Così, invece di dire ai miei figli che 1/4 è più grande 1/6 perché 4 è minore 6, Io dico loro, “Si può ordinare una pizza per alcuni bambini. Pensi che ogni otterrà più se abbiamo avuto quattro bambini o sei bambini che condividono lo?”

Dal mio precedente esempio sulle distanze geografiche e gradi, Immagino mia figlia un giorno a capire che ogni grado (o circa 100 — corretto da 5% e 6%) significa quattro minuti di jet lag. Si potrebbe anche chiedere perché 60 appare in gradi e minuti e secondi, e imparare qualcosa sulla base del sistema numero e così via. Matematica realmente portare a una prospettiva più ricca sulla vita. Tutto ciò che serve da parte nostra è forse solo per condividere il piacere di godere questa ricchezza. Almeno, che è la mia speranza.

Love of Math

Se amate la matematica, sei un geek — con le stock option nel vostro futuro, ma non cheerleaders. Quindi ottenere un bambino ad amare la matematica è un dono discutibile — stiamo davvero facendo loro un favore? Recentemente, un amico altolocato mio mi ha chiesto di guardare dentro — non solo come ottenere un paio di ragazzi interessati in matematica, ma come uno sforzo educativo generale del paese. Una volta che diventa un fenomeno generale, WhizKids matematica potrebbero godere dello stesso livello di accettazione sociale e popolarità come, dire, atleti e stelle del rock. Un pio desiderio? Può essere…

Sono sempre stato tra le persone a cui piace la matematica. Mi ricordo i miei tempi del liceo, dove uno dei miei amici avrebbe fatto la lunga moltiplicazione e divisione durante gli esperimenti di fisica, mentre vorrei collaborare con un altro amico per cercare logaritmi e cercare di battere il primo tizio, che ha quasi sempre vinto. Non mi importa chi ha vinto; il semplice fatto che avremmo giochi dispositivo del genere da adolescenti forse presagire un futuro cheerleader-less. Come si è scoperto, il ragazzo lungo la moltiplicazione è cresciuto fino a essere un banchiere altolocato in Medio Oriente, senza dubbio grazie alle sue doti non di cheerleader-fobico, math-phelic genere.

Quando mi sono trasferito a IIT, questo geekiness matematico ha raggiunto un livello completamente nuovo. Anche tra il geekiness generale che permeava l'aria IIT, Mi ricordo un paio di ragazzi che spiccava. C'era “Ambiguo” che ha anche avuto il dubbio onore di avermi fatto conoscere il mio vergine Kingfisher, e “Dolore” sarebbe drawl molto addolorato “Ovviamente Yaar!” quando abbiamo, i geek minori, non è riuscito a seguire prontamente una sua particolare linea di acrobazie matematiche.

Tutti noi avevamo un amore per la matematica. Ma, da dove proviene? E come nel mondo dovrei farne un strumento educativo generale? Impartire la matematica amore di un bambino non è troppo difficile; basta fare il divertimento. L'altro giorno, quando stavo guidando in giro con mia figlia, ha descritto qualche forma (in realtà il bernoccolo sulla fronte della nonna) come una mezza sfera. Le ho detto che era in realtà un emisfero. Poi ho evidenziato a lei che stavamo per l'emisfero australe (Nuova Zelanda) per la nostra vacanza il giorno successivo, dall'altra parte del globo rispetto a Europa, che era perché era estate. E infine, Le ho detto che Singapore era sull'equatore. Mia figlia ama correggere persone, così ha detto, non, non era. Le ho detto che eravamo su 0.8 gradi a nord dell'equatore (Spero di essere stato a destra), e ho visto la mia apertura. Le ho chiesto cosa la circonferenza di un cerchio è stato, e le disse che il raggio della Terra era di circa 6000 km, e lavorato fuori che eravamo circa 80 km a nord dell'equatore, che è stato nulla in confronto a 36 mila chilometri grande cerchio intorno alla terra. Poi abbiamo lavorato fuori che abbiamo fatto un 5% approssimazione il valore di pi, quindi il numero corretto era di circa 84 km. Ho potuto dirle che abbiamo fatto un altro 6% ravvicinamento del raggio, il numero sarebbe più come 90 km. E 'stato divertente per lei a lavorare fuori queste cose. Immagino il suo amore per la matematica è stata aumentata un po '.

Foto di Dylan231

L'Unreal Universe

Sappiamo che il nostro universo è un po 'irreale. Le stelle che vediamo nel cielo notturno, per esempio, non sono veramente lì. Essi possono essere spostati o addirittura morti per il momento si arriva a vederli. Ci vuole tempo per viaggiare luce dalle stelle e galassie lontane per raggiungerci. Sappiamo di questo ritardo. Il sole che vediamo oggi è già otto minuti vecchio per il momento vediamo, che non è un grosso problema. Se vogliamo sapere cosa sta succedendo al sole in questo momento, tutto quello che dobbiamo fare è aspettare per otto minuti. Ciò nonostante, noi dobbiamo “corretto” per il ritardo nella nostra percezione a causa della velocità finita della luce prima che possiamo fidarci di ciò che vediamo.

Ora, questo effetto solleva una questione interessante — quello che è il “reale” cosa che noi vediamo? Se vedere per credere, la roba che si vede dovrebbe essere la cosa reale. Poi di nuovo, sappiamo che l'effetto tempo di viaggio della luce. Quindi dovremmo correggere ciò che vediamo prima di credere che. Che poi fa “vedere” dire? Quando diciamo che vediamo qualcosa, che cosa significa realmente?

Seeing coinvolge luce, ovviamente. È il finito (seppur molto elevato) velocità di influenze di luce e distorce il nostro modo di vedere le cose, come il ritardo nel vedere oggetti come le stelle. Ciò che sorprende (e raramente evidenziato) è che quando si tratta di vedere oggetti in movimento, Non siamo in grado di back-calcolare nello stesso modo prendiamo il ritardo nel vedere il sole. Se vediamo un corpo celeste si muove ad una improbabile alta velocità, Non siamo in grado di capire quanto velocemente e in quale direzione è “davvero” muoversi senza fare ulteriori ipotesi. Un modo di gestire questa difficoltà è quella di attribuire gli distorsioni nella nostra percezione delle proprietà fondamentali dell'arena della fisica — spazio e tempo. Un altro corso di azione è quello di accettare la disconnessione tra la nostra percezione e il sottostante “realtà” e trattare con esso in qualche modo.

Questo scollamento tra ciò che vediamo e ciò che è là fuori non è sconosciuto a molte scuole filosofiche di pensiero. Fenomenismo, per esempio, è dell'avviso che spazio e tempo non sono realtà oggettive. Essi sono semplicemente il mezzo della nostra percezione. Tutti i fenomeni che avvengono nello spazio e nel tempo sono solo fasci della nostra percezione. In altre parole, spazio e tempo sono costrutti cognitivi derivanti dalla percezione. Così, tutte le proprietà fisiche che noi attribuiamo allo spazio e il tempo può applicarsi solo alla realtà fenomenica (la realtà come noi percepiamo). La realtà noumenica (che detiene le cause fisiche della nostra percezione), al contrario, rimane fuori della nostra portata conoscitiva.

Uno, quasi accidentale, difficoltà di ridefinire gli effetti della velocità finita della luce come le proprietà dello spazio e del tempo è che qualsiasi effetto che noi comprendiamo viene immediatamente relegato nel regno delle illusioni ottiche. Per esempio, il ritardo di otto minuti nel vedere il sole, perché possiamo facilmente capire e dissociarsi dalla nostra percezione utilizzando semplice aritmetica, è considerato una mera illusione ottica. Tuttavia, le distorsioni nella nostra percezione di oggetti in rapido movimento, anche se provenienti dalla stessa fonte sono considerati una proprietà dello spazio e del tempo, perché sono più complessi. Ad un certo punto, dobbiamo fare i conti con il fatto che quando si tratta di vedere l'universo, non vi è alcuna cosa come un'illusione ottica, che è probabilmente quello che Goethe ha sottolineato quando ha detto, “Illusione ottica è verità ottica.”

More about The Unreal UniverseLa distinzione (o la mancanza di) tra illusione ottica e la verità è uno dei più antichi dibattiti in filosofia. Dopotutto, si tratta della distinzione tra conoscenza e realtà. La conoscenza è considerata la nostra opinione su qualcosa che, in realtà, è “effettivamente il caso.” In altre parole, la conoscenza è un riflesso, o un'immagine mentale di qualcosa di esterno. In questa immagine, la realtà esterna passa attraverso un processo di divenire nostra conoscenza, che comprende la percezione, attività cognitive, e l'esercizio della ragione pura. Questa è l'immagine che la fisica è giunta ad accettare. Pur riconoscendo che la nostra percezione può essere imperfetta, fisica presuppone che possiamo ottenere sempre più vicino alla realtà esterna attraverso la sperimentazione sempre più fine, e, ancora più importante, attraverso una migliore teorizzazione. Le teorie speciali e generale della relatività sono esempi di applicazioni brillanti di questa visione della realtà in cui semplici principi fisici stanno inesorabilmente perseguiti con la macchina formidabile della ragione pura alle loro conclusioni logicamente inevitabili.

Ma c'è un altro, vista in competizione della conoscenza e della realtà che è stato intorno per un lungo periodo. Questa è la vista che considera la realtà percepita come una rappresentazione cognitiva interna dei nostri input sensoriali. In questa visione, conoscenza e la realtà percepita sono entrambi costrutti cognitivi interni, anche se siamo arrivati ​​a pensare a loro come separati. Ciò che è esterno non è la realtà come noi la percepiamo, ma una entità inconoscibile dando origine alle cause fisiche che stanno dietro input sensoriali. In questa scuola di pensiero, costruiamo la nostra realtà in due, spesso si sovrappongono, passi. La prima fase consiste nel processo di rilevamento, e la seconda è quella di ragionamento cognitivo e logico. Possiamo applicare questa visione della realtà e della conoscenza alla scienza, ma per farlo, dobbiamo indovinare la natura della realtà assoluta, inconoscibile come è.

Le ramificazioni di queste due diverse posizioni filosofiche sopra descritte sono enormi. Dal momento che la fisica moderna ha abbracciato una visione non-fenomenistica dello spazio e del tempo, essa si trova in contrasto con quella branca della filosofia. Questo abisso tra la filosofia e la fisica è cresciuta a tal punto che il premio Nobel per la fisica vincente, Steven Weinberg, chiesti (nel suo libro “Sogni di una teoria finale”) perché il contributo dalla filosofia alla fisica sono stati così sorprendentemente piccolo. Richiede anche filosofi di fare affermazioni come, “La realtà noumenica Sia 'provoca realtà fenomenica’ o se 'la realtà noumenica è indipendente dalla nostra rilevamento esso’ o se 'noi percepiamo la realtà noumenica,’ resta il problema che il concetto di realtà noumenal è un concetto completamente ridondante per l'analisi della scienza.”

Dal punto di vista delle neuroscienze cognitive, tutto ciò che vediamo, senso, sentire e pensare è il risultato delle interconnessioni neuronali del nostro cervello e dei segnali elettrici molto piccoli in loro. Questo punto di vista deve essere giusto. Che altro c'è? Tutti i nostri pensieri e preoccupazioni, conoscenze e credenze, Io e la realtà, la vita e la morte — tutto è cotture solo neuronali in uno e mezzo kg di appiccicoso, materiale grigio che noi chiamiamo il nostro cervello. Non c'è niente altro. Niente!

Infatti, questa visione della realtà in neuroscienze è un'eco esatta di fenomenismo, che considera tutto ciò che un fascio di percezione o di costrutti mentali. Spazio e tempo sono anche costrutti cognitivi nel nostro cervello, come tutto il resto. Sono immagini mentali nostro cervello inventare fuori degli ingressi sensoriali che i nostri sensi ricevono. Generato dalla nostra percezione sensoriale e fabbricato dal nostro processo cognitivo, il continuum spazio-temporale è l'arena della fisica. Di tutti i nostri sensi, la vista è di gran lunga quella dominante. L'input sensoriale di vista è luce. In uno spazio creato dal cervello fuori della luce che cade sulla nostra retina (o sui sensori del telescopio Hubble foto), è una sorpresa che nulla può viaggiare più veloce della luce?

Questa posizione filosofica è la base del mio libro, L'Unreal Universe, che esplora i fili comuni fisica e filosofia vincolanti. Tali riflessioni filosofiche di solito ricevono una cattiva reputazione da noi fisici. Per i fisici, La filosofia è un campo completamente diverso, un altro silo di conoscenza, che detiene alcuna rilevanza per i loro sforzi. Dobbiamo cambiare questa convinzione e apprezziamo la sovrapposizione tra i diversi silos di conoscenza. E 'in questa sovrapposizione che possiamo aspettarci di trovare grandi conquiste del pensiero umano.

La torsione di questa storia di luce e la realtà è che ci sembra di aver conosciuto tutto questo per un lungo tempo. Scuole filosofiche classiche sembrano aver pensato a lungo linee molto simili a ragionamenti di Einstein. Il ruolo della luce nel creare la nostra realtà o universo è al centro del pensiero religioso occidentale. Un universo privo di luce non è semplicemente un mondo in cui avete spento le luci. Si tratta infatti di un universo privo di sé, un universo che non esiste. E 'in questo contesto che dobbiamo capire la saggezza dietro l'affermazione che “la terra era senza forma, e nulla” luce fino a che Dio fece ad essere, dicendo “Sia la luce.”

Il Corano dice anche, “Allah è la luce dei cieli e della terra,” che si rispecchia in una delle antiche scritture indù: “Conducimi dalle tenebre alla luce, conducimi dall'irreale al reale.” Il ruolo della luce nel prendere noi dal vuoto irreale (il nulla) ad una realtà stato infatti inteso per lungo, a lungo. E 'possibile che gli antichi santi e profeti sapevano cose che stiamo solo ora cominciando a scoprire con tutti i nostri progressi presunte conoscenze?

So che può affretteremo dove gli angeli hanno paura di camminare, per reinterpretare le Scritture è un gioco pericoloso. Tali interpretazioni aliene sono raramente ammessi nei circoli teologici. Ma Mi rifugio nel fatto che sto cercando concorso nelle vedute metafisiche di filosofie spirituali, senza sminuire il loro valore mistico e teologico.

I paralleli tra la distinzione noumenico-fenomenico nel fenomenismo e l' Brahman-Maya distinzione in Advaita sono difficili da ignorare. Questa saggezza time-tested sulla natura della realtà dal repertorio di spiritualità è ora reinventata in neuroscienze moderne, che tratta la realtà come una rappresentazione cognitiva creata dal cervello. Il cervello utilizza gli input sensoriali, memoria, coscienza, e anche il linguaggio come ingredienti in inventando il nostro senso della realtà. Questa visione della realtà, tuttavia, è qualcosa che la fisica è ancora a venire a patti con. Ma nella misura in cui la sua arena (spazio e tempo) è una parte della realtà, la fisica non è immune alla filosofia.

Mentre spingiamo sempre di più i confini della nostra conoscenza, stiamo cominciando a scoprire le interconnessioni finora insospettati e spesso sorprendenti tra i diversi rami di sforzi umani. In ultima analisi, come possono i diversi campi della nostra conoscenza essere indipendenti l'uno dall'altro, quando tutta la nostra conoscenza risiede nel nostro cervello? La conoscenza è una rappresentazione cognitiva delle nostre esperienze. Ma allora, così è la realtà; si tratta di una rappresentazione cognitiva dei nostri input sensoriali. E 'un errore pensare che la conoscenza è la nostra rappresentazione interna di una realtà esterna, e quindi distinta da essa. La conoscenza e la realtà sono entrambi costrutti cognitivi interni, anche se siamo arrivati ​​a pensare a loro come separati.

Riconoscere e facendo uso delle interconnessioni tra i diversi ambiti dell'attività umana può essere il catalizzatore per il prossimo passo avanti nella nostra saggezza collettiva che siamo stati in attesa per.

Nella nostra difesa

La crisi finanziaria è stata una vera e propria miniera d'oro per i cronisti come me. Io, per una, pubblicato almeno cinque articoli sul tema, comprese le sue cause, il lezioni apprese, e, più autoironico di tutti, i nostri eccessi che hanno contribuito ad esso.

Guardando indietro a questi miei scritti, Mi sento come se io sia stato un po 'eccessivo per noi. Ho provato a smorzare le mie accuse di avidità (e forse la decadenza) sottolineando che era l'aria generale di avidità insaziabile dell'era in cui viviamo che ha generato le oscenità e artisti del calibro di Madoff. Ma ho fatto concedere l'esistenza di un livello superiore di avidità (o, più precisamente, un tipo più sazio di avidità) tra noi banchieri e professionisti quantitativi. Non sto ritrattando le mie parole in questo pezzo ora, ma voglio sottolineare un altro aspetto, una giustificazione se non un'assoluzione.

Perché dovrei voler difendere bonus e altri eccessi quando un'altra ondata di odio pubblico sta lavando sulle multinazionali, grazie alla fuoriuscita di petrolio potenzialmente inarrestabile? Bene, Credo che io sono un pollone per cause perse, proprio come Rhett Butler, come il nostro modo quant della vita tranquilla con i bonus folli, ma è tutto andato con il vento ora. A differenza dell'onorevole. Maggiordomo, tuttavia, Devo combattere e sfatare le mie argomentazioni presentate qui in precedenza.

Uno degli argomenti che ho voluto fare buchi in era l'angolo di un equo compenso. Si è sostenuto nei nostri ambienti, che lo stipendio grasso era solo un adeguato risarcimento per le lunghe ore di duro lavoro che la gente nella nostra linea di lavoro mettono in. I annullata esso, Penso che, sottolineando altre professioni ingrati cui le persone lavorano di più e più a lungo senza ricompense da raccontare a casa. Il duro lavoro non ha alcuna correlazione con ciò che si ha il diritto di. Il secondo argomento che ho preso in giro era onnipresente “talento” angolo. Al culmine della crisi finanziaria, era facile ridere fuori l'argomento talent. Oltre a, c'era poca domanda per il talento e un lotto di fornitura, in modo che il principio di base di economia potrebbe applicarsi, come la nostra storia di copertina mostra in questo numero.

Di tutti gli argomenti per grandi pacchetti di compensazione, il più convincente era quella dell'utile condivisione. Quando i migliori talenti prendono rischi enormi e generano profitto, hanno bisogno di essere data una congrua parte del bottino. Altrimenti, dove è l'incentivo a produrre ancora più profitti? Questo argomento ha perso un po 'del suo morso, quando i profitti negativi (e con questo intendo davvero perdite) doveva essere sovvenzionato. Tutta questa saga mi ha ricordato qualcosa che una volta Scott Adams ha detto di acquirenti di rischio. Ha detto che i acquirenti di rischio, per definizione, spesso non riescono. Quindi fare idioti. In pratica, è difficile distinguerli. Se i deficienti raccogliere ricompense? Questa è la domanda.

Detto tutto questo nei miei articoli precedenti, ora è il momento di trovare alcuni argomenti a nostra difesa. Ho lasciato fuori un argomento importante nei miei articoli precedenti, perché non ha sostenuto la mia tesi generale — che i generosi bonus non erano tutto ciò che giustificabile. Ora che ho acceso fedeltà alla causa persa, mi permetta di presentarla come forza che posso. Per vedere i pacchetti di compensazione e premi di risultato in una luce diversa, dobbiamo prima guardare in qualsiasi azienda tradizionale in mattoni e malta. Consideriamo un produttore di hardware, per esempio. Supponiamo che questo negozio hardware nostro fa molto bene uno anno. Che cosa fare con il profitto? Sicuro, gli azionisti hanno un morso sano fuori di esso in termini di dividendi. I dipendenti ricevono bonus decenti, fiduciosamente. Ma che cosa facciamo per assicurare la continua profittabilità?

Potremmo forse vedere premi a dipendenti come un investimento nel futuro della redditività. Ma il vero investimento in questo caso è molto più fisica e tangibile di quello. Potremmo investire in hardware macchinari di produzione e tecnologia migliorando la produttività per gli anni a venire. Potremmo anche investire in ricerca e sviluppo, se sottoscriviamo un orizzonte temporale più lungo.

Guardando in questa direzione, potremmo chiederci che cosa l'investimento corrispondente sarebbe per un istituto finanziario. Esattamente come facciamo a reinvestire in modo da poter trarre vantaggi in futuro?

Possiamo pensare di edifici migliori, tecnologie informatiche e software, ecc. Ma data la scala dei profitti coinvolti, e il costo e beneficiare di questi miglioramenti incrementali, tali investimenti non sono all'altezza. In qualche modo, l'impatto di questi piccoli investimenti non è così impressionante nell'esecuzione di un istituto finanziario rispetto ad una società di mattoni e malta. La ragione di questo fenomeno è che la “hardware” si tratta di (nel caso di un istituto finanziario) è davvero risorse umane — persone — me e te. Quindi l'unica opzione di reinvestimento ragionevole è nelle persone.

Così arriviamo alla domanda successiva — come facciamo a investire nelle persone? Potremmo utilizzare un numero qualsiasi di epiteti eufemistici, ma alla fine della giornata, è la linea di fondo che conta. Investiamo nelle persone da loro premiando. Monetariamente. Il denaro parla. Siamo in grado di vestire in su dicendo che stiamo premiando le prestazioni, condivisione dei profitti, talenti ritegno ecc. Ma alla fine, tutto si riduce a garantire la produttività futura, molto simile al nostro negozio di ferramenta di acquistare un nuovo pezzo di fantasia di attrezzature.

Ora l'ultima domanda è da porsi. Chi sta facendo la investire? Chi trae vantaggio quando la produttività (presenti o future) sale? La risposta può sembrare troppo ovvio a prima vista — è chiaramente gli azionisti, i proprietari del istituto finanziario che beneficeranno. Ma nulla è in bianco e nero nel torbido mondo della finanza globale. Gli azionisti non sono solo un gruppo di persone in possesso di un pezzo di carta che attesta la loro proprietà. Ci sono investitori istituzionali, che per lo più lavorare per gli altri istituti finanziari. Sono persone che si spostano grandi vasi di denaro dai fondi pensione e depositi bancari e simili. In altre parole, è gruzzolo dell'uomo comune, se non esplicitamente legati ai titoli azionari, che compra e vende azioni di grandi società pubbliche. Ed è l'uomo comune che beneficia dei miglioramenti di produttività apportati dagli investimenti, come gli acquisti di tecnologia o il pagamento dei premi. Almeno, cioè la teoria.

Questa proprietà distribuita, il segno distintivo del capitalismo, solleva alcune domande interessanti, Penso che. Quando una grande società petrolifera trapani un foro inarrestabile nei fondali marini, troviamo facile dirigere il nostro ire ai suoi dirigenti, leggendo il loro jet snob e altri lussi vessatorie che si permettono. Non stiamo dimenticando il fatto che tutti noi proprio un pezzo della società? Quando il governo eletto di una nazione democratica dichiara guerra su un altro paese e uccide un milione di persone (parlando ipoteticamente, naturalmente), qualora la culpa limitarsi ai presidenti e generali, o dovrebbe percolato fino alle masse che, direttamente o indirettamente, delegati e affidato il loro potere collettivo?

Più al punto, quando una banca distribuisce enormi bonus, non è che un riflesso di quello che tutti noi chiedono in cambio per i nostri piccoli investimenti? Visto in questa luce, È sbagliato che i contribuenti in ultima analisi, hanno dovuto pagare il conto quando tutto è andato a sud? Io resto il mio caso.

Singapore graceless

Noi di Singapore hanno un problema. Siamo graceless, dicono. Così ci alleniamo noi stessi a dire le giuste parole magiche al momento giusto e di sorridere a intervalli casuali. Abbiamo ancora venire attraverso come un po 'sgraziato, a volte.

Dobbiamo stringere i denti e affrontare la musica; potremmo essere un po 'sul lato scortese — quando giudicato dalle norme occidentali di grazia pasticky reso popolare dai media. Ma non facciamo troppo male quando giudicato dal nostro miscuglio di culture asiatiche, alcuni dei quali considerano la frase “Grazie” in modo formale, che è quasi un insulto a pronunciarla.

Uno dei modi asiatici di fare le cose è quello di mangiare tagliatelle come un mini aspirapolvere. Questo amico Singapore mio stava facendo proprio questo, mentre a pranzo con me e il collega francese. Ho appena notato che i piccoli rumori; Dopotutto, Vengo da una cultura in cui rutti rumorosi alla fine di un pasto sono considerati un complimento per l'host. Ma il nostro amico francese ha trovato l'azione di aspirazione molto maleducato e fastidioso, e fatto commenti francesi in tal senso (ignorando, naturalmente, il fatto che è maleducato di escludere le persone parlando in un linguaggio privato). Ho cercato di spiegargli che non era scortese, proprio come è stato fatto qui, ma senza alcun risultato.

La vera domanda è questa — Non dipingiamo una sottile patina di cortesia sul nostro modo naturale di fare le cose in modo che possiamo trasudano grazia a la Hollywood? La sottigliezza di questo tipo di grazia echeggia forte e chiaro nel messaggio di saluto standard di un impiegato checkout in un tipico supermercato americano: “Come’ ya facendo oggi?” La risposta attesa è: “Buono, come stai?” alla quale l'impiegato è quello di dire, “Buono, buono!” Il primo “Buono” presumibilmente per la vostra inchiesta grazioso dopo il suo benessere, il secondo esprime soddisfazione al vostro perfetto stato di beatitudine. Una volta ho deciso di fare il buffone e risposto alla onnipresente “Come’ ya doin '?” da: “Uomo scadente, il mio cane appena morto.” La risposta inevitabile e unhesitating era, “Buono, buono!” Non abbiamo bisogno di questo tipo di superficiale grazia?

La grazia è come la grammatica di un linguaggio sociale inespresso. A differenza dei suoi omologhi vocali, il linguaggio dei costumi sociali sembra precludere il multilinguismo, portando ad un rifiuto quasi xenofobo di altre norme di vita. Siamo tutti convinti che il nostro modo di fare le cose e le nostre visioni del mondo sono quelli giusti solo. Naturalmente anche, altrimenti non saremmo tenere a nostre convinzioni, sarebbe noi? Ma, in un mondo sempre più globalizzato e appiattimento, facciamo sentire un alieno po 'perché i nostri valori e le grazie sono spesso classificati dalle norme alieni.

Presto, verrà un giorno in cui noi tutti conformi alle norme prescritte per noi dai media globali e reti di intrattenimento. Il nostro amorfo “Come’ ya doin '?”s e “Buono, buono”s sarà quindi indistinguibile dalle prescrizioni.

Quando penso a quella inevitabile giorno, Soffro una fitta di nostalgia. Spero di poter mantenere il ricordo delle grazie sociali giudicati da norme più rigorose — di gratitudine espressa in sorrisi timidi, affetti ritratte in sguardi fugaci, e obbligazioni Definizione della vita convogliati in gesti non dette.

In definitiva, la grazia collettiva di una società è quello di essere giudicato, non da sottigliezze lucido, ma da come tratta la sua molto vecchio e molto giovane. E ho paura che stiamo cominciando a trovare noi stessi che vogliono in questi fronti. Abbiamo messo i nostri bambini attraverso un'enorme quantità di stress, li prepara per una vita ancora più stressante, e involontariamente privandoli della loro infanzia.

E, quando vedo quelle zie e zii pulizia dopo di noi nel mangiare case, Vedo più che la nostra mancanza di grazia. Mi vedo nei miei anni di crepuscolo, alienati in un mondo andato strano su di me. Quindi cerchiamo di dedicare un sorriso, e un cenno di ringraziamento quando li vediamo — si può mostrare la grazia a noi stessi qualche decennio lungo la linea.